Come cucire i profili in pizzo

tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

Il pizzo: fresco, malizioso, delicato, fragile. Un bordo in pizzo piace sempre ed è alla moda. Impreziosisce ed ingentilisce qualsiasi capo, rendendolo unico ed estremamente versatile. Fa la sua bella figura sulle tasche o sui bordi dei jeans, sui profili delle canotte, sull'orlo delle gonne, sugli abiti scollati, sui bermuda. Siano essi di tessuto leggero che di cotonina, ovunque vogliamo applicarlo, dona quel tocco in più. Vediamo allora insieme come cucire correttamente questo prezioso e femminile accessorio.  

27

Occorrente

  • Filo in tinta
  • Aghi a mano n° 8 - 9
  • Aghi per macchina da cucire n° 60 - 70
  • Carta velina
  • Spilli
37

In altri tempi il pizzo veniva fatto da mani esperte, con fibre naturali. Prendevano il nome delle località di origine: Sangallo, Chantilly, Venezia. Oggi la produzione è diventata industriale, a macchina e i filati sono parzialmente o del tutto sintetici. Sono sicuramente meno pregiati ma più resistenti, quindi di facile applicazione perché si adattano ad ogni tipo di contorno e profilo. Durante l'applicazione a mano, le cuciture devono essere piccole e invisibili. Il filo deve essere adatto al pizzo e dello stesso colore. Gli aghi per cucire a mano sono il n° 8 e il n°9. Quindi, posizioniamo il pizzo sul tessuto e fermiamolo o con gli spilli o con un'imbastitura.

47

Se decidiamo di applicarlo con la macchina da cucire, usiamo l'ago n°60 o 70. Quando il pizzo va applicato sul tessuto leggero. Se si tratta di un tessuto consistente tipo i Jeans allora usiamo un ago più doppio. Quando cuciamo a macchina, facciamolo lentamente per evitare che le punte del piedino si impiglino nel pizzo e lo spezzino. Per evitare questo inconveniente e per maggiore sicurezza, possiamo proteggere il lavoro con la carta velina posta tra il pizzo e l'ago della macchina da cucire. Questo accorgimento ci consente di tenere sempre costante la tensione del tessuto, evitando la formazione di grinze e di arricciature. Al termine togliamo la carta velina con cura.

Continua la lettura
57

Giunti all'angolo, pieghiamo il bordo del pizzo con il diritto all'interno e ripieghiamo l'estremità della parte superiore ad angolo retto. Fissiamo con degli spilli e cuciamo lungo la diagonale con punti nascosti. Riportiamo la striscia nella posizione iniziale. Cuciamo definitivamente sul rovescio lungo la diagonale. Tagliamo il tessuto in eccesso dell'angolo e rifiniamo i margini. Per rifinire meglio i bordi di pizzo, applichiamo sul rovescio una striscia di tessuto in sbieco, che possiamo ottenere facilmente con il praticissimo attrezzo Prym. Vendibile in tutte le mercerie.  

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Se usiamo la macchina per cucire facciamo attenzione a non impigliare le punte del piedino nel pizzo

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cucito

Come Eseguire Le Incrostazioni Su Pizzo

Nel mondo del cucito, l'applicazione di incrostazioni è eseguita principalmente per ornare un tessuto con del pizzo o con una stoffa leggera come, ad esempio, l'organdi. In genere, questa tecnica è largamente utilizzata per l'abbellimento di cuffie...
Cucito

Come Realizzare Un Cuscino Ricamato E Bordato Con Pizzo Sangallo

Il cuscino ricamato, è lavorato in tela bianca, al centro è ricamato, ed è bordato con due giri di pizzo Sangallo bianco. Per realizzare questo romantico cuscino da sogno, dovremo preparare tutto il materiale indicato nei passi successivi. In questa...
Cucito

Come realizzare il pizzo Cantù

Il Pizzo di Cantù nasce verso la fine del 1400 per opera di alcune religiose, le suore dell’Ordine delle Umiliate aventi un loro convento a Cantù nel chiostro di Santa Maria. Queste suore erano affiliate alle Benedettine di Cluny, in Francia e ancora...
Cucito

Come Realizzare Una Tendina Antica

In passato, le donne usavano particolarmente ricamare da sole le proprie tende, cosi come tutto il loro corredo ed altri accessori e complementi d'arredo. Ovviamente erano ritenuti lavori abbastanza preziosi, rispetto a quelli che si comprano oggi anche...
Cucito

Come realizzare una tenda per il bagno con un inserto rotondo

Abbiamo finalmente deciso di regalare un restyling alla nostra stanza da bagno. Tra le tantissime soluzioni d'arredo, possiamo scegliere di rendere il nostro bagno un piccolo e delizioso ambiente dal sapore vintage. Per donare alla nostra stanza da bagno...
Bricolage

Come applicare il pizzo su delle scarpe di tela

Spesso la voglia di cambiare ci porta a cercare di rinnovare il nostro look ed i nostri accessori. Purtroppo, però, non sempre troviamo sul mercato quello che stiamo cercando o quello che avevamo in mente ed allora possiamo ricorrere a delle decorazioni...
Cucito

Come realizzare shorts in pizzo di sangallo

Il pizzo di Sangallo rappresenta un capo d'abbigliamento di cotone abbastanza prezioso ed estremamente pregiato è quello classico fiorentino: essendo costituito di parti traforate e piene, esso si presta perfettamente non soltanto per i ricami e gli...
Bricolage

Come fare un cuscino con raso e organza

Tra i tessuti maggiormente pregiati e di grande effetto estetico sicuramente ci sono il raso e l'organza. In questa guida vediamo come realizzare un cuscino con queste stoffe preziose, solitamente utilizzate in occasioni speciali, soprattutto per i matrimoni....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.