Come costruire una levigatrice a nastro

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
118

Introduzione

La levigatrice a nastro è un ottimo strumento per tutti i lavori di levigatura grezza. Ma com'è possibile costruirne una? Per prima cosa, quali strumenti occorrono? Per costruire una levigatrice a nastro ci serve un legno multistrato solido, dei pattini a rotelle, da cui ricaviamo dei cuscinetti a sfera, dei perni in acciaio (ricavabili da una vecchia stampante), un motore a induzione (che potete reperire da una lavatrice in disuso), un deviatore bipolare, una scatola di derivazione, in cui monteremo il circuito di controllo, ed un ingresso per l’alimentazione.

218

Per cominciare costruiamo i rulli frontali. Iniziamo ricavando dieci dischi, dal diametro di 6 centimetri, dal pannello di legno multistrato. Foriamo i dischi al centro e li assembliamo con la colla, aiutandoci con un’asta per reggerli correttamente. Per fare pressione, e cosi assicurarci che la colla funzioni, stringiamo due dadi all'estremità dell’asta, e lasciamo il tutto ad asciugare. Una volta indurita la colla montiamo i rulli su un trapano e aiutandoci con la carta vetrata li rendiamo perfettamente lisci e cilindrici.

318

Ora tagliamo, sempre dal pannello di legno multistrato, il supporto per i rulli frontali. È importante che sia bello solido, per questo vi consigliamo di tagliare due sagome identiche ed unirle con la colla. Successivamente, scegliamo una tavola come base per la levigatrice e andiamo a ricaricare le dimensioni per il telaio in modo che l’area di ingombro per l’attrezzo sia minore possibile. Ricaviamo due sezioni di 10 x 43 cm da un’asse di legno, e un’asta rettangolare lunga 72 cm.

Continua la lettura
418

Da un’altra tavola di multistrato ricaviamo il supporto per i bracci che diverranno poi parte del telaio. Da un’asta profilo quadrato ricaviamo due pezzi lunghi quanto gli assi tagliati in precedenza. Quello che faremo sarà costruire una sorda di sandwich all'interno del quale l’asta rettangolare alla quale fisseremo il sostegno dei rulli frontali, potrà scorrere liberamente. Assembliamo i pezzi, e sulla parte superiore fissiamo anche il supporto per il braccio di tensionamento. Il tutto sarà tenuto insieme dalla colla e dalle viti. Una volta finita l’operazione, l’asta dovrebbe scorrere perfettamente all'interno del telaio.

518

Con le stesse modalità viste in precedenza andiamo a costruire il rullo di registrazione del nastro. Esso sarà ricavato da dischi di 7,5 cm di diametro. Il rullo sarà biconico, con i diametri minori rivolti verso l’esterno. Per dargli questa volta bisogna lavorarlo con la raspa. Una volta che il rullo è definito, non resta che ricavare un alloggio per i cuscinetti. Per farlo useremo una punta forstner. Successivamente allarghiamo il buco centrale per permettere il passaggio del perno senza attrito.

618

Adesso prendiamo i pattini a rotelle e rimuoviamo le viti per estrarre le ruote, recuperiamo i tappini delle rotelle ed estraiamo tre coppie dei cuscinetti a sfera. Con un coltello trasformiamo i tappini in rondelli, con una faccia conica. La loro funzione sarà quella di fare contatto con il cilindro interno del cuscinetto, per trasferire la ruota sulle sfere. Grazie ad essi potremmo bloccare i cuscinetti in posizione sul perno senza creare attrito.

718

Successivamente creiamo i perni, per i rulli anteriori, entrambi in acciaio, con un diametro di 8 mm, che entra alla perfezione nei cuscinetti. Con il flessibile tagliamo due segmenti di 19 cm e con una filiera andiamo a filettare l’estremità. Ora prendiamo il supporto dei rulli frontali e facciamo un foro di 8 mm al centro di entrambe le estremità. Passiamo, quindi, a fare i fori per le viti e fissiamo il tutto. Ora, possiamo montare i perni sul sostegno. Iniziamo avvitando un dado fino in fondo al perno e applicando una rondella. Infiliamo i perni nei fori rinforzati e applichiamo un’altra rondella e due dadi consecutivi. In questo modo si bloccheranno l’un l’altro e le vibrazioni della levigatrice non li allenteranno.

