Come creare un rubino sintetico

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Le pietre, soprattutto quelle che consideriamo preziose e rare, hanno sempre attratto molta attenzione. La natura è in grado di produrre minerali e gemme di infiniti colori e composizioni. La loro scarsa diffusione le rende rare e di grande valore. Ma la smania di possedere pietre di questo tipo ha 'attivato' la scienza. Infatti è possibile riprodurre in laboratorio le gemme preziose. Ed è possibile farlo mantenendo le caratteristiche chimiche dell'originale. La creazione di metodi di sintesi comincia almeno due secoli fa. Ma chiaramente è grazie alla tecnologia se si raggiungono risultati stupefacenti. Noi vedremo come creare un rubino sintetico.

26

Occorrente

  • Allumina.
  • Ossido di cromo.
  • Forno Verneuil.
  • Contenitore adatto alle polveri da fondere.
36

Perché desiderare un rubino sintetico? Principalmente per la reperibilità e per il costo inferiore ad un rubino vero. Esistono vari metodi per la creazione di un rubino sintetico. E lo stesso vale per altri preziosi simili ad esso. In questa guida vedremo uno dei processi più semplici, il metodo Verneuil. Il rubino sintetico è in voga sin dai primi anni del 900. Questo è uno dei motivi per cui il rubino si diffuse in quel periodo. Non tutti potevano permettersi un vero rubino, ma il suo corrispettivo sintetico era più accessibile. Il rubino sintetico è molto simile a quello naturale, anche alla vista. Il materiale principale per produrlo è l'allumina, cioè ossido di alluminio.

46

All'ossido di alluminio si aggiunge ossido di cromo. Questo è necessario per conferire al rubino sintetico la colorazione rossa tipica di quello naturale. Allumina e ossido di cromo si polverizzano finemente. Poi si chiudono in un contenitore adeguato per l'inserimento sul forno Verneuil. Il contenitore presenta una 'bocca' sul lato inferiore. Questa serve per far passare le polveri fini nel momento in cui il contenitore vibra. Il forno è capace di produrre temperature altissime. Queste sono in grado di fondere allumina e ossido di cromo.

Continua la lettura
56

Durante l'attività del forno e la fase di vibrazione, il materiale si espone a fiamme ad alte temperature. Cola goccia a goccia andando a formare una grossa gemma. Questa prende il nome di 'boule' (in francese 'boccia, palla'). Da questa grossa gemma originaria si tagliano le altre. Possono essere di piccole o grandi dimensioni. Tutto dipende dalle esigenze del mercato o del richiedente. Con il processo Verneuil (anche detto fusione di fiamma) si producono pure zaffiri e diamanti simulanti. Il mondo delle gemme preziose non è certo alla portata di tutti. Ma con i metodi di sintesi ci si può avvicinare al fascino e allo splendore delle pietre preziose naturali.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Se desiderate saperne di più, potete avvicinarvi ad associazioni culturali come i gruppi mineralogici.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Materiali e Attrezzi

Guida alle caratteristiche dell'ecopelle

Il rispetto e la cura per l'ambiente e per gli animali sta diventando, negli ultimi anni, un elemento sempre più importante per moltissime persone. In questo modo elementi come tessuti naturali e riciclo stanno diventando una priorità. In questa guida...
Materiali e Attrezzi

Come irruvidire strati di cemento

In questo articolo vogliamo aiutare tutti i nostri lettori a capire ed imparare come poter irruvidire gli strati di cemento, nella maniera più semplice e veloce possibile, senza rischiare di incorrere in degli errori e sbagli, che finirebbero per rendere...
Materiali e Attrezzi

Come scegliere il pennello da imbianchino

Spesso per risparmiare ed imparare un'utile attività si può pensare a tinteggiare le pareti di casa con il fai-da-te. Inutile dire che la pratica è fondamentale: chi si accinge a farlo le prime volte, potrebbe non avere i risultati sperati per tutta...
Materiali e Attrezzi

Come incollare un foglio di policarbonato

Il policarbonato è un materiale sintetico dalle molteplici virtù: è molto leggero, resiste benissimo agli agenti atmosferici ed è un buon isolante. Grazie a tutte queste qualità è diventato uno dei materiali più usati in edilizia, sotto forma di...
Materiali e Attrezzi

Come fare la gommalacca

La gommalacca è un polimero naturale che ha caratteristiche molto simili ad un polimero sintetico ed è per questo motivo considerata come una plastica naturale. Questo materiale può essere facilmente modellato riscaldandolo e per questa sua proprietà...
Materiali e Attrezzi

Come dipingere i tubi in acciaio galvanizzato

La galvanizzazione è quel processo elettrolitico che permette di rivestire un manufatto di acciaio in zinco. In questo modo lo si protegge dalla corrosione. Per difendere ulteriormente l'acciaio galvanizzato dai segni del tempo, si procede con la verniciatura...
Materiali e Attrezzi

Come proteggere verniciature del ferro e dell'acciaio dalla ruggine

La ruggine è un fastidioso nemico che, sovente, col trascorrere del tempo va ad aggredire i materiali di ferro e acciaio; facendo sì che, per l'appunto, considerevoli tonnellate di materiale vadano perdute a causa sua ogni anno. La ruggine, inizialmente,...
Materiali e Attrezzi

Come usare il fissante per eternit

L'Eternit è un fibrocemento brevettatato nel 1901 da Ludwig Hatschek, un materiale prevalentemente a base di amianto che oggi non è più in commercio, sostituito da altri materiali non cancerogeni. Il suo nome deriva dal latino "aeternitas", ovvero...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.