Come creare la nebbia

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
17

Introduzione

La nebbia rappresenta una condizione atmosferica naturale in grado di causare poca visibilità all'ambiente circostante. Precisamente la nebbia costituisce una nuvola posizionata alla medesima altezza del suolo. Di conseguenza questa condizione atmosferica naturale è una raccolta di gocce d'acqua che si formano quando l'acqua evapora e poi viene raffreddata. La maniera attraverso la quale l'acqua si raffredda determina appunto la nebbia. Il cambiamento delle stagioni rappresenta un momento abbastanza favorevole alla creazione della nebbia. Attraverso il seguente articolo particolare vediamo insieme come creare la nebbia in modo davvero efficace. In ogni caso dobbiamo prendere tutte le accortezze necessarie, allo scopo di minimizzare i rischi. In effetti l'impiego del ghiaccio secco ha bisogno di parecchia attenzione da parte nostra.

27

Occorrente

  • Ghiaccio secco
  • Acqua calda
  • Contenitore coibentato
  • Bottiglia o barattolo
  • Alcool
37

Capire il meccanismo di formazione della nebbia nella massa d'aria

Durante la meravigliosa estate, il terreno assorbe le radiazioni solari e l'aria passa attraverso il suolo. Quando le stagioni cambiano, la massa d'aria umida calda esistente nel suolo si scontra con quella maggiormente fredda. Il seguente fenomeno rappresenta la causa del vapore acqueo nella massa d'aria, quindi la nebbia viene generata in base a tale processo. Fatta questa premessa, andiamo ad illustrare i metodi di creazione della nebbia.

47

Riprodurre la nebbia in una bottiglia con acqua calda, ghiaccio e alcool

Innanzitutto possiamo creare la nebbia adoperando l'acqua calda. Sul vapore di quest'ultima passa l'aria fredda che produce la condensa nell'aria. Le piccole goccioline che si formano vengono appunto chiamate nebbia. Questo avviene poiché l'aria calda non riesce a trattenere l'umidità. Vogliamo riprodurre la nebbia all'interno di una bottiglia di plastica? Dobbiamo riempirla con l'acqua calda, il ghiaccio e l'alcool. In questo modo la condensa viene provocata dalla variazione di temperatura fra il ghiaccio e l'acqua calda. Quando si aggiunge l'alcool nella bottiglia, esso rendere più rapido il processo di vaporizzazione dell'acqua.

Continua la lettura
57

Aggiungere l'acqua calda al ghiaccio secco o alla glicerina

Possiamo creare la nebbia aggiungendo l'acqua calda al ghiaccio secco. Dobbiamo posizionare quest'ultimo nel polistirolo o in un recipiente coibentato, in modo da rallentare il processo di sublimazione. Per mantenere l'effetto, è necessario aggiungere continuamente l'acqua calda. Per avere una maggiore quantità di nebbia, bisogna eseguire questa procedura in una stanza fredda. Il ghiaccio secco può trasformarsi in anidride carbonica, dunque teniamo le finestre aperte quando ci troviamo in una stanza piccola. Se non vogliamo adoperare il ghiaccio secco, abbiamo l'opportunità di versare la glicerina in una pentola d'acqua già scaldata. Come abbiamo potuto notare, creare la nebbia è abbastanza semplice.

67

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bricolage

Come aggiungere il fumo in una diorama

Creare con le proprie mani può dare enormi soddisfazioni ed indurre ad un risparmio notevole. Per questo motivo il fai da te in ambito domestico e creativo si sta diffondendo a vista d'occhio, un ritorno alle origini che consente di svagarsi e divertirsi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.