Come creare da soli la ceramica fredda

Tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

La noia molto spesso prende il sopravvento durante l'arco delle nostre giornate. Sarebbe a tal proposito produttivo e soprattutto utile, poter sfruttare al meglio e in maniera ottimale il tempo libero a nostra disposizione. Magari si potrebbe prendere in considerazione l'idea di produrre, con le proprie mani, degli oggetti molto originali, sfruttando delle tecniche ingegnose e senza dubbio davvero particolari. In questa guida vedremo per l'appunto qualcosa del genere, basta seguire accuratamente i passaggi illustrati per ottenere un risultato più che soddisfacente. Vedremo, infatti, come creare da soli la ceramica fredda. Un ottimo modo per dare sfogo alla propria vena e al proprio spirito creativo.

25

Preparare un composto

Mettete la maizena, la colla vinilica, l'olio di vaselina e, se volete, l'essenza (per esempio di lavanda, che ha anche un potere "antimuffa") in un pentolino antiaderente che non utilizzate per cucinare. Mescolate gli ingredienti rendendo l'impasto il più possibile omogeneo. Accendete il fuoco più basso che avete tra i vostri fornelli e posizionatevi sopra il pentolino. Prendete un cucchiaio di legno e mescolate continuamente. Non spaventatevi se all'inizio il composto si attaccherà al contenitore! Continuate per circa 4-5 minuti, fino a che non si staccherà completamente dalle pareti. Il tempo di cottura è indicativo in quanto varia, ovviamente, in base alla quantità dell'impasto e all'intensità del calore. Quando il composto si è ben scollato, togliete il pentolino dal fuoco.

35

Cuocere e raffreddare il composto

Spalmatevi abbondantemente le mani con la crema alla glicerina e iniziate a manipolare l'impasto. Quando sarà tiepido, prendete un po' di pellicola trasparente e posizionatecelo dentro. Chiudete solo il lato superiore, lasciando due aperture laterali. Attendete pazientemente che il composto diventi freddo (indicativamente un giorno intero). Quando è completamente raffreddato, iniziate a lavorarlo energicamente con le mani (sempre unte con la crema di glicerina) finché la superficie diventa liscia e morbida.

Continua la lettura
45

Colorare la pasta ceramica e manipolarla

È possibile colorare la pasta ceramica sia mentre si crea l'impasto (aggiungendo una piccola quantità di tempera al composto e manipolandolo) sia successivamente, una volta modellata secondo la forma che si vuole ottenere e seccata (in questo caso si può dipingere con colori acrilici o tempera). Il composto si può conservare, al naturale o colorato, anche per diversi mesi se ben chiuso in un contenitore ermetico. Quando si ricomincerà a lavorarlo, basterà manipolarlo con la glicerina.

55

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bricolage

Come decorare una mattonella di ceramica

Decorare mattonelle di ceramica può diventare un vero e proprio hobby. Se possedete una buona manualità, potrete divertirvi a realizzare decorazioni di questo tipo, per ottenere degli oggetti unici e preziosi con i quali abbellire la vostra casa. Inoltre,...
Bricolage

Come fare la pasta di ceramica a freddo

La ceramica è un materiale composto inorganico, non metallico, molto duttile allo stato naturale, rigido dopo la fase di cottura. Con la ceramica si producono diversi oggetti, quali stoviglie, oggetti decorativi, materiali edili (mattoni e tegole), rivestimenti...
Bricolage

Come incollare la ceramica sul marmo

La ceramica è un materiale molto elegante e ben rifinito con il quale realizzare facilmente alcune splendide e raffinate decorazioni all'interno di un appartamento e persino in luoghi all'aperto, come un giardino, un terrazzo oppure un piccolo balcone....
Bricolage

Come incollare la ceramica al legno

Se avete dei tavoli in legno o delle pareti realizzate con del compensato ed intendete rivestirle con la ceramica, è importante attenersi ad alcune regole per fare in modo che il lavoro vada a buon fine. La ceramica in genere si può fissare sul legno...
Bricolage

Come lavorare la ceramica

La ceramica è un materiale inorganico utilizzato per la realizzazione di diversi oggetti e viene creata con l'esposizione dell'argilla, a sua volta costituita da una variabile di composizioni minerali, a temperature altissime. È importante comprendere...
Bricolage

Come dipingere la ceramica con l'acquerello

La ceramica è un materiale refrattario che è presente in commercio in diversi modelli e in varie qualità; inoltre, è molto versatile poiché può essere dipinto in tantissimi modi, come ad esempio con gli acquerelli, con i colori acrilici, oppure...
Bricolage

Come dipingere le lampade in ceramica

Ecco una nuova guida, in cui abbiamo deciso di proporre la realizzazione di un lavoretto del tutto fai da te. Nello specifico cercheremo di capire meglio come dipingere delle lampade in ceramica.Capita un po' a tutti di avere da parte, magari in cantina,...
Bricolage

Come decorare la ceramica smaltata

Avete un vaso di ceramica smaltata ma vorreste cambiare il disegno per avere qualcosa di nuovo oppure avete creato con le vostre mani un oggetto in ceramica e adesso vorreste decorarlo con degli smalti per renderlo ancora più bello ma non avete idea...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.