Come controllare le malattie nelle rose da giardino

tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

La rosa è il fiore per eccellenza e, senza dubbio bellissima da ammirare nei giardini e nelle campagne, dove fa bella mostra di sé durante il periodo della fioritura, che parte sempre dalla primavera inoltrata (mese di Maggio) e si protrae, a seconda delle condizioni, per svariati mesi. Nel momento in cui, però, sopraggiunge l'autunno, e quindi il clima si fa più umido e, iniziano a diminuire in maniera drastica le ore di luce a disposizione, si possono iniziare a vedere i primi sintomi delle malattie (fungine) che attaccano le rose. Per evitare che la pianta venga attaccata irreparabilmente, sono indispensabili interventi sia di tipo preventivo che curativo, soprattutto se in giardino si hanno delle rose caratterizzate da un lungo periodo di fioritura o le cui piante sono ormai vecchie e indebolite. Di seguito, attraverso gli esaurienti passi di questa guida troverete alcuni semplici consigli su come controllare le malattie nelle rose da giardino.

27

Occorrente

  • anticrittogamici a base di rame
  • poltiglia bordolese
  • ossicloruro di rame
  • prodotti a base di piretro
37

Uno dei principali portatori di malattie per i roseti da giardino è il fungo, noto come "oidio" o "mal bianco". Si presenta come muffa di colore biancastro (il nome stesso lo identifica) e ha la peculiarità di diffondersi in maniera molto rapida sulla pianta, coinvolgendo sia le foglie che i fiori, in particolar modo quelli di colore scuro. Vi è poi la cosiddetta "macchia nera" o "ticchiolatura", visibile nel momento in cui le foglie si coprono di macchie nerastre circolari, quindi disseccano e cadono. La "ruggine", infine, colpisce le foglie che si ricoprono di pustole bruno rossastre. Contro questi funghi, occorre agire preventivamente, prima che sia troppo tardi.

47

Comunque non è consigliabile di piantare le nostre rose in zone particolarmente ombrose e umide. Cerchiamo, inoltre come prevenzione e come cura, di intervenire con anticrittogamici a base di rame, poltiglia bordolese, ossicloruro di rame e zolfo da distribuire subito sulla pianta, quando le condizioni ambientali sono favorevoli, non appena ci accorgiamo della comparsa delle prime macchie.

Continua la lettura
57

Le rose da giardino, delle volte, possono anche essere vittime di attacchi tardivi da parte degli afidi. Questi sono, generalmente, infestazioni di diversa entità che, in casi gravi, arrivano a richiedere interventi con prodotti a base di piretro, nei casi in cui gli afidi non scompaiono in modo spontaneo. Capita, infatti, che la malattia regredisca senza alcun intervento esterno. Le infestazioni fungive, se prese in tempo, possono salvare le nostre piante prima dell'infestazione generale.

67

Guarda il video

77

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come avere delle rose stupende in giardino

Le rose sono arbusti molto resistenti, in grado di vivere molti anni, capaci di superare lunghe estati come i più rigidi inverni. Con le loro magnifiche esplosioni di colori annuali e profumatissime sfumature decorano e abbelliscono i giardini delle...
Giardinaggio

5 errori da evitare nel coltivare le rose

Le rose sono fiori belli per portamento e ricercate per il loro intenso profumo. Ne esistono di varie specie e sono facili da coltivare. Le loro piante si possono tenere in giardino. Oppure si possono sistemare in vasi nei terrazzi e balconi. Le rose...
Giardinaggio

Come identificare e curare le malattie degli alberi

Gli alberi e le piante del nostro giardino possono essere affette da molteplici malattie. Determinate condizioni ambientali, facilitano la diffusione delle malattie degli alberi e il loro contagio. Inoltre anche la carenza di alcuni nutrienti minerali...
Giardinaggio

Come riconoscere le malattie delle piante

Avere il pollice verde significa conoscere approfonditamente le esigenze delle piante, la loro fragilità e la loro vulnerabilità. Saper prevenire ed eventualmente curare le malattie delle piante è fondamentale sia per eseguire un'adeguata opera di...
Giardinaggio

Come mantenere sempre fiorite le rose

Oggi vi parlerò di come mantenere sempre fiorite le vostre rose, sia esse in vaso su un balcone o davanzale o per i più fortunati che hanno un giardino come curare il loro cespuglio di rose. Molto dipende anche dal tipo di varietà scelta. Alcune fioriscono...
Giardinaggio

Rose: guida ai trattamenti antiparassitari

Le rose sono piante meravigliose esse si suddividono in numerose specie ed hanno anche diverse e svariate caratteristiche. I colori delle rose sono splendidi e numerosi, tuttavia, come per tutte le piante, per poter godere della fioritura dovrà essere...
Giardinaggio

Come evitare le malattie del prato

Un bel prato, verde e rigoglioso, è senza dubbio un segno distintivo per un giardino curato e gradevole. Avere un prato sano e bello può richiedere, però, una manutenzione costante ed intensa. Il prato, infatti, rischia talvolta di manifestare i sintomi...
Giardinaggio

Come fare l'ibridazione delle rose

Le rose sono da sempre tra i fiori più amati soprattutto per il loro colore che stupisce chi le riceve. Tuttavia è importante sapere che questo fiore si presta per alcune particolari trasformazioni che lo rendono ibrido. Per eseguire al meglio questa...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.