Come controllare la corrente in uscita in un alternatore

Tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

L'alternatore costituisce un elemento fondamentale per l'intero impianto elettrico della vostra automobile. Naturalmente, può capitare che qualcosa non funzioni correttamente, compromettendo così la normale ed efficace funzionalità della vostra auto. Di certo, la soluzione più veloce ed utile risulta essere esattamente quella di recarvi da un meccanico professionista per far controllare la vostra auto, ma ciò comporta ovviamente dei costi a volte anche molto costosi. Un'alternativa molto utile risulta essere proprio quella di provvedere da soli alla manutenzione della vostra macchina, vi basterà infatti solo un po' di impegno ed attenzione per ottenere ottimi risultati. Dunque, continuate a leggere gli interessanti passi di questa semplice ed utilissima guida, per apprendere come controllare la corrente in uscita in un alternatore.

27

Occorrente

  • Pinza amperometrica, pinza a coccodrillo rossa e nera, un metro di tensione o multimetro.
37

Testare l'uscita d'amperaggio:

Affinché il vostro alternatore possa determinare ottime prestazioni, un metodo molto conosciuto ed altrettanto efficace, risulta essere senza dubbio quello di testare l'uscita d'amperaggio. Se siete alle prime armi, ricordatevi di procedere sempre con molta prudenza ed attenzione.

47

Occorrenti

Per prima cosa è necessario che vi procuriate le attrezzature giuste per iniziare il lavoro. Una volta procurati gli strumenti giusti, dovrete aprire il cofano della vostra auto ai fini di una buona sicurezza. Procedete con il collegare i cavi (o le pinze) di un metro di tensione o multimetro ai terminali della batteria del veicolo. Ovviamente la pinza rossa andrà collegata da una parte e la nera dall'altra, incastrando le bocchette "a coccodrillo" con i lembi estremi della batteria. Il misuratore dovrebbe segnalare una tensione di circa 12,2 volt- 12,8 volt. Nel caso in cui la tensione della vostra batteria non dovesse corrispondere a questi livelli massimi e minimi, risulta essere consigliabile cambiare la batteria in quanto non funzionante.

Continua la lettura
57

Verificare un aumento minimo di volt nel contatore:

Ora dovrete far avviare la vostra automobile e verificare se la lettura del contatore registra precisamente un aumento minimo di 13,6 volt e uno massimo pari a 14,3 volt. Se non dovesse registrarsi ciò, dovrete necessariamente cambiare il vostro alternatore e comprarne uno idoneo alle dimensioni del vostro impianto elettrico. Ora dovrete spegnere il vostro veicolo e, successivamente, procedere con lo scollegare il misuratore di tensione. Procedete, dunque, con il collegamento di un metro di amperaggio della batteria del veicolo, girando nuovamente il motore.

67

Regolre il motore:

Giunti a questa precisa fase della vostra operazione, dovrete regolre il motore a circa 1000 giri al minuto prendendo le giuste misure con il metro di amperaggio. Arrivati a 1000 giri, il vostro alternatore dovrebbe avere un output di amperaggio appena inferiore a quello normale. In sostanza, un alternatore di 90 ampere dovrebbe possedere una potenza di circa 88-89 ampere.

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Fate questo lavoro sempre con estrema precisione.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Materiali e Attrezzi

Come controllare una fotocellula

Il termine fotocellula viene usato generalmente, per indicare tutti quei circuiti elettrici che impiegano dei fotorivelatori. Essi sono dei dispositivi che riescono a rilevare una elettromagnetica radiazione, fornendo un segnale in uscita con intensità...
Materiali e Attrezzi

Come controllare un fusibile termico

Per chi non lo sapesse il fusibile termico è una sorte di dispositivo elettronico in grado di proteggere da eventuali cortocircuiti. È infatti adibito ad interrompere il flusso di corrente elettrica eventualmente se questo supera una data soglia prestabilita....
Materiali e Attrezzi

Come collegare un accumulatore a un generatore di corrente

Che sia per diletto o per necessità, potreste trovarvi nella situazione di dover collegare un accumulatore di energia elettrica a un generatore di corrente. In questa breve guida vi forniremo qualche utile consiglio su come collegare un accumulatore...
Materiali e Attrezzi

Come costruire un inverter

In elettronica, un inverter è un dispositivo che permette il passaggio da una corrente continua (DC) in entrata a una corrente alternata (AC) in uscita. Nonostante ve ne siano diversi sul mercato, non sempre si ha a disposizione un budget adatto. In...
Materiali e Attrezzi

Come calcolare la corrente in un induttore

Se abbiamo intenzione di eseguire alcuni particolari lavori di elettronica ma siamo alle prime armi in questo settore, per prima cosa dovremo imparare quali sono i vari componenti che andremo ad utilizzare e quali sono le loro caratteristiche. Per farlo...
Materiali e Attrezzi

Come testare un condensatore con un tester digitale

Gli apparecchi elettronici per funzionare hanno bisogno di alcuni componenti. Per accorgersi di questo, basta aprirli con cura e osservarne il contenuto di un apparecchio qualsiasi. In questo caso vedrete una basetta di plastica dove sono disposte delle...
Materiali e Attrezzi

Come calcolare la potenza di una bobina

Una bobina rappresenta un complesso di spire il cui numero potrebbe variare tra le migliaia ed una singola frazione: il materiale che la costituisce è un conduttore elettrico, ovvero un materiale dove la corrente scorre velocemente. Gli utilizzi di una...
Materiali e Attrezzi

Saldatore a filo continuo: errori da evitare

Cos'è la saldatura? È l'insieme dei processi per mezzo dei quali, sotto l’azione di una fonte di calore, con o senza apporto di materiale, è possibile unire pezzi metallici per creare una struttura unica. Lo strumento con cui si opera in questi casi,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.