Come creare un bonsai da un albero adulto

tramite: O2O
Difficoltà: media
18

Introduzione

Il bonsai è una pianta in miniatura dalle dimensioni molto più contenute rispetto agli esemplari presenti in natura. Si tratta di esseri viventi delicati, che richiedono grande attenzione e cure quotidiane. La coltivazione dei mini alberelli in vaso, oltre che una passione praticata da chi ha il pollice verde, è una vera e propria arte, con delle regole da rispettare: armonia delle forme e gusto estetico sono essenziali per creare una pianta il più possibile somigliante ad una specie a grandezza naturale. Per realizzare un bonsai è possibile partire da un albero adulto: questo metodo è ritenuto il più veloce ed anche il più semplice per ottenere dei risultati nell'immediato. Intanto ecco alcuni consigli su come creare un bonsai da un albero adulto.

28

Occorrente

  • taglierino
  • pennello
  • muschio
  • polvere radicante
  • terriccio per bonsai
  • fili di rafia
  • busta di plastica
38

Andate in campagna e cercate un albero vigoroso e in salute poi, osservatene con cura tutte le parti, concentrando l'attenzione sui rami più giovani. Dovrete scegliere un tralcio che non sia molto grosso e che abbia un diametro compreso tra i 3 e i 5 cm. In seguito aiutandovi con, un taglierino, praticate un'incisione sulla fronda, rimuovete un pezzo di corteccia di circa 10 cm e con un pennello applicate la polvere radicante sul pezzo di ramo privato del tegumento.

48

Fatto ciò, potete procedere con il metodo della margotta. Procuratevi del muschio, bagnatelo con un pochino di acqua e avvolgetelo al pezzo di ramo senza corteccia, fermando le due parti con un filo di rafia che leghi delicatamente il tutto. Assicuratevi che il muschio avvolga completamente il tralcio e che sia ben saldato al legno. Bagnate quindi la zona indicata senza esagerare, poggiandovi un pennello imbevuto d'acqua.

Continua la lettura
58

Con un sacchetto di plastica coprite il muschio e, sempre servendovi del filo di rafia, legate la busta solo da un lato. Prendete quindi il terriccio per bonsai, bagnatelo, e mettetene un pugno sulla parte della busta non ancora chiusa. Legate anche l'altra parte rimasta aperta, in modo da formare una specie di caramella. A questo punto, se avete eseguito correttamente il procedimento, da quel ramo cominceranno a formarsi delle radici.

68

Trascorsi circa 3 mesi, sarà possibile tagliare il ramo: potrete a questo punto togliere anche la busta, così da osservare le piccole radici che durante tutto questo periodo dovrebbero essersi sviluppate. Trapiantate quindi il tralcio in un vaso e copritelo con un telo di plastica, per creare il giusto grado di umidità, a regolare il calore necessario e, far sì che le radici si ancorino al terriccio, permettendo al giovane bonsai di abituarsi al nuovo habitat.

78

Guarda il video

88

Consigli

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come potare un bonsai ginseng

Tra le piccole piante da coltivare in casa o in giardino, il bonsai merita di certo un posto d'onore poiché si tratta di una pianta originale, graziosa e davvero molto speciale. Il bonsai ginseng, in particolare, rappresenta una specie di piccolo albero...
Giardinaggio

Come ingrossare il tronco ed i rami del bonsai

I Bonsai, è un albero in miniatura di origine Giapponese, diventato elemento d'arredo di interni, oggi, è anche una vera e propria arte che deve rispettare determinati canoni estetici. Come ci tramanda la cultura di origine, i bonsai devono dunque seguire...
Giardinaggio

I principali stili di bonsai

Il bonsai è una rappresentazione in miniatura in forma di albero della natura.  La cura del bonsai è una vera e propria arte, è molto antica originaria della Cina, ma raggiunge livelli elevati in Giappone dove vengono perfezionati i metodi di coltivazione...
Giardinaggio

5 curiosità sui bonsai

L’arte bonsai è qualcosa di estremamente antico ed elevato, un’arte che anche nel nostro Paese trova numerosi seguaci e moltissimi appassionati. Bonsai è l'arte di creare miniature di alberi coltivandoli per anni in un piccolo vaso. Con questa particolare...
Giardinaggio

Bonsai in stile a cascata

Il Bonsai altro non è che un albero di piccole dimensioni. Questo tipo di pianta ornamentale proviene direttamente dal Giappone e si mantiene appositamente in formato ridotto per poter entrare in un vaso non troppo grande. Per creare degli alberi in...
Giardinaggio

Come curare il vostro bonsai

L’arte del bonsai ha origini antichissime; essa si diffonde a partire dalla dinastia Tang (618/906). Il termine è di derivazione giapponese, ma la tecnica è originaria della Cina. Per facilitare la cura dei bonsai i maestri giapponesi hanno stabilito...
Giardinaggio

Come potare i bonsai

Nell'ultimo decennio è iniziata la mania del giardinaggio. Si sono diffusi in particolare le piante orientali, come ad esempio i bonsai. Piccoli ma davvero molto graziosi, i bonsai hanno bisogno di potatura regolare per mantenere la loro forma e lo stile...
Giardinaggio

Come potare un acero bonsai

L'Acero Bonsai ha origini orientali. In natura esistono specie diverse, tra cui: l'Acero Kiyohime, il Deshojo, il Nomura e tante altre. È bene posizionarlo in una zona non esposta 24 ore su 24 al sole. Innaffiarlo ogni giorno, soprattutto quando inizia...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.