Come Conservare Gli Orologi Al Quarzo

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Come ben sappiamo esistono almeno due grandi tipologie di orologi, quelli classici a lancette, che siano automatici o a pila, e quelli "digitali" al quarzo. Sebbene quelli classici a lancette possano sembrare più delicati, in realtà sono quelli al quarzo che, quando si decide di non indossarlo più, hanno bisogno di più attenzione e quindi vanno custoditi accuratamente, meglio se in un luogo asciutto in modo da evitare che si possano ossidare. Per gli orologi al quarzo è bene seguire alcune importanti precauzioni prima di riporli da qualche parte. In questa guida che segue, troverete alcuni pratici consigli su come conservare gli orologi al quarzo.

26

Occorrente

  • Apricasse per orologio
  • Chiave per fondelli a vite
  • Cacciavite piccolo
36

Tipo di orologi al quarzo

Per merito della loro precisione e delle grandi prestazioni, gli orologi al quarzo sono al giorno d'oggi molto diffusi, e soprattutto presentano costi accessibili per tutti. Si va da quelli molto economici che possono essere indossati quotidianamente, a lavoro, per fare sport o nel tempo libero, e poi ne esistono di altri molto preziosi e cari che è consigliabile indossare solo per occasioni particolari e che vanno custoditi in cassaforte quando non indossati. Ed è proprio a questo tipo di orologi "pro" che sono indirizzati i consigli che proponiamo in questa guida.

46

Rimuovere la batteria

Come per tutte le tipologie di batterie, anche quelle di un normalissimo orologio al quarzo, anche se non utilizzate, tendono a scaricarsi. Durante questa fase entra in gioco un processo chimico che può portare alla fuoriuscita di acido, necessario per il normale funzionamento della batteria stessa. Quest'acido essendo molto corrosivo, se entra a contatto con il meccanismo dell'orologio, può danneggiarlo in maniera irreparabile. Per evitare che ciò possa accadere, è consigliabile rimuovere la batteria. Per farlo occorre munirsi di un temperino (apricassa) se il fondello del vostro orologio è a scatto, oppure di un apposito cacciavite per fondelli a vite, se appunto il fondello del vostro orologio è di questo tipo. A questo punto, con un piccolo cacciavite svitiamo il fermo della batteria, estraiamola e riponiamola nella scatola.

Continua la lettura
56

Sostituire la batteria

Se già ipotizziamo per quanto tempo non utilizzeremo l'orologio, è consigliabile segnare su di un pezzetto di carta la data dell'ultima sostituzione della batteria. In questo modo, considerando che normalmente una batteria dura circa 12 mesi, potremmo sapere dopo quanto tempo occorrerà sostituirla di nuovo. Se il tempo residuo per la sostituzione è superiore a quello di conservazione, è possibile evitare di rimuoverla, ma sarà sufficiente tirare la corona in modo da interrompere il contatto e quindi l'alimentazione dell'orologio. Quando deciderete di utilizzare nuovamente l'orologio, sarà sufficiente aggiornare l'ora, spingere la corona e l'orologio sarà di nuovo funzionante!

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Rimuovere la batteria

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bricolage

Come riciclare i cerchi delle biciclette per fare orologi da parete

L'arte del riciclo creativo, si sa, offre molteplici vantaggi in quanto permette di donare una "nuova vita" ad oggetti ormai privi di utilizzo ed altrimenti destinati ad essere buttati.Ad esempio, avete mai pensato a come si potrebbe riutilizzare il cerchione...
Bricolage

Come riciclare vecchi cd e vinili trasformandoli in orologi vintage

Sicuramente ognuno di noi ha in casa una gran quantità di vecchi cd, vinili, non più utilizzabili: magari graffiati, o magari perché si tratta di cd non rimasterizzabili su i quali abbiamo salvato file di cui ora non abbiamo più bisogno. Sarà il...
Bricolage

Come conservare i cibi in campeggio

In questo articolo vogliamo aiutare tutti i nostri lettori, che sono dei veri appassionati del metodo del fai da te, a capire come e cosa poter conservare i cibi, mentre siamo tranquillamente in gita in campeggio. Con il classico metodo del fai da te,...
Bricolage

Come Conservare Le Farfalle nella teca

Coloro che si ritengono appassionati della natura, cercano generalmente di immortalare le sue bellezze sia scattando delle fotografie particolare ad animali, fiori, insetti, alberi, sia conservando, nel limite del possibile, testimonianze degli stessi...
Bricolage

Come conservare il pane

Il pane è un alimento fondamentale ed è sempre presente sulle nostre tavole. Alcune persone lo preferiscono casereccio, altre per mantenersi in forma scelgono quello integrale. La cosa importante però è consumarlo sempre fresco genuino e croccante....
Bricolage

Come conservare intatto il colore di foglie e fiori per un quadro

L'autunno arriva donandoci colori molto vivaci, in grado di decorare gli alberi e le strade della nostra città dandoci il piacere ti poter godere di una così tale bellezza, purtroppo per un breve periodo di tempo. Ma se vogliamo conservare l'immagine...
Bricolage

Come conservare le scatole da imballaggio

Dopo aver affrontato un trasloco oppure un acquisto importante, si è soliti disfarsi subito degli scatoloni di cartone utilizzati per gli imballaggi. Senza pensarci due volte, si è portati a gettarli via, riciclandone il materiale quando possibile....
Bricolage

Come conservare una rosa con la cera

Lo splendore dei fiori che sbocciano è uno spettacolo in grado di stupire e affascinare ogni volta. Eppure la bellezza eterea dei fiori tende a svanire molto velocemente, appassendo inesorabilmente. Come possiamo mantenere allora inalterata la freschezza...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.