Come creare un coppapasta fatto in casa

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

In cucina, i coppapasta rappresentano un elemento fondamentale. Infatti, vengono utilizzati in svariate modalità: ad esempio, si possono utilizzare per tagliare la base per i biscotti, oppure per mettere al loro interno della pasta, o qualsiasi altro composto non eccessivamente liquido, con l'obiettivo di conferirgli una forma geometrica e realizzare una presentazione eccellente. Inoltre, si possono creare diverse forme di coppapasta fatti in casa, ad esempio quadrati, triangoli ma anche dei deliziosi cuori per formare dei dolci di San Valentino. All'interno di questa guida, vi illustrerò come creare un coppapasta fatto in casa.

26

Occorrente

  • Vassoi in alluminio
  • Carta d'alluminio
  • Nastro adesivo
36

Utilizzare dei vassoi in alluminio leggero

Un primo metodo per realizzare un coppapasta fai da te è quello di utilizzare dei vassoi in alluminio leggero che, tra l'altro, costano davvero poco. Prendete il vassoio, ritagliate il bordo esterno e misurate i bordi da ritagliare (circa 4/5 cm). Una volta ritagliata la striscia che, in seguito, formerà il vostro coppapasta, piegatela per formare un cerchio. A seguire, con del nastro adesivo, fissate le sue estremità: con questo metodo si presenta il vantaggio, qualora dovesse servire, di poter tagliare con cautela il nastro adesivo, in modo tale da aprire il coppapasta e staccare il cibo.

46

Tagliare un foglio di carta d'alluminio

Per creare il vostro coppapasta attraverso un secondo metodo, sono sufficienti due elementi: la carta d'alluminio ed un po' di nastro adesivo, il quale servirà per fissare il primo elemento. Questo coppapasta, più che per realizzare delle formine per i biscotti, viene proprio utilizzato per modellare gli alimenti. In buona sostanza, occorre collocare il cibo al suo interno, in modo da renderlo della forma desiderata. La prima operazione da effettuare è quella di prendere un foglio d'alluminio. Il consiglio è di utilizzare quello a doppia forza, con lo scopo di ottenere un coppapasta più rigido. In alternativa, se avete a disposizione uno normale, tagliate un foglio abbastanza lungo e ripiegatelo su se stesso varie volte.

Continua la lettura
56

Chiudere il coppapasta con del nastro adesivo

Una volta che avrete reperito il vostro foglio, cominciate a ripiegarlo su se stesso un po' per volta. L'altezza del coppapasta deve essere scelta a seconda delle vostre esigenze personali. Ad esempio, nel caso in cui desideraste ottenere un coppapasta alto, ripiegate il foglio su se stesso in strisce più larghe. In alternativa, se intendete ottenere un coppapasta più basso, ripiegate le varie strisce in modo più sottile. Quando avrete terminato di piegare le strisce, chiudete il coppapasta con del nastro adesivo. Anche in questo caso, le dimensioni della circonferenza del coppapasta possono variare da grandi a piccole.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bricolage

Come fare i calzoni fritti di tuma

In questa guida, vi suggerirò il metodo più appropriato (e gustoso) per fare dei calzoni fritti con la tuma. Questo ottimo piatto può essere mangiato sia come antipasto, sia come secondo, essendo molto sostanzioso e ricco di ingredienti. La ricetta...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.