Come conservare i semi

Tramite: O2O 12/07/2018
Difficoltà: media
18

Introduzione

In questo articolo, abbiamo deciso di affrontare un problema afforntato da tutti coloro che amano coltivare in casa diverse tipologie di piante e fiori. Stiamo parlando dei semi e del come riuscire a meterli da parte, in modo tale da poterli avere sempre belli e pronti, anche per l'anno successivo. Nello specifico cercheremo di capire ed imparare, come e cosa occorre fare per conservare al meglio i semi, mantenedo intatte tutte le loro proprietà, affinché possana rimare efficenti anche per la prossima semina.
Iniziamo subito con il dire che per la conservazione dei semi occorre molta pazienza. Solo cosí è possibile ottenere dei buoni risultati. Per conservare i semi, il metodo più veloce è la loro conservazione con buste e sementi. Per chi vuole mangiare del cibo biologico, la soluzione migliore è quella di piantare le sementi sul proprio orticello. In questo modo risparmierete dal punto di vista economico e inoltre mangerete cibo biologico. In questa guida spiegheremo come conservare i semi in modo preciso ed efficace. Buona lettura a tutti gli amanti di questo argomento!

28

Occorrente

  • Buste di carta
  • luogo asciutto
  • cantina
38

Raccolta dei semi

La prima regola fondamentale è raccogliere i semi dalle piante più verdi e vigorose, evitando gli ultimi frutti o fiori della stagione. È sempre meglio raccogliere semi diversi per igni tipo di pianta in modo da assicurarvi poi una buona semina. Gli esperti consigliano gli esemplari da semenza. Si consiglia di prediligere i semi da impollinazione libera in grado di dare origine a piante molto simili a quelle da cui derivano, mentre è da evitare o limitare la conservazione di semi di piante ibride. Queste ultime, infatti, difficilmente conserveranno le caratteristiche di partenza e daranno vita a delle impollinazioni incrociate: il polline di una pianta viene trasportato sullo stigma di un altro fiore ma della stessa specie. Per limitare ció, si colloca un sacchettino di nylon sui boccioli, da rimuovere non appena si schiuderanno. È bene eseguire alla lettera tutti i consigli presenti in questa guida, in maniera tale da avere sempre a disposizione dei semi unici e dalle proprietà speciali, che ci permetteranno, una volta interrati, di raccogliere dei frutti saporiti ed anche di ottima fattura.

48

Etichettazione dei semi

Le cose importanti da ricordare sono le seguenti: etichettate sempre le semenze; conservate i semi in buste di carta e teneteli in un posto fresco, asciutto e al buio. Evita di utilizzare le buste di plastica, in quanto queste non fanno respirare il seme e di conseguenza li fa ammuffire e marcire. La cantina va bene per la conservazione ma solo se non è umida. A intervalli regolari, durante l?inverno, controllate i semi, asportate quelli si sono guastati e hanno muffa. Una regola d?oro che vale per tutti i semi è quella di farli essiccare bene, in un luogo fresco e leggermente ventilato, prima della conservazione.

Continua la lettura
58

Divisione delle sementi

I semi, hanno dimensioni differenti, sono contenuti nei frutti, carnosi oppure secchi.
I frutti secchi si classificano in indeiscenti oppure deiscenti. Sono considerati deiscenti, ad esempio, il papavero e il fagiolo, dove la pianta lascia uscire il seme quando è secco, perciò il seme va raccolto prima che il fiore si schiusa. Nell?orto, gli ortaggi che più facilmente si prestano alla conservazione dei semi, sono i fagioli, i piselli, i pomodori, la zucca, le cipolle. Richiefono una attenzione in più i cetrioli, le melanzane e le zucchine. Il fagiolo ed il pisello che per antonomasia sono l?emblema delle semenze: occorre individuare i baccelli e lasciarli maturare sulla pianta all?interno del loro involucro. Si raccoglierà il seme solo quando si sentirà al loro interno il frutto sbatacchiare, in seguito andranno sgranati e verranno selezionati, eliminando quelli più piccoli e rubati. Infine vanno messi ad asciugare all'aria, in un posto ombreggiato e in seguito saranno pronti da conservare.

