Come correggere un terreno argilloso

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il terreno argilloso non riesce ad assorbire l'acqua quando piove per cui si generano pozze d'acqua stagnante. Esso è composto da sabbia, limo ed argilla in proporzioni variabili. I suoli di argilla sono presenti in diverse parti del mondo; essi contengono più sostanze nutritive rispetto a quelli sabbiosi, hanno un migliore drenaggio e sono più facili da coltivare. Leggendo questo tutorial si possono avere alcuni utili consigli e delle corrette indicazioni su come correggere un terreno argilloso.

26

Vangare il terreno

La prima cosa da fare è quella di vangare il terreno in profondità per far spaziare le radici. L'area da preparare deve essere più ampia di quella che serve in quanto le radici delle piante crescendo hanno bisogno di spazio. È opportuno utilizzare una fresa "retro-tine" per lavorare la superficie del suolo argilloso. Questo metodo consente di allentare il terreno facilmente. Successivamente bisogna rompere i grossi pezzi di argilla con una pala oppure con le mani per farli diventare frammenti più piccoli.

36

Lavorare il terreno quando è asciutto

Quando il terreno è asciutto nella zona lavorata si deve aggiungere uno strato di materiale organico secco fino a quando il suolo non si amalgama. La maggior parte dei suoli argillosi è alcalino per cui bisogna abbassare il Ph. Letame, compost e materiale organico sono quelli più utilizzati. Si devono accorpare circa due centimetri di terreno sulla superficie della zona lavorata e con un motocoltivatore si deve miscelare la parte superiore del terreno con le sostanze secche e con il terreno argilloso.

Continua la lettura
46

Mettere dei fogli di giornale

Un altro modo per correggere il terreno argilloso è quello di mettere uno strato di fogli di giornale sulla zona che si deve assestare. Per fare ciò basta utilizzare un annaffiatoio o un tubo da giardino con allegato un ugello "sprinkler". Bisogna bagnare il giornale fino a quando non è completamente umido, ma non saturo. Si deve disporre uno strato di 2,5 centimetri di terriccio sui fogli di giornale per coprirli completamente. Poi, si deve ricoprire uniformemente il terriccio con uno strato di composto organico.

56

Innaffiare spesso

Successivamente l'area trattata deve essere innaffiata spesso. Si deve utilizzare una pala per scavare il terreno dai 6 agli 8 centimetri di profondità. In seguito si deve riempire con 5 centimetri di materiali organici secchi e ricoprire il foro creato con il terriccio. Il materiale organico si integra perfettamente con il suolo argilloso. Infine, bisogna creare un piccolo tumolo di terra in modo che il terreno si indurisce quando piove.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come far crescere l'erba in un terreno argilloso

Per ottenere i migliori risultati, sia nell'orto sia i giardino, è necessario conoscere la situazione fisico-chimica del terreno. Vi sono, in natura, terreni più o meno spiccatamente acidi, neutri, alcalini; possono anche essere argillosi, sabbiosi,...
Giardinaggio

Come coltivare un fondo argilloso

I terreni argillosi sono inospitali per natura e si riconoscono facilmente. Difatti, in estate sono secchi e in inverno si inzuppano completamente. Generalmente, un terreno argilloso difficilmente permette alle piante di crescere, e in più rende il suolo...
Giardinaggio

Come rendere più drenante un terreno

Un terreno con problemi di drenaggio risulta essere costantemente umido o bagnato, con conseguente presenza di molte pozze di acqua stagnante. Dopo un temporale, o semplicemente dopo anche una piccola pioggia, alcuni terreni tendono a trattenere l'acqua...
Giardinaggio

Come riconoscere le caratteristiche del terreno e migliorarlo

Chi possiede un piccolo o grande giardino sa bene quanto sia importante possedere le giuste conoscenze e competenze al fine di dare il giusto benessere alle piante che coltiva. L'elemento principale, senza il quale evidentemente le piante non potrebbero...
Giardinaggio

Come concimare il terreno in maniera corretta

La concimazione del terreno è una pratica eseguita ciclicamente per rendere la terra più produttiva e favorire la crescita sana e rigogliosa delle piante. Proprio come noi necessitiamo di cibo, anche la pianta ha bisogno di nutrimento: altrimenti avrà...
Giardinaggio

Come arricchire un terreno sabbioso

Un terreno si definisce sabbioso quando la presenza di sabbia è superiore al 70%. Esistono diversi tipi di sabbia con granuli di diverse dimensioni. Solitamente la grandezza dei granelli va dai 50 micron ai 2 millimetri. La sabbia viene anche classificata...
Giardinaggio

Come livellare il terreno

Prima di coltivare qualsiasi pianta in giardino, o se bisogna installare una piscina, è necessario il terreno sia ben livellato. Se si effettua questa operazione, il terreno degrada più lentamente e non occorre poi dover agire per pareggiare eventuali...
Giardinaggio

Cosa coltivare su un terreno sabbioso

Un terreno sabbioso presenta lo svantaggio di trattenere scarsamente l'acqua, ma compensa questo difetto con la maggiore lavorabilità del terreno. Se vogliamo coltivare su terreni sabbiosi, dovremo quindi ricordarci di annaffiare poco e spesso le nostre...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.