818

Prendiamo delle molle e li infiliamo su per i perni, seguiti da una rondella a coniche in plastica. Inseriamo i cuscinetti nei rulli e infiliamoli nei perni. Passiamo un’altra rondellina a conica e un’altra in acciaio. Per bloccare il tutto, utilizzerò delle vitine che metteremo nei fori filettati, che erano già presenti sull'estremità dei perni. D’ora in poi i rulli saranno tenuti in posizione dalla molle e comunque in grado di girare in libertà. Fissiamo ora tutto il blocco frontale sull'asse che lo monterò sul telaio. Assembliamo le due parti. Ora, ricaviamo da un altro pezzo di multistrato il braccio di tensionamento che avrà due buchi: uno con cui verrà fissato al telaio e un altro all'altezza nel quale fisseremo il rullo di registrazione.

918

Evidenziamo in matita il luogo dove andremo a fissare la cerniera in acciaio che ci permetterà di inclinare la ruota di registrazione a nostro piacimento. Per ottenere un’ottima inclinazione, scaviamo nel braccio un solco inclinato. Il modo migliore per farlo è usare lo scalpello. Per rifinire il solco, conviene usare una raspa. Pratichiamo un foro da 8 mm sulla cerniera, dove successivamente andremo a fissare il perno.

1018

Utilizziamo un tondino di alluminio come momentaneo sostituto del perno per prendere delle figure. Per farsi che la cerniera si chiuda del tutto facciamo un foro abbastanza grande di 20/25 mm di diametro, per far passare il dado di fissaggio del perno. Ora, la cerniera può chiudersi completamente. Pratichiamo un ultimo foro per far passare la vita di registrazione che regolerà l’apertura della cerniera.

1118

Prima di fissare la cerniera, scaviamo leggermente nelle linee che avevamo disegnato a matita, per permettere l’ingresso del dado. Facciamo poi un foro da parte a parte da cui far passare la vita di registrazione e allarghiamolo all'estremità quanto basta per far passare un dado. Fissiamo la cerniera con delle viti e facciamo un foro con cui fisseremo il braccio al telaio con una vite, stringendo il tutto con dei dadi. Successivamente prendiamo una lunga vite e lo possiamo fino in fondo con un dado a coda di rondine. Questa diverrà la vita di registrazione con cui regolare la posizione del nastro. Il pezzo è finalmente completo.

1218

Passiamo ora alla costruzione della ruota motrice usando 5 dischi di multistrato col diametro di 11 centimetri. Sul primo disegniamo i diametri e trasferito le misure dell’puleggia del motore. Lungo i diametri andiamo a praticamente quattro fori attraverso i quali passeranno le quattro viti che fissano la ruota motrice. E’ importante che i fori siano allineati su tutti gli altri dischi. Ora, prendiamo delle viti lunghi per trapassare la ruota e fissarli sulla puleggia. Adesso con il flessibile incidiamo la puleggia creando dei solchi in cui le viti potranno agganciarsi. Non resta che assemblare la ruota. Una volta creata la ruota, la facciamo adagiare con delicatezza alla puleggia e la fissiamo con quattro dadi.

1318

Prendiamo la fase e fissiamoci due listelli di legno su cui andranno a poggiare i piedini del motore. Smontiamo i piedini frontali del motore cosi da poterli forare più comodamente e fissiamoli sul supporto con due viti. Mettiamo ora il motore in posizione e rimontiamo i piedini frontali. Per dare maggiore solidità aggiungiamo una staffa di alluminio. Adesso fissiamo il telaio della levigatrice alla base, il quale dovrà poggiare sul motore. Essendo il motore cilindrico, scaviamo un solco nel legno in modo che le due parti combacino a perfezione. Ora, da una tavola massiccia ricaviamo un rettangolo di legno che diverrà l’elemento che unirà il telaio alla base, tramite delle angoliere. Attacchiamo due angoliere anche alle altre estremità. Adesso possiamo fissare il tutto al telaio con delle viti.

1418

Concludiamo fissando il telaio alla base. Assembliamo ora il rullo di registrazione esattamente con le stesse procedure degli altri. In questo caso il perno sarà di 15 cm, un po' più corto degli altri due. Ricordate che i quattro rulli devono essere allineati. Ora possiamo montarlo sulla cerniera utilizzando un dado, tagliando la sporgenza in eccesso con un flessibile. Adesso facciamo in modo che il braccio di tensionamento dia effettivamente tensione, per questo ci fissiamo una molla.

1518

Per farlo, foriamo da parte a parte una grossa vita e fissiamola sulla parte posteriore del braccio dopo averlo bucato. Nel foro della vite agganceremo un’estremità con la molla. Perpendicolarmente alla vite che abbiamo fissato avvitiamo sul telaio un anello al quale agganceremo l’altro cavo della molla. Non resta che mettere la molla al suo posto. Fissiamo la levigatrice in verticale per avere un miglior accesso alla ruota. Accendiamo il motore e iniziamo a tornirla, fino a renderla centrata e perfettamente cilindrica. Se le vibrazioni sono minime e il suono è uniforme l’obbiettivo è raggiunto, altrimenti aggiungiamo un supporto extra.

