Come creare rocce finte con il cemento

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Per un giardino dall'aspetto originale, fantasioso, e anche un po' regale, niente è meglio delle rocce, grandi o piccole, formose o possenti, posizionate rusticamente fra alberi, cespugli e ruscelli. Ovviamente il trasporto di rocce, anche non di grandi dimensioni, pone un non trascurabile problema: dove trovarle, dove prenderle, e come trasportarle fino alla propria abitazione? E qui intercedono le aziende adibite alla manutenzione e decorazione dei giardini, che certamente vi potranno dare un aiuto in cambio di una certa cifra, modica o no che sia. Ma se siete appassionati al fai-da-te e vorreste cimentarvi in una nuova idea originale (ed economica), allora questa è la guida che fa per te! Con una corretta elaborazione del cemento, infatti, non è per nulla difficile creare delle perfette rocce finte fai-da-te! In questa guida vi illustrerò meticolosamente tutti i passaggi, tutto l'occorrente e i consigli pratici per elaborare delle bellissime rocce artificiali con pochi oggetti facilmente reperibili. Allora che aspettiamo, diamoci da fare!

27

Occorrente

  • Cartone/Carta di giornale/Polistirolo
  • Rete metallica
  • Fil di ferro o lacci in plastica
  • Sabbia, cemento e acqua
  • Carriola/Betoniera
  • Cazzuola
  • Spazzola con setole di metallo
37

Lo stampo

Se avete tutto il necessario, cominciamo. In primo luogo, bisogna costruire lo stampo su cui poi andremo ad elaborare tutta la roccia durante la lavorazione. Per lo stampo potete adoperare quello che volete, come cartone, fogli di giornale accartocciati, ma anche polistirolo o affini. Quando avrete il materiale, comprimetelo, tagliatelo e incollatelo assieme in modo da formare all'incirca la forma e la grandezza della roccia che volete realizzare (potete aiutarvi con un 'nucleo' rigido, ad esempio una scatola di cartone, o un altro supporto che riuscite a trovare). Costruito lo stampo, avvolgetelo in una rete metallica, in modo da farla avvinghiare tutta intorno ad esso. La rete conferirà resistenza e inflessibilità alla roccia, oltre che offrire un buon supporto per il cemento. Per far aderire la rete allo stampo potete usare un filo di ferro o dei laccetti di plastica, purché siano ben fissati.

47

La malta

Ora siamo pronti a produrre la malta che andremo ad applicare sullo stampo.
Unite tre parti di sabbia e una di cemento in una betoniera o in una carriola, in base alla grandezza della roccia (o delle rocce) che volete creare. Versate ora una parte di acqua, curandovi di non inserirne troppa, pena la liquefazione del composto. Mentre versate l'acqua mescolate attentamente la composizione, in modo da far amalgamare tutta la miscela con il liquido.
Ora mescolate il composto per qualche minuto, assicurandovi che non sia troppo liquido o troppo pastoso (deve aver la densità della pasta per biscotti, per darvi un'idea); soprattutto, controllate con attenzione che non si siano formati dei grumi di sabbia: potrebbero pregiudicare la buona riuscita dell'intera costruzione.

Continua la lettura
57

Creazione della roccia

A questo punto, adoperate con l'ausilio di una cazzuola (piatta) la miscela sulla struttura metallica dello stampo: procedendo dal basso verso l'altro, create uno strato di circa 6/7 centimetri tutto intorno alla roccia.
Una volta che avrete ricoperto tutto lo stampo, potete procedere con un'ulteriore customizzazione della roccia, applicandogli fessure, deformità, leggeri buchi... Tutto quello che volete, purché stiate attenti a non danneggiare lo stampo interno.

67

Stagionatura

Ora che avete completato interamente la vostra 'scultura', copritela con dei teli di plastica e riponetela in un luogo al riparo dalla luce e dagli agenti atmosferici, dove dovrà rimanere per almeno un mese. Questa 'stagionatura' è necessaria per permettere al cemento non di solidificarsi, ma di stabilizzarsi; lavate la roccia passandola con dell'acqua una volta ogni due o tre giorni (in modo da rifinire la superficie ed eliminare ogni residuo di polvere di cemento). Potete già dopo la prima settimana spazzare la roccia con una spugna o spazzola metallica per lisciarla, oppure applicargli del colore per renderla più fantasiosa o naturale. Per ultimo ma non per importanza, l'uso di un prodotto solvente per proteggere la roccia e 'sigillarla' dagli agenti atmosferici è caldamente consigliato.

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Per conferire una forma naturale alla roccia, modellala con le mani: la rete metallica rispetterà le curve che gli imponi
  • Se vuoi delle rocce più porose e particolari, inserisci meno sabbia e adopera un po' di sfagno nella composizione del cemento.
  • Fai attenzione a lavorare con il cemento: la sua composizione può avere effetti nocivi
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come fare un vaso in cemento

Siamo sempre stati abituati a pensare al cemento come a qualcosa di negativo, utile per la costruzione degli edifici ma allo stesso tempo di grosso impatto ambientale. Tuttavia questo materiale consente anche la realizzazione di piccoli artefatti che...
Giardinaggio

Come progettare e costruire un laghetto

Costruire un laghetto nel nostro giardino è un'idea utile e carina. Potremo attuarla anche se possediamo un fazzoletto di terreno. Un laghetto renderà più allegro l'ambiente e ci invoglierà ad organizzare delle divertenti serate ai suoi bordi. Purtroppo...
Giardinaggio

Come realizzare un giardino alpino

Con il termine di giardino alpino si intende una parte di terreno in cui coltiviamo piante alpine e fiori che si possono solitamente ammirare nei boschi di montagna, sui prati e sui pascoli, nei ghiaioni, fino ai contrafforti rocciosi. Per prima cosa...
Giardinaggio

Come fare i cordoli per le aiuole

Tipiche composizioni di piante e fiori ordinate a carattere decorativo, le aiuole si trovano solitamente all'esterno di case private o parchi e giardini comunali. Il loro carattere puramente estetico richiede cure costanti e attente solitamente affidate...
Giardinaggio

Come fare un bonsai in stile ishizuki

La tecnica del bonsai, pur essendo tipicamente orientale, è molto diffusa, conosciuta e praticata anche in occidente. Consiste nel lavorare le piante in modo tale che restino sempre di dimensioni ridotte, pur conservando le caratteristiche di una pianta...
Giardinaggio

Come progettare una panchina in muratura

Se per il nostro giardino intendiamo progettare e realizzare una panchina in muratura, l'operazione non è affatto difficile, specie se la struttura è di tipo semplice come quella illustrata nella foto. Per la posa, è sufficiente acquistare dei blocchi...
Giardinaggio

5 consigli per realizzare un giardino zen

Il giardino zen deve essere un luogo dove ritrovare il benessere, allontanando lo stress e le preoccupazioni quotidiane. Il giardino è adornato da elementi naturali utili per ritrovare la pace. L'energia vitale irradiata (il Ch'i) sarà in grado di allontanare...
Giardinaggio

Come creare un terrario in una lampadina

Ornare le mensole del vostro appartamento si sta rivelando un compito arduo? I soprammobili che trovate in giro sono noiosi e banali? Basta con le solite smorte piante finte e con le polverose inutili suppellettili monocromatiche! Oggi siamo qui per proporvi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.