Come conservare l'argilla fresca

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

Con il termine argilla si definisce un sedimento estrenamente fine, le dimensioni dei granelli non superano i due micron, che non ha subito la trasformazione in roccia sedimentaria. Originata dall' erosione delle rocce, è composta principalmente di alluminosilicati e, fin dall'antichità, è conosciuta per le sue capacità cosmetiche e nella costruzione di manufatti.
Le dimensioni estremamente ridotte dei cristalli che la compongono, fanno si che il composto abbia un notevole indice di assorbimento dell' acqua, caratteristica questa che gli conferisce una notevole plasticità; estremamente malleabile se idratata, al punto da poter essere lavorata anche con le mani, l' argilla, una volta asciutta, diventa rigida e l'uomo ha ben presto scoperto che, se sottoposta ad intenso riscaldamento, subisce un' ulteriore trasformazione, diventando ancora più solida e compatta.
Qualunque sia il tipo di utilizzo che vogliamo farne, è fondamentale mantenere il nostro composto in ottime condizioni, impariamo allora come conservare l'argilla fresca.

27

Occorrente

  • Argilla
  • Acqua
  • Telo di plastica
  • Spruzzino da giardiniere
  • Mollette o elastici
  • Panno umido
37

Modellare con l'argilla

Se la nostra intenzione è cimentarci nella lavorazione dell' argilla per realizzare vari oggetti o a scopi artistici, occorrerà, per prima cosa, prestare le la massima attenzione affinché il nostro composto rimanga sempre umido, rendendo più facile il lavoro di modellatura. Infatti, nel caso in cui dovesse seccarsi troppo, l'oggetto che si sta realizzando presenterebbe delle crepe, con un pessimo risultato finale; al contrario, se l' argilla dovesse presentarsi troppo umida e molliccia, sarà difficile che mantenga la forma data e tenderà ad afflosciarsi. Seguite, quindi queste semplici indicazioni ed il vostro capolavoro in argilla risulterà perfetto.

47

Come lavorare al meglio l' argilla

Manteniamo il nostro panetto di argilla sempre ben idratato durante la tutta la fase di lavorazione; per aiutarci in questo usano uno spruzzino di quelli comunemente usati nel giardinaggio. La stessa operazione va ripetuta sull' oggetto che stiamo realizzando, evitando però di bagnare troppo la base e quelle parti che, essendo più sottili, potrebbero cedere e far collassare la nostra opera d' arte su se stessa. Se, invece, sono presenti zone che avremo intenzione di intagliare, queste andranno bagnate in maniera più generosa, allo scopo di facilitarne l' operazione di scavo. Quando vorremo concederci una pausa della lavorazione del modello, copriremo quest'ultimo con un telo di plastica affinché l'argilla non secchi, creando crepe che comprometterebbero il lavoro. Prestiamo attenzione anche a come posizioneremo il telo: non è importante che copra solamente, ma sarà bene che aderisca il più possibile alla nostra scultura, ed evitare quindi che si formi dell'aria tra l' oggetto che stiamo realizzando ed il telo stesso. Nella scelta dei teli sono da preferirsi quelli morbidi e non rigidi, perché aderiscono meglio alla scultura; si possono trovare facilmente nelle ferramenta e nei negozi fai da te.

Continua la lettura
57

Come conservare correttamente l' argilla

Se abbiamo intenzione di interrompere il lavoro, ricordiamoci di seguire un' altra accortezza: non coprire il pezzo che stiamo realizzando con un panno bagnato e poi con la pellicola, come solitamente viene consigliato; questo metodo potrebbe andar bene se si ha intenzione di riprende il lavoro il giorno stesso, ma se al contrario, si vuole aspettare qualche giorno, è consigliabile non usare questo sistema poiché il panno, asciugandosi, assorbirà l'umidità dall'argilla facendola quindi seccare precocemente. Prima di riprendere il nostro lavoro ricordiamoci di bagnare l'argilla con un po' acqua, facendo attenzione a non renderla troppo scivolosa e quindi difficile poi da lavorare. Per mantenere invece in perfetto stato l'argilla che non abbiamo ancora utilizzata, conserviamola in contenitori di plastica con chiusura ermetica e bagnamola di tanto in tanto; ogni qual volta ne necessitiamo di un pezzo, stacchiamolo dal nostro panetto, richiudiamo il pacco e copriamolo con un panno umido, tenendolo fermo con un elastico.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Verificare di tanto in tanto lo stato dell'argilla conservata. Assicurarsi che non sia disidratata; In tal caso inumiditela senz'altro, anche rinnovando il panno bagnato.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Altri Hobby

Come conservare le fotografie

Le fotografie costituiscono dei meravigliosi strumenti per conservare i ricordi e le emozioni degli anni passati, ma non tutte le persone conoscono il metodo per conservarle in modo che esse non si rovinino oppure non si schiariscano con il trascorrere...
Altri Hobby

Come conservare i sigari correttamente

Il sigaro è composto principalmente da foglie di tabacco arrotolate. Esso viene lavorato artigianalmente o a macchina. Gli elementi che compongono il sigaro sono: "tripa", "capote" e "capa". Per "tripa" si fa riferimento al ripieno, cioè alla parte...
Altri Hobby

Come conservare una collezione di farfalle

Molto spesso succede che chi è appassionato di collezionismo decida di crearsi le proprie collezioni in modo molto originale e creativo. Tali collezioni, con il passare degli anni, accrescono il loro valore e sono anche in grado di abbellire l'ambiente...
Altri Hobby

Come conservare un granchio sotto alcool

Se amiamo la zoologia ed in particolare quella legata agli esseri marini, possiamo ad esempio al prendere un ragno che troviamo sul bagnasciuga, e per non farlo deteriorare, lo possiamo conservare sotto l'alcool, proprio come fanno nelle facoltà universitarie...
Altri Hobby

Come conservare le stelle marine raccolte sulla spiaggia

Chi di noi non rimane ammaliato dalle bellezze che offre il fondo marino e, quello che con più facilità possiamo osservare tra gli scogli! La stella marina ne è un'esempio. Questo meraviglioso echinoderma vive in tutti i mari del mondo e, a seconda...
Altri Hobby

Come conservare le monete antiche

Se la vostra passione risultasse essere il collezionismo, nello specifico di monete, sicuramente saprete che conservare le monete in buone condizioni in modo che mantengano il loro valore ottimale di mercato è indubbiamente il fattore principale. Come...
Altri Hobby

Come conservare vecchie lettere

Scrivere lettere a mano è un'arta che, a causa della tecnologia, si sta perdendo nel tempo. Proprio per questo motivo, e ovviamente anche per un fattore emozionale, conservare le lettere scritte a mano in modo ottimale è davvero fondamentale. Grazie...
Altri Hobby

Come conservare le decorazioni in pasta di zucchero

La pasta di zucchero viene utilizzata in pasticceria e dagli amanti della cucina per preparare delle graziose decorazioni. Viene spesso impiegata per ricoprire le torte, in modo da fare delle decorazioni degne di un'opera d'arte. Infatti la pasta di zucchero...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.