Come costruire letti caldi e freddi per le colture protette

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

Creare un orto non è affatto semplice specialmente durante l'inverno o la stagione fredda. In questo periodo dell'anno è infatti di fondamentale importanza utilizzare delle serre e tenere a riparto le piante più delicate. In questa guida vi insegnerò come costruire letti caldi e freddi per la colture protette, di modo che possiate coltivare le vostre piante ed accudirle più semplicemente salvaguardandole anche con il cambio delle stagioni.

25

Occorrente

  • letame, terra, stallatico
  • lastra di vetro
  • compensato o cemento
  • telaio di legno
  • cassone
35

Iniziamo con il costruire letto freddo per le colture protette. Come prima cosa dovrete costruire una struttura di quattro assi di compensato abbastanza basse e mettervi sopra una lastra di vetro di adeguate dimensioni. In questo modo potrete creare con poche mosse un ottimo cassone di propagazione per le colture. Oltre al compensato, le pareti possono essere costruite anche con mattoni o cemento. Il vetro invece dovrà essere fissato saldamente in un telaio, in questo modo sarà mobile e vi faciliterà lo spostamento delle colture in un secondo momento.

45

I letti caldi sono molto usati dagli orticoltori francesi e sono un mezzo ottimo ed economico per forzare le primizie, ma richiedono perizia. Per costruire i letti caldi per le vostre colture iniziate preparando la base portante composta da un mucchio di letame di fattoria o di composta parzialmente decomposta. La scelta migliore consisterebbe nello stallatico, il letame equino misto a paglia. Rigirate il mucchio un paio di volte finché non svanisca il primo e intenso calore della fermentazione dello stesso.

Continua la lettura
55

Continuate quindi la preparazione del letto caldo per le colture stendendo questo composto in un cassone e coprendolo con uno strato di terra più sottile. Le proporzioni che dovrete seguire sono 75 cm di letame ricoperti da 30 cm di terra. Quindi inserite i semi quando la temperatura sarà scesa sotto i 27° C. Costruite il letto caldo preferibilmente alla fine dell'inverno o all'inizio della primavera così che, mentre il letto si raffredda, il calore del sole andrà a sostituire ed incrementare piano piano quello del letto caldo. Questi sistemi hanno bisogno di una manutenzione o di una sostituzione dei componenti periodica, in modo da poter sfruttare al meglio il loro potenziale e la loro utilità. Infatti un sistema non ben gestito non creerà la temperatura adatta e rischierà di danneggiare anche in modo grave le vostre colture protette, vanificando il vostro lavoro e rovinando anche i frutti delle colture.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Rotazione delle colture: come funziona

Fin dalla notte dei tempi, i contadini di tutte le epoche, hanno messo a punto un metodo del tutto naturale per poter sfruttare al meglio la terra dei propri campi. Stiamo parlando della rotazione delle culture. Non si tratta di nulla di impegnativo,...
Giardinaggio

Agricoltura in serra: vantaggi e svantaggi

Sempre più spesso si sente parlare di agricoltura in serra: questa tipologia di coltivazione è talmente tanto diffusa che gli esperti sostengono che, nel giro di un ventennio, essa potrebbe addirittura superare, per numeri e dimensioni di superfici...
Giardinaggio

Come costruire una piccola serra

L'utilizzo di una piccola serra che protegge le colture dal freddo invernale dà la possibilità di avere un orto sempre ricco di ortaggi freschi e genuini, in qualsiasi periodo dell'anno. Spesso i prezzi di acquisto sono abbastanza elevati, ma con il...
Giardinaggio

Come costruire una casa per coccinelle

Chi possiede un giardino sa che alcuni insetti sono dannosi per le piante, i fiori e le colture, invece altri sono utili per l'inseminazione delle piante e riescono a tenere lontani gli insetti dannosi. Fanno parte di questa categoria le coccinelle,...
Giardinaggio

Come progettare e costruire un laghetto

Costruire un laghetto nel nostro giardino è un'idea utile e carina. Potremo attuarla anche se possediamo un fazzoletto di terreno. Un laghetto renderà più allegro l'ambiente e ci invoglierà ad organizzare delle divertenti serate ai suoi bordi. Purtroppo...
Giardinaggio

Come costruire un timer per l'impianto d'irrigazione

Tutti coloro che possiedono un giardino o un orto sanno bene quanto sia importante curare al meglio l'irrigazione di piante e fiori. L'acqua costituisce il primo essenziale nutrimento di tutti gli organismo vegetali ed è perciò fondamentale provvedere...
Giardinaggio

Come costruire un barbecue da una lavatrice

La lavatrice si è appena rotta? Un peccato, ora dovrai pensare all'esborso per sostituirla. Una piccola consolazione però c'è: se non hai ancora un barbecue adesso potrai costruirne uno artigianale. Com'è possibile? Semplice, riciclando la centrifuga...
Giardinaggio

Come costruire un'aiuola rialzata

Le aiuole rialzate rappresentano una soluzione semplice per migliorare la qualità del terreno e cambiare le condizioni di crescita delle piante. Infatti l'aiuola rialzata si mostra una valida soluzione per tutte le piante che possono aver bisogno di...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.