Come Conservare E Far Seccare Le Mimose

Tramite: O2O 26/02/2017
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Se siamo degli amanti dei fiori e ci piacerebbe riuscire a decorare sempre la nostra abitazione con questi bellissimi e profumati elementi, sicuramente sapremo che una volta tagliati dalla pianta i fiori hanno una durata di pochi giorni prima di seccarsi. Tuttavia anziché utilizzare dei fiori sempre freschi, potremo provare a decorare i vari ambienti della nostra casa con dei fiori secchi, in questo modo non avremo più problemi sulla loro durata e potremo ottenere delle bellissimi composizione molto più durature. Per realizzare le nostre composizioni di fiori secchi, potremo o acquistarli già essiccati, o in alternativa potremo scegliere noi stessi i fiori che più preferiamo e seguire una serie di procedure che ci consentano di conservare correttamente il fiore dopo la sua seccatura. Nei passi successivi, in particolare, vedremo come fare per riuscire a far seccare e conservare correttamente le mimose.

26

Occorrente

  • Mazzetto di mimose
  • Carta trasparente o sacchetto trasparente
  • Rafia
  • Forbici
  • Luogo asciutto
  • Molletta da bucato
  • Carta assorbente
36

Per prima cosa, nel mazzo potremo avere altri tipi di fiori. Se si tratta di una rosa (di qualunque qualità) teniamola pure, se invece è una gerbera o un tulipano togliamola e mettiamola in un vaso con dell'acqua, perché altrimenti seccheranno. Con i fiori che abbiamo, creiamo un mazzetto e quindi avvolgiamo i fiori in carta trasparente, del tipo che si usa nelle fioriere, oppure in un sacchetto sempre trasparente. Per tenerli uniti, poco sopra i gambi, leghiamo il mazzo con del filo di rafia che avremo tagliato in precedenza, facciamo quindi un nodo e un fiocco, che servirà per fare stare insieme i fiori e tenerli compatti.

46

Cerchiamo un posto della casa, ideale sarebbe una soffitta, dove possiamo appendere il nostro mazzo di fiori. Il luogo non deve essere umido ma asciutto, anche se è consigliabile che circoli dell'aria, quindi se abbiamo una soffitta, apriamo di tanto in tanto le finestre. Con una molletta da bucato, appendiamo il mazzo rivolto in giù, quindi il gambo sarà dalla parte della molletta. Potremo pensare di appenderlo ad un'estremità di un filo dove stendete i nostri panni, così resterà fermo e al contempo non darà fastidio. Le mimose, rivolte verso il basso, possono perdere del polline, quindi sotto il mazzo, mettiamo un foglio di carta assorbente che eventualmente lo raccolga.

Continua la lettura
56

Ci vuole del tempo perché i fiori secchino del tutto, dipende anche dai tipi di fiori presenti nel mazzo oltre alle mimose, se ce ne sono e dalle dimensioni dei fiori stessi. Trascorso un mese il mazzetto dovrebbe essere seccato, togliamo la molletta e potremo decidere di tenere il mazzo così com'è, oppure di togliere delicatamente la carta trasparente (o il sacchetto) e la rafia, e quindi disporlo in un vaso.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come piantare delle mimose

Nonostante il termine "mimosa" serva a raggruppare diversi esemplari della famiglia delle Mimosaceae, noi lo usiamo per definire la pianta scientificamente chiamata "Acacia dealbata", che ormai nel gergo comune è conosciuta con il nome generico. Originaria...
Giardinaggio

Come potare un albero di mimose

In questa guida, vogliamo proporre un argomento veramente interessante, per tutti coloro che amano il fai da te ed in particolar modo la natura ed hanno il pollice verde.Infatti vogliamo proporre il modo per capire come poter potare, nella maniera corretta...
Giardinaggio

5 consigli per seccare le ortensie

Le ortensie sono una tra le piante più decorative che esistano. I loro fiori, infatti, presentano quasi una disposizione a grappolo e possiedono dei colori particolari e molto intensi, che vanno dal bianco al rosa al giallo, dal lilla al viola scuro,...
Giardinaggio

Come conservare i bulbi

Le piante da bulbo come il tulipano, i giacinti, il narciso, il ciclamino, il giglio rampicante, etc. Al termine della loro fioritura non vanno buttati via, ma conservati e ripiantati nella stagione successiva per regalarvi ancora fiori. Nella guida che...
Giardinaggio

Come conservare i bulbi delle piante

Le piante da bulbo sono delle piante che fanno fiori bellissimi, tra queste si annoverano i tulipani, i giacinti e i narcisi. Le piante da bulbo sono molto conosciute perché fanno fiori dai colori vivi e brillanti che piacciono a tutti. I colori accesi...
Giardinaggio

Come conservare i bulbi dei tulipani dopo la fioritura

La meraviglia di un giardino rigoglioso e ricco di colori è di una bellezza innegabile. Eppure, come tutte le cose è passeggera! Dopo averci regalato splendide fioriture, le nostre piante lentamente si avviano verso il riposo vegetativo. Alcune varietà...
Giardinaggio

Come conservare il più a lungo possibile i fiori recisi

I fiori sono senza dubbio meravigliosi, utili anche per dare colore e gioia alla casa, ma purtroppo se lasciati semplicemente in un vaso con dell'acqua, avranno una durata breve. Per farli durare più a lungo, si dovranno necessariamente mettere in pratica...
Giardinaggio

Come conservare i ciclamini in primavera

Con questo articolo, vogliamo aiutarvi a capire in che modo poter conservare al meglio i vostri ciclamini. Nello specifico, cercheremo di vedere come fare ciò in una stagione in particolare e cioè in primavera. Iniziamo subito a dire che i ciclamini...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.