Come costruire un'antenna con un filo di rame

Tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Anche se oggi si utilizzano apparecchiature elettroniche e digitali, il mondo radioamatoriale è sempre stato ricco di gente, soprattutto giovani, capace di crearsi il proprio spazio con piccoli e modesti strumenti. Occorre avere un minimo di preparazione tecnica per preparare l'attrezzatura adeguata a trasmettere e ricevere correttamente i segnali. Il pezzo principale è sicuramente rappresentato dall'antenna. Per costruirla esistono svariati modi e materiali. Tuttavia, in questa guida, vedremo insieme come costruire un'antenna con un filo di rame in poche e semplici mosse.

27

Occorrente

  • Cavo di rame
  • Forbici da elettricista
  • Sostegni fissi
37

La prima cosa che occorre fare è quella di scegliere adeguatamente la location in cui posizionare la nostra antenna. È necessario prestare moltissima attenzione alle presenza nelle vicinanze di linee elettriche aeree. Posizionate la vostra antenna a debita distanza da esse: moltissimi incidenti si verificano proprio a causa di questo motivo. Potete posizionare un'antenna a dipolo sul tetto della vostra casa a meno che quest'ultimo non sia costituito di parti metalliche. Posizionatela evitando pieghe eccessive o linee troppo curve.

47

Una delle scelte fondamentali è quella della scelta del cavo da utilizzare. Occorre acquistare un buon cavo di rame, non troppo sottile. Scegliete uno spessore sempre superiore ad un millimetro per evitare problemi. Bisogna evitare di togliere l'isolamento dal cavo. La guaina infatti protegge l'antenna, che esposta a tutti gli agenti atmosferici, rischierebbe di rovinarsi in pochissimo tempo. L'isolamento invece preserva l'integrità del cavo e assicura una lunga vita alla vostra opera. Inoltre, grazie all'isolamento, non dovrete preoccuparvi se il cavo entra in contatto con il suolo o con altri oggetti presenti nelle vicinanze (alberi, tralicci, etc...).

Continua la lettura
57

Per quanto riguarda la realizzazione bisogna considerare che una delle antenne migliori per le postazioni radioamatoriali è sicuramente quella a doppio dipolo. Essa può essere ottenuta sollevando la parte centrale e mantenendo ancorate le parti laterali. In questo modo conferirete all'antenna la classica forma a "V" rovesciata. Per quanto riguarda l'altezza regolatevi così: l'altezza finale dell'antenna deve essere pari ad un quarto della sua lunghezza totale. Ad altezze inferiori riscontrerete infatti grossi problemi nel suo funzionamento. Ricordatevi che per legge i radioamatori non possono superare i 1500 W di potenza di picco.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Fate attenzione e usate tutte le precauzioni per evitare infortuni o incidenti
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Materiali e Attrezzi

Come realizzare un'antenna per la radio

La maggior parte delle radio acquistate nei negozi hanno già un'antenna interna, oppure, nei modelli più vecchi, una esterna composta da un'asta di metallo allungabile. Nessuna di queste, però, è in grado di ti fornire sempre un'ottima ricezione sia...
Materiali e Attrezzi

Come realizzare un'antenna wi-fi satellitare

Sfruttando il wireless è possibile attingervi per navigare in internet ad altissima velocità e senza cadute di connessione nonchè per captare trasmissioni in digitale ad una qualità senza pari. La connessione satellitare garantisce una ricezione pulita,...
Materiali e Attrezzi

Come amplificare il segnale di un'antenna terrestre

L'arrivo della TV digitale terrestre ha permesso a tutti gli utenti una visione di alta qualità, risolvendo alcuni vecchi problemi del segnale analogico. Con esso infatti non era assolutamente raro vedere dei canali fortemente disturbati. Questo era...
Materiali e Attrezzi

Come usare lo spray fissativo sul rame

Il rame è un metallo duttile e malleabile e possiede alcune affinità chimiche con l'argento. Oltre ad essere molto resistente e riciclabile, il rame risulta anche un ottimo conduttore di calore ed elettricità e per queste sue caratteristiche viene...
Materiali e Attrezzi

Come sagomare e curvare il rame

Il rame, oltre ad essere un ottimo conduttore, ha anche la proprietà di essere molto flessibile e malleabile; quindi, si può facilmente modellarlo a seconda delle proprie esigenze. Specie se si utilizza un tubo di rame per qualsiasi tipo di lavoro,...
Materiali e Attrezzi

Come smaltare il rame

Quando decidiamo di fare dei lavori con il rame, come ad esempio creare dei bracciali o delle collane, prima di smaltare la superficie, abbiamo la necessità di adottare alcune importanti tecniche per disossidarlo, onde evitare che in fase di cottura...
Materiali e Attrezzi

Come ossidare il rame verde

Ci sono vari metodi per ossidare e di conseguenza cambiare colore al rame. A differenza del ferro che quando si ossida comincia a diventare ruggine, il rame invece reagisce formando una patina sulla superfice a cui seguirà il cambiamento di colore. L'esempio...
Materiali e Attrezzi

Consigli per curvare i tubi in rame

Se abbiamo deciso di installare una condotta idrica per irrigare ad esempio il giardino, ed intendiamo utilizzare dei tubi in rame, sorge il problema su come piegarli per creare le opportune curve o gomiti. Tuttavia ci sono alcune tecniche ben precise,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.