Come Conservare Correttamente I Panetti Di Fimo E Cernit Aperti

tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

Chiunque utilizzi il fimo o il cernit per la messa in opera di creazioni uniche ed originali, conosce bene questo tipo di materiali. In particolare, il fimo è una pasta sintetica modellabile. Con la dote di divenire malleabile al calore. Dopo averla così facilmente lavorata, si cuoce in forno. La cottura la indurisce rendendo gli oggetti ben compatti. Ma per entrambi i materiali, fimo e cernit, si pone il medesimo quesito. Onde evitare una loro spiacevole ed anticipata asciugatura, come è possibile conservare correttamente i panetti di fimo e cernit, una volta aperti?

27

Occorrente

  • Panetti di fimo e sacchetti di plastica.
37

La corretta conservazione dei panettieri di fimo e cernit consentirà un risparmio economico non indifferente. Si tratta infatti di materiali piuttosto costosi. Da ben proteggere per nuovi utilizzi. Cercheremo principalmente di lasciare integro, quanto più possibile, l'involucro in plastica che li avvolge. Preleveremo pertanto la quantità di pasta desiderata. Poi chiuderemo la confezione, sigillandola con del nastro adesivo.

47

Se l'involucro di plastica originale risulta troppo danneggiato, procederemo diversamente. Per conservare i panetti aperti di fimo e cernit, ricorreremo all'uso di sacchetti in plastica, del genere di quelli per alimenti. Apriamoli per bene ed inseriamo all'interno il pezzo di fimo da conservare. Stringiamo nel pugno, quindi, la sezione "piena" del sacchetto. Facendo scorrere l'altra mano lungo tutto il sacchetto elimineremo l'aria presente all'interno.

Continua la lettura
57

In seguito eseguiamo un nodo a chiusura definitiva del sacchetto. Utilizzeremo, naturalmente, un sacchetto differente per ogni colore. Nel caso non avessimo a disposizione dei sacchetti in plastica di questo tipo, utilizziamo per ogni panetto un piccolo contenitore in plastica rigida, del tipo di quelli per la conservazione di sale e zucchero. Dal momento che sia il fimo che il cernit perdono colore e bellezza all'umidità, evitiamo di collocare i panetti in un luogo umido. Bisognerà leggere e seguire attentamente le istruzioni d'utilizzo.

67

Il fimo non deve essere cotto nel microonde. Ma occorrerà cuocerlo nel forno di casa a 130°C per 30 minuti, secondo le istruzioni indicate sui panetti. In realtà dipende molto dal tipo di forno e dalla reale temperatura, da misurare con un termometro. Potremo utilizzare anche un fornetto elettrico. Sia per praticità sia perché il fimo, se brucia, può rilasciare sostanze nocive. L'unico modo per verificare la cottura è testare la temperatura all'interno del forno. Inizieremo dopo dieci minuti dall'inserimento della pasta e controlleremo ogni 5 minuti. Noteremo il cambiamento di colore e di consistenza. La vernice finale si usa come protettivo, ma anche per dare una lucentezza che può essere opaca o più brillante. Sarà infine la nostra immaginazione a volare e la nostra creatività a prendere forma.

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Non cuocere il fimo nel forno a microonde.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Materiali e Attrezzi

Come lavorare il fimo liquido

Nell'hobbistica del fai da te, il fimo liquido riveste un ruolo importante: sin dalla prima commercializzazione del prodotto molti hanno intuito di poter lavorare in piena libertà con il composto, sfruttando le sue caratteristiche in tanti modi diversi....
Materiali e Attrezzi

Come scegliere il fimo per le proprie creazioni

Il fimo, chiamato anche argilla polimerica, è una specie di plastilina sintetica induribile a base di polivinile polimero di cloruro (PVC). Essa tipicamente non contiene minerali argillosi, ma viene aggiunto un liquido di particelle secche fino al raggiungimento...
Materiali e Attrezzi

10 regole per ammorbidire il fimo

Il fimo è un materiale utilizzato prevalentemente per la creazione di oggetti decorativi, anche se nasce in origine come pasta per scolpire. Questo è possibile per via della sua consistenza, facilmente plasmabile. Purtroppo, però, può capitare che...
Materiali e Attrezzi

Come Realizzare Lo Swirl Nella Lavorazione Col Fimo

Vi state avvicinando adesso al mondo dei fimo e desiderate allargare i vostri orizzonti creativi? Allora dovrete assolutamente provare ad effettuare la meravigliosa tecnica dello swirl, con la quale potrete facilmente creare degli oggetti caratterizzati...
Materiali e Attrezzi

Come conservare la pasta di sale

Molta gente ama realizzare oggetti vari utilizzando diverse tipologie di tecniche e materiali, quali ad esempio pasta di sale, das, fimo, pasta di maizena e così via. Naturalmente, imparando ad effettuare perfettamente questa specifica operazione, non...
Materiali e Attrezzi

Come conservare la pittura avanzata

Sono davvero tante le persone che, pur non essendo particolarmente esperte in fatto di pittura, per risparmiare si dedicano autonomamente a questa attività per tinteggiare le pareti di casa propria. Solitamente, infatti, il lavoro viene effettuato per...
Materiali e Attrezzi

Come utilizzare correttamente il cricchetto reversibile

Tra gli strumenti utilissimi e più utilizzati nell’arte del fai da te esiste il cricchetto reversibile. Questo strumento riduce i tempi e semplifica di molto alcuni movimenti basilare. Ovviamente questo utensile può venire utile per tante occasioni...
Materiali e Attrezzi

Come utilizzare correttamente il compressore

Frequentemente può capitare di avere a che fare con strumenti difficili da utilizzare, almeno in apparenza. Si può trattare di apparecchi come smartphone di ultima generazione o di elettrodomestici fino ad arrivare a macchinari complessi per i meno...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.