1618

Adesso che la struttura è ultimata, passiamo alla fase elettrica. Cominciamo saldando i cavi di linea e di terra all'ingresso dell’alimentazione e ricopriamo il tutto con della guaina termo-restringente. Prendiamo la scatola di derivazione, l’apriamo, estraiamo uno dei tappi in gomma e andiamo a creare la serie per l’ingresso di alimentazione. Usare una lama rovente è il metodo più rapido per tagliare la plastica. Pratichiamo poi due fori per le viti di fissaggio e montiamo l’ingresso di alimentazione. Poi prendiamo un doppio faston maschio femmina e fissiamolo ad uno dei fili di linea.

1718

All'altro filo di linea ed a quello di terra montiamo invece dei faston classici. Dopo aver forato il tappo in gomma facciamolo passare intorno ai cavi per tenerli in ordine. Ora andremo a preparare dei connettori per cablare il motore con il deviatore. A un’estremità di un filo fissiamo un capocorda occhiello e fissiamo nella connessione con della guaina termo-restringente. All'altro capo montiamo un normale faston. In totale dovremmo farne sei. Passiamoli poi attraverso il tappo dentro la scatola di derivazione e tramite le apposite viti fissiamo i capicorda al deviatore bipolare.

1818

Non resta che effettuare i collegamenti, facciamo passare i cavi e fissiamo la scatola alla base per poi chiuderla. Colleghiamo il condensatore e per ultimo colleghiamo alla messa a terra la carcassa del motore. Per concludere montiamo provvisoriamente un nastro adesivo sulla levigatrice chiusa e allungando il braccio mettiamo il nastro alla giusta tensione. Fatto ciò, pratichiamo due fori da parte a parte sul telaio attraverso il braccio per poter successivamente bloccare la struttura in posizione con delle viti. La nostra levigatrice può dirsi finalmente conclusa e dopo aver montato un nastro abrasivo professionale Ttake per la levigatura del legno, possiamo iniziare ad usare la levigatrice.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Materiali e Attrezzi

Come scegliere la levigatrice

La levigatrice, come indica il nome stesso, è un elettroutensile che si utilizza per levigare una qualsiasi superficie in modo perfetto. Ma se il suo lavoro risulta abbastanza semplice e redditizio, non altrettanto si può dire per la scelta che ognuno...
Materiali e Attrezzi

Come usare la levigatrice per persiane

Se avete intenzione di restaurare delle persiane in PVC o in legno, potete intervenire con una levigatrice specifica che si rivela molto pratica e versatile ai fini dell'uso, e che consente di ottimizzare il risultato rendendo la struttura perfettamente...
Materiali e Attrezzi

Come usare una levigatrice rotativa per pavimenti

Prendersi cura della propria casa non è una faccenda che tutti possono affrontare in maniera uguale: può capitare spesso e volentieri che molti non abbiano idea di come poter aggiustare o sistemare delle cose che apparentemente sembrano impossibili...
Materiali e Attrezzi

Come Riattaccare Il Nastro Per Giunti Nel Cartongesso

Il nastro di carta per il cartongesso fa parte della categoria dei nastri per stuccatura, insieme a quelli per armatura (in rete o garze), in rete autoadesiva ed in fibra di vetro. Servono tutti per fissare lo stucco, nascondendo i giunti che collegano...
Materiali e Attrezzi

Come scegliere una sega a nastro per ferro

La sega a nastro è uno strumento estremamente utile per la lavorazione del legno, del ferro, dei metalli e molti altri materiali difficili da trattare. Se utilizzata nel modo corretto, si rivela un apparecchio versatile e preciso. Perché sia funzionale,...
Materiali e Attrezzi

Come applicare un nastro riflettente sull'auto

I nastri riflettenti vengono spesso utilizzati per personalizzare l'auto e renderla più facilmente visibile in ogni circostanza. Esistono nastri adatti per il paraurti ed altri per i cerchi, che solitamente sono le parti in cui più spesso si applicano....
Materiali e Attrezzi

Come costruire un aspiratrucioli

Se non siete dei falegnami professionisti, ed utilizzate il vostro laboratorio solo come hobby, allora la cosa migliore da fare sarebbe quella di costruire un aspiratrucioli fai da te. La costruzione di questo apparecchio, vi consentirà di risparmiare...
Materiali e Attrezzi

Come costruire un magnete

Iniziamo la guida sintetizzando il concetto di magnete: definiamo magnete qualunque corpo, quindi qualunque oggetto che è in grado di generare un campo magnetico. Il magnete ha la capacità innata di respingere o attirare altri corpi di natura metallica....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.