Come Costruire Un Cavallo Con La Cartapesta

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

La cartapesta fu inventata in Cina nel II secolo d. C.; venne utilizzata in Italia a partire dal Cinquecento per la realizzazione di statue, ma nel Settecento è in Inghilterra che raggiunge il massimo successo come decorativo per soffitti e muri al posto dello stucco. La cartapesta deriva da una tecnica povera, che consiste nell'utilizzo di carta e pezzi di stoffa cosparsi di collante (colla vinilica, colla di farina o altro). Durante il processo di lavorazione i suoi elementi costituenti vengono ridotti in poltiglia, per poi essere inseriti all'interno di calchi per la produzione in serie. È un materiale che, una volta essiccato, diventa leggero e utile per la realizzazione di moltissimi oggetti. Infatti, con questa tecnica l'uomo si è espresso in svariati settori industriali, come quello della minuteria, dell'arredamento, dell'architettura, della produzione di carri allegorici e di molto altro. In questa guida verrà spiegato come riuscire a costruire un cavallo con questo semplicissimo materiale.

26

Occorrente

  • tanti giornali
  • colla da parati
  • 4 zeppe di legno di 75x50x12 mm
  • colori ad acqua
36

Per quanto riguarda la struttura, la prima cosa da dover fare per realizzare un cavallo è di costruire un'armatura di supporto per la cartapesta, realizzabile semplicemente con grandi fogli di giornale arrotolati, stretti e legati insieme. Si consiglia di creare un rotolo lungo per lo schiena e dei rotoli più piccoli per le gambe, da fissare al corpo principale.

46

Bisogna stringere tra loro dei giornali intorno alla schiena per dare la forma di base al corpo, e coprili di strisce di carta imbevuta di colla per tenerli insieme. A questo punto, bisogna costruire le gambe dal basso, incollando un bastoncino di legno delle giuste dimensioni a ogni piede (si consiglia l'utilizzo di un bastoncino da 75 x 50 x 12 mm). Adesso bisogna riempire di carta imbevuta di colla tutto lo scheletro, facendo prendere forma al cavallo.

Continua la lettura
56

Quando il corpo dell'animale ha raggiunto la forma ottimale, possiamo lasciarlo asciugare per concentrarci nella modellazione dei particolari del corpo stesso, della coda e della testa. È necessario, a tal proposito, realizzare la criniera, applicando giornali accartocciati lungo il collo e la testa. Poi si passa alla coda, coprendola con strati di carta imbevuta di colla e modellando il tutto. Dopo che la cartapesta si sarà asciugata, si potranno riempire i vuoti con striscioline di carta imbevuta nella colla e arrotolata. Ultimati i passaggi, previa asciugatura completa, ci si può divertire nella colorazione del cavallo.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Prima di colorare il cavallo assicurati che sia completamente asciutto.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bricolage

Come fare la cartapesta e realizzare una città di cartapesta

La cartapesta è un materiale utilizzato per la realizzazione di oggetti di vario tipo ed offre la possibilità di creare un'infinità di cose ad un costo molto basso. L'impiego dell'impasto a base di carta ha origini lontane nel tempo. In Inghilterra...
Bricolage

Come costruire un cavallo di legno

Il fai da te piace molto, consente di realizzare delle creazioni belle ed originali come quella di un cavalluccio di legno ricavato con dei semplici ceppi. Qualora abitiate in campagna vi sara facile reperiere il materiale adatto a tale scopo. Invece,...
Bricolage

Come costruire un cavallo con il cartone

Un tempo, nella teatralità mimica e simbolica dei passatempi infantili, ai bambini era sufficiente incrociare due bastoni per trasformarli in magnifici stalloni da montare. Il bastone, facile da trovare, poteva così essere usato dai ragazzini di ogni...
Bricolage

Come fare un lampadario di cartapesta

La cartapesta è stata usata da sempre per realizzare oggetti più o meno grandi, da portatili e fino a colossali carri allegorici per i carnevali. È un materiale povero e facile da realizzare, perché bastano ritagli di carta di giornale e colla, spesso...
Bricolage

Come fare la cartapesta a strati sovrapposti

In questo articolo vogliamo aiutarvi a capire in che modo poter fare la cartapesta a strati sovrapposti. Grazie al fai da te, saremo in grado di realizzare davvero delle opere uniche ed anche molto originali, che potranno essere utilizzate per arredare...
Bricolage

Come realizzare un vulcano in cartapesta

Estate, tempo di giochi e di divertimento. Soprattutto per i più giovani. Un'idea davvero originale (che può essere messa in pratica da grandi e piccini) è quella di creare un vulcano in cartapesta. Per rendere più realistica la vostra opera, si potrebbe...
Bricolage

Come realizzare la struttura per una maschera di cartapesta

Durante il periodo di carnevale, in molte città si festeggia con una coloratissima sfilata di maschere e carri allegorici. Nelle piazze principali, assistiamo ad un vero e proprio show, capitanato dalle maschere carnevalesche più famose. Durante la...
Bricolage

Come creare la cartapesta ed utilizzarla per creare oggetti

La cartapesta è un materiale molto versatile e duttile, particolarmente adatto per creare manufatti di vario tipo e dimensioni, maschere, marionette, vasi ed altro ancora. Creare oggetti di cartapesta è un'attività divertente e semplice, che può essere...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.