Come costruire una barca radiocomandata

tramite: O2O
Difficoltà: media
18

Introduzione

Per gli amanti del fai da te costruire qualcosa gestibile a distanza è sempre una grande sfida, perché è necessario coniugare conoscenze in vasti campi differenti, dalla fisica all'automazione. Per quanto riguarda i modelli RC (ovvero radiocomandati) ed, in particolar modo per le barche, il discorso si complica ulteriormente e la tentazione di comprare tutto già fatto può essere forte. Nella seguente guida troverete validi consigli su come costruire una barca radiocomandata, in passi semplici ed intuitivi, e soprattutto a costi nettamente inferiori.

28

Occorrente

  • Motore elettrico (preferibilmente) o a scoppio
  • Servocomandi
  • Radiocomando
  • Ricevente
  • Scafo
  • Batterie ricaricabili e caricabatterie
  • Colla, silicone e viti varie.
38

Nella realizzazione di una barca radiocomandata, è importante definire preliminarmente le dimensioni della vostra nuova imbarcazione. Infatti in relazione alle dimensioni dello scafo, consegue tutto il resto. La scelta deve avvenire in relazione ai vostri gusti personali ed in funzione dello specchio d'acqua che navigherete.

48

Una volta definite le dimensioni del vostro motore elettrico, ad esso vanno abbinate tutte le componenti elettriche come il pacco batterie, il regolatore, i servocomandi ed il radiocomando. Per quanto riguarda batterie e regolatore, valgono le stesse considerazioni sviluppate a proposito del motore: maggiori saranno le prestazioni richieste e maggiori saranno i costi ad essi connessi. Affidatevi ai componenti di migliore qualità per quanto riguarda servocomandi, ricevente e radiocomando: saranno loro a rendere l'imbarcazione affidabile e sicura.

Continua la lettura
58

Con tutto il materiale a disposizione è possibile passare alla fase di assemblaggio e come operazione preventiva è opportuno rivestire la ricevente ed il pacco batterie con della pellicola termoretraibile in modo che siano impermeabilizzati. È preferibile inoltre montare l'elica come ultimo elemento, in quanto estremamente delicata per via del suo bilanciamento. Mentre il regolatore è bene montarlo in prossimità del motore, il pacco batterie può essere dislocato non immediatamente in prossimità di esso. In genere rappresenta l'elemento più pesante fra tutti i componenti per cui la sua posizione influenza molto la dinamica dell'imbarcazione.

68

Ora è possibile proseguire fissando i servocomandi al telaio ed al timone. Lo scafo può essere dotato in origine di uno o più timoni ed è consigliabile utilizzarli in prima battuta, potrete pur sempre modificarli in seguito se la manovrabilità dell'imbarcazione non vi soddisfa. I collegamenti sono molto semplici ed immediati. Dal servocomando si diparte un leveraggio che consente l'attuazione del movimento al timone; per mezzo di semplici viti è possibile collegarli e le posizioni sono predefinite per via delle sedi predisposte. Se volete dotarvi di un timone differente, è possibile acquistare dei pezzi per montarlo che consistono in una lastra piatta, un timone collegato ad una bacchetta, un asse che passa attraverso un tubo ed un piccolo braccio all'estremo. Nella parte posteriore della barca, appena dietro al foro dell’elica è possibile inserire il timone. Il foro di passaggio da praticare deve essere leggermente più grande del tubo. I successivi collegamenti con il servomotore sono identici al caso del timone già presente.

78

Infine è necessario posizionare la ricevente. Il consiglio è lo stesso utilizzato per il pacco batterie: per una migliore manovrabilità posizionatelo in una zona centrale dell'imbarcazione. In generale la ricevente è dotata di un piccolo tubicino di gomma da posizionare sullo scavo entro il quale far passare i fili per la ricezione del segnale. Se invece la ricevente fosse dotata di un'antenna fissa, sarete costretti a montarla in alto altrimenti riceverà male il segnale.

88

L'impermeabilizzazione di tutte le fessure rimaste libere avviene per mezzo di opportune colle e siliconi. In genere è preferibile ergere una parete interno allo scafo, in modo che anche in caso di urto, se la zona anteriore si danneggia, l'acqua non entrerà a contatto con le parti elettriche. Non vi resta che testare la vostra nuova imbarcazione!

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Altri Hobby

Come costruire una barca in legno

La barca è il mezzo di trasporto preferito di tutti coloro che abitano in località marittime e desiderano muoversi in mare. I principali tipi d'imbarcazione sono: quella a remi, che è sicuramente la più ecologica e la più economica e quella a motore,...
Altri Hobby

Tutto sulla barca a vela

La barca a vela è un imbarcazione che sfrutta il vento per muoversi. Il suo motore compie azioni di ausilio e supporto, ad esempio per lo spostamento e ancoraggio in porto. Questa guida si ripropone di illustrarvi tutto sulla barca a vela, un'imbarcazione...
Altri Hobby

Tendalino per barca: come realizzarlo

La nautica è una disciplina estremamente costosa e la sua passione richiede tempo e fatica. Eppure, non mancano le tecniche per risparmiare. Avete appena comprato una barchetta usata o ne avete ricevuta una? Il vostro vecchio tendalino per barca ha subito...
Altri Hobby

Come attrezzare una barca da pesca

La pesca è senza dubbio un'attività che vanta una tradizione millenaria nonché una grandissima schiera di appassionati. Le persone che si appassionano a questo sport sono in netto aumento, proprio per la capacità di tale attività di coniugare il...
Altri Hobby

Come disegnare una barca

Disegnare una barca non è difficile, però per una perfetta realizzazione bisogna seguire alcune regole. Prima di tutto occorre un buono spirito di osservazione. Poi capire come riprodurla sul foglio da disegno, tenendo presente la sua forma, la posizione...
Altri Hobby

Come montare lo stick sul timone della barca a vela

La barca a vela è un'imbarcazione che sfrutta la forza del vento e non necessita di motore, tranne in alcuni casi. Tutte le imbarcazioni a vela sono dotate di un apposito timone che serve a dirigerle ed esso viene sempre azionato da una barra sopra alla...
Altri Hobby

Come riparare il gelcoat della barca

Le barche in vetroresina sono ricoperte da una sostanza conosciuta con il nome di gelcoat. Quest'ultima serve per garantire l'impermeabilità alla barca, specialmente della parte che sta a contatto diretto con l'acqua. Questo materiale a volte si rompe...
Altri Hobby

Come costruire una nave in bottiglia

Se avete voglia di dedicarvi nel tempo libero ad un hobby particolare come ad esempio quello di costruire una nave in bottiglia, questa è la guida giusta per voi; infatti, successivamente vi spieghiamo passo dopo passo, tecniche e modalità su come...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.