Come conservare la pasta di sale

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Molta gente ama realizzare oggetti vari utilizzando diverse tipologie di tecniche e materiali, quali ad esempio pasta di sale, das, fimo, pasta di maizena e così via. Naturalmente, imparando ad effettuare perfettamente questa specifica operazione, non solo avrete l'opportunità di apprendere tecniche estremamente utili ed interessanti, ma otterrete anche l'importantissimo vantaggio di risparmiare il vostro denaro. Al giorno d'oggi, si sa che riuscire a risparmiare quanto più denaro possibile è diventato estremamente importante, soprattutto a causa della gravissima e sempre più diffusa crisi economica. A tal proposito, nei successivi passi di questa guida, vi illustrerò come conservare la pasta di sale.

26

Occorrente

  • Pasta di sale
  • Barattoli in vetro o plastica
  • Sacchetti in plastica chiusi
  • Frigorifero
36

Preparare la pasta di sale

Anzitutto, la pasta di sale si prepara utilizzando farina e sale ed aggiungendo una quantità variabile di colla vinilica, che la rende più stabile e resistente. L'impasto potrà essere colorato dopo la cottura o, in alternativa, anche mentre si procede alla sua preparazione, aggiungendo del colore a tempera in tubetto. L'impasto andrà manipolato fino ad ottenere un panetto dalla consistenza plastica e morbida. Se deciderete di colorare l'impasto, potrete ricavare 3 o 4 palline (od anche di più) di varie dimensioni ed aggiungere, ad ognuna di queste, il colore che più desiderate.

46

Inserire la pasta di sale nei sacchetti

Le palline colorate così pronte, saranno adatte per essere conservate ed utilizzate per i lavori in pasta di sale. Quando avrete ricavato le palline in pasta di sale, dovrete conservarle a dovere, evitando che l'impasto si secchi, evenienza frequente, specie durante il periodo estivo. Le soluzioni attuabili sono di due tipologie: barattoli di vetro o plastica o sacchetti di plastica. I sacchetti di plastica dovranno essere di piccole dimensioni e sigillabili utilizzando un laccetto in metallo. Ogni pallina dal colore differente dovrà essere inserita in un singolo sacchetto, da conservare in frigorifero per essere utilizzati successivamente, senza che si rovinino.

Continua la lettura
56

Riporre la pasta di sale in frigorifero

Quando preleverete il sacchetto dal frigorifero, dovrete plasmare un po' la pasta di sale impastandola nuovamente e, se necessario, aggiungendo qualche goccia d'acqua per ammorbidirla. Dopo averla utilizzata per alcuni dei vostri lavoretti, la pasta di sale avanzata andrà riposta nuovamente nel sacchetto e chiusa in frigorifero. Infine, per evitare che si secchi mentre la lavorate, estraete solo la quantità che vi necessita, lasciando l'altra parte nel sacchetto. Buon lavoro!

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Materiali e Attrezzi

Come creare una finissima pasta abrasiva

La pasta abrasiva è un prodotto molto comune, atto alla rimozione tramite sfregamento (da qui il termine "abrasione") della parte più esterna di una superficie. Oltre agli utilizzi in campo alimentare, ne esistono diverse tipologie per neutralizzare...
Materiali e Attrezzi

Come conservare la pittura avanzata

Sono davvero tante le persone che, pur non essendo particolarmente esperte in fatto di pittura, per risparmiare si dedicano autonomamente a questa attività per tinteggiare le pareti di casa propria. Solitamente, infatti, il lavoro viene effettuato per...
Materiali e Attrezzi

Come lavorare la pasta acrilica

In questa guida, passo dopo passo, vi forniremo le indicazioni utili su come lavorare al meglio la pasta acrilica. Questo tipo di pasta, risulta essere facilmente reperibile in qualsiasi negozio, ma si può anche realizzare direttamente tramite il fai...
Materiali e Attrezzi

Come scegliere una pala per la pizza in legno

Una pala di legno permette ai pizzaioli di porre le pizze nei forni caldi e tirarle fuori con abilità non appena sono belle croccanti, a cottura ultimata. Si tratta di uno strumento che presenta un lungo manico, molto maneggevole, e una parte piatta...
Materiali e Attrezzi

Come eliminare la ruggine dal cromo

Il cromo è un metallo piuttosto resistente che si presta benissimo per la realizzazione di innumerevoli oggetti presenti nella nostra vita quotidiana. Come del resto tutti gli altri metalli, anche il cromo è soggetto agli attacchi della ruggine quindi,...
Materiali e Attrezzi

10 regole per ammorbidire il fimo

Il fimo è un materiale utilizzato prevalentemente per la creazione di oggetti decorativi, anche se nasce in origine come pasta per scolpire. Questo è possibile per via della sua consistenza, facilmente plasmabile. Purtroppo, però, può capitare che...
Materiali e Attrezzi

Come modellare il vetro

Il vetro è un materiale usato già nei tempi antichissimi a scopo ornamentale: si narra che la sua invenzione fu dovuta a un caso quando alcuni mercanti fenici, nel preparare un fuoco sulla sabbia servendosi di panni di nitro, furono attratti dal formarsi...
Materiali e Attrezzi

Come riciclare la stagnola degli alimenti

La carta stagnola che utilizziamo in casa per conservare e confezionare alimenti è composta da alluminio, un materiale riciclabile al 100%. È possibile infatti conferirlo in apposite "discariche verdi" oppure aderire al proprio programma di differenziata...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.