Come Creare Un Gufo Di Argilla

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

La creatività è una componente molto importante, utile per dare voce a oggetti e materiali a volte anche sconosciuti. In questa piccola guida cercheremo di capire come creare un gufo di argilla, quest'ultimo è un termine che definisce un sedimento estremamente fine, costituito principalmente da acqua e minerali, non spaventiamoci, riconoscere tale composto ci è utile per capire meglio il metodo da adottare per la lavorazione. Cominceremo col disegnare su di un foglio la sagoma dell'animale, calcolando le varie parti del corpo e i vari materiali che andremo a usare, l'elemento che useremo è farinoso e verrà tenuto morbido con dell'acqua.

25

Occorrente

  • chiodo
  • matterello
  • pezzo di tela
  • tappo di bottiglia
  • forno elettrico
35

La pazienza è fondamentale per fare un bell' esemplare, ci serve un 20cm. Di filo di ferro, questo servirà come supporto per il corpo e avvolgere l'impasto (che rimane molto semplice nella lavorazione), dobbiamo solo fare attenzione alla consistenza che sarà corposa e solida e questo dipende dalla quantità di liquidi che andremo a inserire, sempre con cautela, in quanto tale composto si predispone a sporcare molto.

45

Quindi per avviarci alla realizzazione il primo movimento che dobbiamo fare, è quello di stendere sul piano lavoro un telo abbastanza comodo servirà a riparare schizzi e macchie, dopo questo una comoda coppa che accoglierà l'argilla, una parte di acqua e poca colla, prenderà uno spessore doppio circa 1/2 pollice, per rendere il lavoro più semplice ci verrà in aiuto un matterello, un piatto di plastica che lo utilizzeremo per sagomare un cerchio, raffinando i bordi qualora fossero irregolari. Cominciamo ad avvolgere il composto intorno al filo di ferro, formare una sagoma (che sarà quella del corpo) a forma di uovo, compattando tutto tra le mani.

Continua la lettura
55

La fantasia ci aiuterà nella realizzazione delle piume tagliando metà della parte inferiore del cerchio, in questo caso utilizzeremo dei tappi di bottiglia oppure dei cucchiai di legno, qualora la decorazione è completata, girare il cerchio e successivamente ripiegare entrambi i lati, appoggiare questi sulla forma precedentemente modellata, l'esemplare comincerà a prendere forma, in quanto le ali verranno schiacciate verso il basso, creando uno spessore intorno al corpo. Proseguire mettendo in atto tutta la nostra creatività e soprattutto pazienza, il risultato sarà soddisfacente, in quanto ripiegando la parte superiore uscirà fuori la testa, usare elementi circolari per gli occhi, ancora con l'argilla modelliamo il becco, insomma con due zampette appuntite, possiamo completare dicendo: "ce l'ho fatta"!.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bricolage

Come realizzare un gufo giocattolo

Se anche voi siete tra coloro appassionati del metodo del fai-da-te, questa guida farà certamente al caso vostro. Nei successivi passi, infatti, vi spiegherò come realizzare un gufo giocattolo, solo ed esclusivamente con l'aiuto delle vostre mani. Grazie...
Bricolage

Come realizzare dei porta oggetti a forma di gufo

Nelle tradizioni popolari ebraiche, romane e Maya il gufo simboleggiava cattivi presagi, morte e desolazione. Nelle leggende nordiche invece la ragione, l'intelligenza, la saggezza e l'intuizione. Pertanto, rappresenta un ottimo portafortuna per laureandi...
Bricolage

Come realizzare un gufo di gesso

In questa bella guida, che abbiamo deciso di scrivere per tutti i inostri cari lettori, vogliamo proporre il metodo per capire come poter realizzare, con le nostre mani e la nostra buona volontà, un gufo di gesso, del tutto originale e fuori dal comune.Gli...
Bricolage

Come fare un gufo con l'origami

L'origami è un'antica arte orientale, la cui traduzione letterale dal giapponese è "piegare". Da un supporto cartaceo o pezzi di stoffa, infatti, si possono creare e riprodurre forme naturali tridimensionali di straordinaria bellezza. L'origami è un...
Bricolage

Come realizzare un gufo fermaporta

Quando si decide di cambiare casa e si sceglie un'abitazione che ha bisogno di qualche lavoro di ristrutturazione oltre a sostituire gli elementi dell'arredamento probabilmente si devono fare delle modifiche anche a porte e finestre. In questo caso per...
Bricolage

Come realizzare l'argilla refrattaria

L'Argilla è un sedimento ottenuto dall'alterazione di rocce. L'Argilla è composta principalmente da allumino-silicati. È un materiale altamente malleabile se idratata e adatta ad essere lavorata. Dopo un intenso riscaldamento diventa permanentemente...
Bricolage

Come lavorare l'argilla

L'argilla è un materiale assolutamente versatile. Sin dall'antichità i suoi utilizzi sono stati tra i più vari, dalla cosmetica alla produzione di ceramiche. Questo perché l'argilla è un composto minerale che nel momento in cui viene idratato diventa...
Bricolage

Come realizzare un vaso con l'argilla

L'argilla è un sedimento fine costituito da silicati ed alluminio. Ma complessivamente tutti i minerali che la compongono sono definiti minerali argillosi. Grazie a questi, l'argilla ha la capacità di assorbire l'acqua e di fissare cationi. Tutto ciò...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.