Come creare un condizionatore fai da te

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Con l'arrivo dell'estate, arriva anche il caldo che diciamolo pure ogni anno diventa sempre più insopportabile. Visto che con l'innalzarsi delle temperature il nostro clima è diventato tropicale e, in tutte le case, l'aria fresca diventa solo un ricordo e addirittura si farebbe chissà che cosa per un alito di vento. Di conseguenza i condizionatori vanno per la maggiore ma, sono elettrodomestici molto costosi e che in genere consumano molta energia elettrica causando anche una notevole quantità di inquinamento. Attraverso i passi di questa guida vedremo come creare un condizionatore fai da te altrettanto efficiente.

26

Occorrente

  • 20 legnetti
  • 1 ventola da pc
  • batterie
  • 1 panno assorbente o asciugamano
  • forbici
  • pistola per la colla a caldo
36

Innanzitutto smontiamo dobbiamo accuratamente la ventola di un vecchio computer. Questa dovrà essere il più grande possibile, la cosa migliore è dotarsi della ventola di un vecchio computer fisso (un'altra buona idea è prendere la ventola di un vecchio ventilatore). Trovata la ventola sarà necessario attaccare, con la colla a caldo che garantisce una maggior resistenza, sei legnetti alle sue estremità, in modo da creare un cubo che non cada su se stesso. Poi procedere a tagliare a strisce un panno assorbente, possibilmente un asciugamano che sarà perfetto per questo utilizzo. Dovrà essere diviso in quattro strisce, la cui dimensione dovrà rispecchiare quella della base del cubo ottenuto con i legnetti.

46

Nella fase successiva andremo ad incollare le quattro striscette di telo assorbente rispettivamente ad ogni legnetto della base del cubo. Anche in questa fase sarà bene utilizzare ancora una volta la colla a caldo in modo da essere sicuri che tutto proceda per il meglio ed evitare che qualcosa possa staccarsi. Subito dopo andremo ad attaccare un altro bastoncino su ogni lato su cui è stato incollato precedentemente il panno assorbente. Ala fine bisognerà incollare gli altri bastoncini dentro il cubo e ricoprirli ognuno col panno assorbente.

Continua la lettura
56

L'ultima operazione per creare il nostro condizionatore fatto in casa è avvolgere l'intero cubo, creato con legnettti e panno assorbente, con il tessuto precedentemente incollato ai lati. Più panno aggiungeremo intorno al cubo e più l'aria sarà distribuita in modo uniforme all'interno delle stanze di casa nostra. Il panno dovrà essere bagnato con acqua, per cui sarà comodo adoperare un cucchiaio che ci permetterà di distribuire l'acqua su tutto l'asciugamano, raggiungendo tutte le zone. Adesso, colleghiamo la ventola ad una fonte di energia elettrica, che potrà essere una batteria, un pannello solare, una presa elettrica o del pc e, possiamo finalmente accendere il nostro condizionatore, creato con le nostre mani, e goderci l'aria fresca.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bricolage

Come montare un climatizzatore a parete

Arrivata la stagione calda non si riesce a fare a meno di correre ai ripari, cercando di rendere accoglienti gli ambienti con un po' di aria fresca. I condizionatori sono l'invenzione che più si addice a questo problema, in quanto consentono di raffreddare...
Bricolage

Come costruire una ventola in legno

Quando si parla di ventola si intende uno strumento in grado di muovere aria e/o qualsiasi tipo di gas presente in un ambiente attraverso delle pale in movimento, che possono differenziarsi per le svariate dimensioni e misure. Solitamente una ventola...
Bricolage

Muri umidi: cause e soluzioni

L'umidità presente in casa è un problema che affligge gran parte delle nostre abitazioni e dà vita a numerosi problemi. Dai problemi di salute, ai problemi ai mobili, fino ai problemi al muro. Infatti, i muri, diventando umidi, possono creare ulteriori...
Bricolage

Come restaurare una vecchia sedia

A tutti noi può capitare di ritrovarsi con una vecchia sedia in cantina, della quale non sappiamo che farne. Se le sue condizioni sono discrete, possiamo pensare a darle una nuova vita restaurandola. Naturalmente, il consigli non è certo quello di affidarla...
Bricolage

Come realizzare un mobile porta tv

Qualora abbiate un bancale di legno vecchio nella vostra cantina o nel vostro garage, e non abbiate alcuna idea di come poterlo utilizzare in maniera utile e produttiva, vi consiglio di non buttarlo, in quanto in questa guida vi offriremo un'idea alternativa...
Bricolage

Come fissare il copriwater

Avere un bel bagno, accogliente e che soddisfa le proprie esigenze è cosa da poco. Basta adottare alcuni accorgimenti e rendere accogliente questo luogo dove passiamo gran parte della giornata e che concede, in alcuni momenti, un po' di relax, in totale...
Bricolage

Come rimodernare un vecchio armadio

Se ritrovate un armadio vecchio e malconcio in soffitta, potete evitare di buttarlo via e renderlo moderno. Spesso il fai da te produce dei risultati non sperati. Dunque vale la pena cercare di svolgere questo lavoro di ammodernamento. Esistono numerose...
Bricolage

Come creare la nebbia

La nebbia rappresenta una condizione atmosferica naturale in grado di causare poca visibilità all'ambiente circostante. Precisamente la nebbia costituisce una nuvola posizionata alla medesima altezza del suolo. Di conseguenza questa condizione atmosferica...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.