Come creare la pila di Volta

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Come ben sappiamo, la Pila, il primo generatore di elettricità, antenato per eccellenza delle batterie, ha permesso e reso possibile la produzione di corrente costante nel tempo: una scoperta che risale al 1700, e che ha cambiato e stravolto, allora come oggi, il nostro modo di vivere. I meriti vanno ad Alessandro Volta, da cui la stessa prende il nome. In questa guida cerchiamo di spiegare attraverso un semplice sistema come creare la Pila di Volta, ed il perché del suo funzionamento.

26

Occorrente

  • polistirolo-monete da 20 e 5 centesimi di Euro-graffette-stecchini di legno-succo di limone
36

La fisica ci insegna che la tensione generata dal contatto di due diversi metalli, dischi detti "ELETTRODI", come il rame e lo zinco, diviene sempre più intensa a mano a mano che più coppie bimetalliche vengono sovrapposte l'una all'altra, intervallando fra le stesse un conduttore umido, quale può essere un liquido acidulato, elettrolita indispensabile, di cui Volta, tuttavia, aveva ignorato l'importanza. Secondo questa teoria, questi tre elementi insieme, dunque non solo la coppia bimetallica, costituiscono l'elemento base della pila.

46

Si provvederà a formare dei "panini" di monete, intervallate dal dischetto, che successivamente si andranno a posizionare all'interno di una struttura creata ad hoc, con semplici ed elementari strumenti: una base di polistirolo e spiedini fissati verticalmente. La serie dei tre elementi sarà più o meno lunga, in base al nostro volere; si avrà l'accortezza di concludere la "torre"di metallo e cotone con la moneta di rame, e un altro pezzo di polistirolo sulla cima. Ovviamente se si sbaglia, invertendo l'ordine, si otterrà una corrente inferiore, e la pila si scaricherà prima. Cimentatevi in questo esperimento, capace di far divertire grandi e bambini!

Continua la lettura
56

Per costruire una Pila si possono utilizzare benissimo delle monete: i 20 centesimi, per esempio, e i 5 centesimi, in acciaio ramato. In alternativa, si possono utilizzare delle graffette di acciaio, piegate fino a formare dei quadrati, fino a farle combaciare alla perfezione con le altre monete adoperate. Il conduttore può essere rappresentato da un pezzetto di cotone imbevuto di succo di limone, o acqua salata. Ricordiamo un dettaglio di fondamentale importanza: se il liquido si secca, non compie più la sua funzione. Sarà bene, a tal proposito, assicurarsi che rimanga sempre umido. Munirsi di una siringa può facilitare l'operazione di continuo inumidimento qualora dovesse verificarsi questo inconveniente. Inoltre, è necessario evitare che i pezzetti di cotone si tocchino fra loro: per questo motivo, i dischetti dovranno essere più piccoli delle monete.

66

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Altri Hobby

Come fare una rilegatura a mano

Esistono vari metodi per rilegare una dispensa, un dossier o una pila di fogli, qualora non sia possibile farlo con i metodi convenzionali della copisteria. Ovviamente il sistema di rilegatura cambierà a seconda dello spessore del book e della mole di...
Altri Hobby

Come creare una maglietta luminosa con LED

Il mondo della moda è in continua evoluzione e si colora di innovazioni che provengono anche dal mondo della tecnologia. I led sono, infatti, l'ultimo ritrovato per donare alla vostra maglietta un tocco diverso e originale. In commercio ce ne sono moltissime,...
Altri Hobby

Come costruire un sottomarino telecomandato

Se siete degli appassionati della scienza e dell'arte del fai da te, molto probabilmente vi sarà capitato di pensare a come si potrebbe realizzare un un piccolo sottomarino telecomandato. Innanzitutto dovete sapere che costruirlo non rappresenta assolutamente...
Altri Hobby

Come cambiare la batteria dell’orologio

Oggi la maggior parte degli orologi, per il loro funzionamento, necessitano di batteria, che possono essere una o due o di diverso tipo, a seconda del tipo di orologio. Un tempo invece gli orologi da polso o gli orologi a pendolo, anche se con un congegno...
Altri Hobby

Come fare un vassoio con la carta di giornale intrecciata

Oggi abbiamo voglia di creare qualcosa di nuovo e spettacolare. Abbiamo una pila di giornali vecchi e pensiamo che siano un'ottima materia prima da intrecciare come i giunchi dei cestini. In questo modo possiamo realizzare dei bellissimi cestini, oppure...
Altri Hobby

Come rilegare un vecchio quaderno

Se avete trovato nei meandri della vostra casa un diario prezioso di quando eravate bambine, o magari addirittura un vecchio quaderno appartenuto ai vostri genitori un po' sfaldato o rotto, non abbiate paura! Anche gli oggetti più rovinati, e allo stesso...
Altri Hobby

Come identificare le monete antiche cinesi

Se siete degli appassionati di storia antica o se semplicemente avete ritrovato una vecchia moneta e volete sapere a che periodo appartiene allora siete capitati sulla guida giusta. Oggi infatti vi parleremo delle antiche monete cinesi. In particolare...
Altri Hobby

Come realizzare delle lanterne volanti

Le lanterne volanti sono degli oggetti che possono creare giochi di luce davvero molto interessanti. Realizzarle non è cosi complicato come si può pensare, poiché basterà un po' di manualità e di passione per il bricolage, senza però creare troppi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.