Come controllare un fusibile termico

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Per chi non lo sapesse il fusibile termico è una sorte di dispositivo elettronico in grado di proteggere da eventuali cortocircuiti. È infatti adibito ad interrompere il flusso di corrente elettrica eventualmente se questo supera una data soglia prestabilita. In questa guida impareremo come controllare un fusibile termico per evitare di incorrere in gravi danni alla persona, che potrebbero essere irreparabili. Seguite questi passi fedelmente e sarete anche voi in grado di cimentarvi in questa operazione.

26

Occorrente

  • batteria
  • tester
  • lampadine
36

I fusibili hanno una forma cilindrica e sono costituiti preferibilmente da vetro o porcellana. Al loro interno sono presenti dei fili metallici che collegano i due terminali di contatto, che si trovano dentro ai fusibili stessi. È proprio questo filo a fare un modo di proteggere in caso di dispersione di corrente. Infatti, nel caso in cui l'elettricità superare un certo valore stabilito, il filo fonderebbe. La principale occupazione del fusibile è quella di evitare eventuali sovraccarichi, così da favorire la protezione di circuiti elettrici.

46

Nel controllo di un fusibile termico, è bene fare attenzione a non farsi male. Infatti, nel caso questo sia collegato alla corrente, si potrebbe incorrere in gravi danni. Ma come è possibile controllare un fusibile termico? La procedura non è affatto semplice, infatti solo un esperto può fare il lavoro, ed è consigliabile tenere i bambini lontani dal luogo dove vi state cimentando ad effettuare il controllo.

Continua la lettura
56

Adesso passiamo al lavoro vero e proprio. Prendete un attrezzo chiamato tester e legate le due estremità negativo e positivo ai rispettivi due terminali del fusibile stesso. In questo modo riuscirete a vedere se il circuito interno allo stesso è staccato o meno. Se non siete in possesso di un tester, usufruite di una comune batteria, nel seguente modo: munitevi di batteria, quattro fili e una lampadina. Adesso collegate la lampadina ai due fili, unite il negativo e il positivo alla batteria e fate lo stesso con il fusibile. Dopo aver allacciato tutto l'impianto, in questo modo potete verificare se è presente all'interno del fusibile stesso il circuito elettrico. In particolar modo, se la lampadina accende, allora il vostro controllo è andato a buon fine.

66

Seguendo fedelmente questi passi, sarete sicuri della funzionalità del vostro fusibile, se non sarete in grado di svolgere questo procedimento, allora fatevi aiutare da qualcuno che ha più esperienza di voi e che conosce bene i pericoli dell'opera che ci state cimentando a fare. Buon lavoro.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Materiali e Attrezzi

Come funziona un fusibile termico

Tutti quanti gli elettrodomestici e le apparecchiature elettroniche di buona qualità, sono provviste di un fusibile termico, ossia di quel dispositivo di emergenza utilizzato per prevenirne il surriscaldamento, e la conseguente fusione dei vari componenti....
Materiali e Attrezzi

Come reimpostare un fusibile termico

Un fusibile termico, detto anche TCO (Thermical Cut Offs) è una sorta di dispositivo di tipo elettronico capace di bloccarsi non appena la sua temperatura raggiunge una determinata soglia, proteggendoci così da possibili cortocircuiti. Il valore di...
Materiali e Attrezzi

Come testare un fusibile

I fusibili sono dei piccoli dispositivi che vengono utilizzati per fornire una protezione ai circuiti elettrici. Essi includono un filo molto sottile, che si fonde o si vaporizza quando il flusso di corrente che passa attraverso è superiore rispetto...
Materiali e Attrezzi

Come testare un fusibile di ceramica

Insieme ai fusibili in vetro, quelli in ceramica sono tra i più comunemente utilizzati negli elettrodomestici, in particolar modo nei forni a microonde, i quali sono inclini a corto circuito causato da fluttuazioni di tensione. La presenza di un fusibile...
Materiali e Attrezzi

Come realizzare un fusibile semplice

Il fusibile è un elemento semplice, ma anche indispensabile in quanto dà la possibilità di poter proteggere un circuito. Infatti, senza la sua installazione si corre il rischio di rovinare in modo definitivo l'impianto elettrico. Il fusibile è presente...
Materiali e Attrezzi

Come levigare l'intonaco termico

Tra le differenti tipologie di intonaco che è possibile utilizzare per proteggere e decorare le pareti ed i muri di un edificio, il più indicato è l'intonaco termico, grazie al quale permettere un completo isolamento termico delle pareti esterne in...
Materiali e Attrezzi

Come controllare l'efficacia di un atomizzatore a recupero

Gli atomizzatori sono degli apparecchi per l'agricoltura che servono per l'irrigazione dei campi coltivati. Nel particolare, vengono impiegati per cospargere di fitofarmaci i vigneti ed i frutteti. Si tratta di una macchina compatta, dotata di un raddrizzatore...
Materiali e Attrezzi

Come controllare una fotocellula

Il termine fotocellula viene usato generalmente, per indicare tutti quei circuiti elettrici che impiegano dei fotorivelatori. Essi sono dei dispositivi che riescono a rilevare una elettromagnetica radiazione, fornendo un segnale in uscita con intensità...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.