68

Scelta delle piante

Nei fiori da giardino, come ad esempio, i papaveri, le calendule, le viole, le bocche di leone, le petunie e i fiori di girasole, i semi si trovano nei rigonfiamenti dietro alle corolle appassite del fiore e il I seme si presenta di colore marron. Per questi, si raccolgono gli steli a mazzi e si taglia la parte terminale, si appendono per farli essicare, a testa in giu dopo aver avvolto l'estremità con dei sacchetti di carta. Dopo 15-20 giorni circa, i semi usciranno naturalmente dall?involucro. A questo punto andranno raccolti. Ed ecco che seguendo questi semplici, ma molto pratici consigli e regole, potremo anche noi ,avere sempre a disposizione delle sementi, in ottime condizioni, che potremo utilizzare nei mesi dell'anno appropriati, per ottenere delle piante e dei fiori, unici nel loro genere ed anche originali. Buon lavoro a tutti gli amanti del fai da te e dell'orto!

78

Guarda il video

88

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Non esporre a fonti luminose.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come Estrarre E Mettere Da Parte I Semi Di Cetriolo, Melenzane E Zucchine

Il nome melanzana, in particolare, veniva popolarmente interpretato come mela non sana, proprio perché non è commestibile da cruda. Il cetriolo ha forma allungata, simile a quella dello zucchino, buccia spessa, ancorché edule, leggermente bitorzoluta...
Giardinaggio

Come far germogliare presto i semi

Per preparare i semi per la semina occorre farli germogliare. Per fare questa operazione non è necessario essere esperti del settore: si devono, infatti, seguire dei semplici passaggi e avere un po' di pazienza. Prima di avviare tale procediento è opportuno...
Giardinaggio

Come coltivare i semi del mango e dell'avocado

Mango, avocado ed altri frutti esotici sono sempre più apprezzati nelle cucine occidentali, perché si prestano alla sperimentazione di piatti freschi e gustosi. Reperibili nei supermercati come primizie invernali, sono piuttosto costosi. Gli accaniti...
Giardinaggio

Come ottenere semi di fragola e seminarli

Con una manciata di fragole, è possibile ottenere centinaia e centinaia di semi di questo meraviglioso frutto, relativamente costoso, ma amato da tutti, soprattutto dai più piccoli. Ricavare i semi da una fragola è un'operazione davvero facile, veloce...
Giardinaggio

Come coltivare la passiflora da semi

La passiflora da semi è una pianta molto particolare e viene comunemente chiamata "Fiore della Passione". Appartiene alla famiglia della Passifloraceae ed è una pianta perenne. Esistono due tipi di passiflora: rampicanti o a foglia caduca. Predilige...
Giardinaggio

Come far germogliare i semi prima di piantarli

Come saprete, interrare i semi non è l'unica maniera per riuscire a far nascere una determinata pianta. Difatti esiste un metodo per far germogliare le sementi prima di piantarle, in modo da assicurarne e favorirne lo sviluppo. In questa guida affronteremo...
Giardinaggio

Trucchi per far germogliare presto i semi

Se acquistiamo dei semi, ed intendiamo farli germogliare velocemente, ci sono alcuni trucchi da adottare per ottenere questa performance. Di fondamentale importanza sono tuttavia tre elementi: un contenitore, del terriccio e l'acqua. Nella lista che segue,...
Giardinaggio

Come far germogliare i semi di lupino

I semi di lupino ovvero quelli ricavai dall’omonima pianta, oltre che commestibili si prestano anche per alcune particolari elaborazioni in erboristeria, e quindi usati per scopi medicali. La riproduzione è possibile ottenerla per seme e con essa...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.