Come cominciare a coltivare l'orto

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Coltivare l'orto è una pratica antica che dona piacere e profitti. Il piacere è quello della occuparsi della coltivazione e vedere man mano i propri sforzi ripagati dalla crescita delle piante. I profitti ovviamente sono nel non dovere acquistare verdure e ortaggi e mangiare un prodotto fresco e sicuro. Coltivare un orto non è un'impresa impossibile ma occorre costanza e dedizione e un minimo di conoscenza di tecnica di coltivazione. Scopriamo quindi come cominciare a coltivare l'orto, quali elementi tenere in considerazione per creare e gestire la propria coltivazione di ortaggi e verdure o erbe utili quali la camomilla o la valeriana.

24

Scelta del luogo

Per iniziare a coltivare un orto si deve partire dalla scelta del luogo in cui posizionarlo. Lo spazio deve essere sufficientemente grande da poter realizzare una diversificazione delle colture. Ovviamente nemmeno troppo grande da non poter essere coltivato da una sola o poche persone. Nel calcolare lo spazio a disposizione si deve prevedere una zona per il compostaggio. La posizione migliore per un orto è in un luogo molto soleggiato, sono da evitare le zone che gran parte della giornata sono ombreggiate.

34

Lavorare il terreno

Una volta deciso il luogo in cui far crescere il proprio orto si può iniziare a lavorare il terreno. Questo va lavorato abitualmente in due diversi periodi dell'anno. Il primo periodo è quello autunnale-invernale in cui si deve vangare il terreno di circa 20-30 centimetri di profondità con lo scopo di renderlo più morbido. Tutte le erbacce ed i sassi vanno eliminati ed il terreno va trattato con il compost. Il secondo periodo annuale in cui si lavora il terreno è quello che precede la messa a dimora delle piante.

Continua la lettura
44

Calendario della semina, irrigazione, parassiti, raccolto

Scelto il luogo e lavorato il terreno non resta altro da fare che decidere quali ortaggi o verdure coltivare e predisporre il proprio calendario della semina. Muniti appunto del calendario si organizza la semina di ogni pianta secondo le stagioni. Molto importante è prevedere una rotazione delle colture. L'irrigazione di regola non dovrà mai essere molto abbondante, ma nell'eseguirla si deve tenere conto delle esigenze specifiche di ciascuna pianta e della stagione. Per eliminare i parassiti è consigliabile non ricorrere a prodotti industriali, meglio ricercare invece rimedi naturali quali la semina diffusa di aglio nell'orto. Il raccolto va effettuato con le mani evitando di servirsi di forbici. Questi elencati sopra sono solo alcuni principi base per coltivare un orto ma molto verrà con l'esperienza quotidiana.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come coltivare l'orto

Se vogliamo mangiare sano, senza spendere molto per costosissimi prodotti coltivati biologicamente, la soluzione ottimale è quella di coltivarci da soli un bell'orto pieno di verdure. Anche se non possediamo il classico pollice verde, non preoccupiamoci,...
Giardinaggio

5 motivi per iniziare a coltivare un orto

Viviamo di fretta, senza mai avere un minuto per noi stessi. Andiamo al supermercato e compriamo quel che troviamo nel banco ortofrutta. L'unica cosa a cui badiamo, generalmente, è il prezzo. Magari scartiamo i pezzi dalla forma più irregolare. Non...
Giardinaggio

Come coltivare un orto rampicante sul balcone

In tempi di crisi cercare un po' di autonomia risulta, ogni giorno, sempre più uno stile di vita. La natura può fare per noi la differenza. Di fatti, sono i fattori scatenanti la crisi stessa a spingere sempre più persone a coltivare un orto rampicante...
Giardinaggio

Come coltivare un orto biodinamico

Se abbiamo un pezzettino di terra e decidiamo di coltivare degli ortaggi, possiamo realizzare un orto biodinamico che si basa sulla coltivazione solo di prodotti naturali; infatti, anche i concimi e i pesticidi sono di questa origine. A tale proposito...
Giardinaggio

Come cominciare a coltivare i bonsai

"Bonsai", noi occidentali lo interpretiamo in due modi. Il bonsai, o meglio, quel bell'alberello che vediamo nei negozi. Quello piccolino, di cui vendono anche tanti manuali perché difficile da potare. Ma anche l'arte orientale di coltivare miniature...
Giardinaggio

Come coltivare un piccolo orto in giardino

Quando si ha un piccolo spazio da dedicare al giardinaggio si potrebbe prendere in considerazione l'idea di creare un piccolo orticello. In questo modo potremmo coltivare qualche piante che può darci qualche piccolo ortaggio o frutto. Basta veramente...
Giardinaggio

Come coltivare l'avocado nell'orto

Quante volte abbiamo mangiato un frutto esotico con gusto e ci siamo detti "magari potessimo averlo sempre a disposizione"? Beh questo non è un sogno irrealizzabile: con l'innalzamento delle temperature infatti oggi è possibile avere anche in Italia...
Giardinaggio

10 buoni motivi per coltivare un orto con i bambini

Una bella idea per stare a contatto con la natura e magari ricavando pure qualche buon ortaggio o frutto, è quella di avere la possibilità di coltivare un orticello anche con i bambini. Potremo coinvolgerli nei lavoretti da svolgere oppure semplicemente...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.