Come cucire una coperta patchwork

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Se in casa si possiede un buon quantitativo di coperte si può anche decidere di modificarne qualcuna. È possibile realizzare una nuova coperta adottando la cosiddetta tecnica del "patchwork". Con questo metodo si può creare una sorta di mosaico che permette di ottenere una coperta funzionale, originale e coloratissima. Leggendo questo tutorial si possono avere alcuni utili consigli e delle corrette indicazioni su come cucire una coperta patchwork.

26

Occorrente

  • Coperte e lenzuola
  • Ago e filo
  • Nastrino colorato da 5 cm
  • Kapok
  • Figure in stoffa
36

Misure della coperta superiore

La prima cosa da fare è quella di lavare, scucire e stirare la coperta che si sceglie di utilizzare per la nuova creazione con la tecnica del patchwork. Successivamente bisogna prendere le misure e riportarle su un cartamodello, disegnando man mano tanti quadrati uguali. A questo punto si deve appoggiare la sagoma sulla stoffa della vecchia coperta e si devono ritagliare gli equivalenti quadrati. Questi ultimi, una volta assemblati tra loro, formano l'intera copertura superiore.

46

Misure della coperta inferiore

Per la realizzazione di quella inferiore bisogna prendere un lenzuolo dall'armadio e sagomarlo in base alla grandezza della coperta che è stata ottenuta. Successivamente si deve cucire su tutto il perimetro; in base alla misura dei lati della coperta, bisogna comprare una striscia di nastro in nylon di almeno 5 centimetri, del filo e del kapok. Questo materiale serve se si decide di imbottire la coperta. In questo caso prima di cucire il lenzuolo si deve inserire l'imbottitura. Poi, con le mani, si deve rendere uniforme e si blocca la coperta su più lati con delle spille da balia. In seguito si deve fare l'imbastitura con ago e filo. Ora si devono fare lungo la coperta delle cuciture incrociate a macchina per tenere ferma l'imbottitura. Non bisogna eseguirne tantissime; ne bastano 5/6 per lato.

Continua la lettura
56

Peronalizzare la coperta

Al termine di questa fase di lavorazione bisogna togliere i punti dell'imbastitura. A questo punto si è ottenuta una nuova coperta che può essere utilizzata sul letto matrimoniale oppure sul lettino del proprio bambino. È consigliabile, visto la particolarità e l'originalità di questa creazione, l'utilizzo di lenzuola di diversi colori. In questo modo si può rendere la coperta in patchwork personalizzata ed unica nel suo genere. La coperta può anche essere arricchita di figure di stoffa (reperibili in merceria) per soddisfare i desideri del proprio bambino. In alternativa si può scegliere di mettere un cuoricino al centro della coperta per dare un tocco di romanticismo in più, se viene utilizzata per il letto matrimoniale.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cucito

Come fare una coperta in pile con il patchwork

La coperta patchwork è il modo migliore per unire fai da te e creatività, riciclo e personalizzazione dell'arredamento. Non abbiamo bisogno di essere delle sarte provette e possiamo davvero creare una coperta come piace a noi. In più possiamo utilizzare...
Cucito

Come realizzare una coperta Patchwork

Tutti possedete in casa vecchi indumenti, lenzuola, stoffe che ormai non utilizzate più. Di questi tempi il riciclo è d'obbligo, quindi piuttosto che buttare via tutta questa stoffa o farne strofinacci per spolverare, perché non riutilizzarla in qualcosa...
Cucito

Come fare una trapunta patchwork

Per fare una trapunta patchwork, oggi si utilizzano delle macchine da cucire particolari. Grazie ad esse i neofiti in questo campo riescono ad eseguire il punto con più facilità. Se desiderate realizzare un cuscino o un copridivano con la tecnica del...
Cucito

Come realizzare una borsa estiva con il patchwork

Se volete realizzare una borsa estiva e non sapete come farla, prendete spunto da questa guida. L'idea è quella di utilizzare del materiale che non adoperate più. Sfruttando il metodo del riciclo potete riprendere una forma d'arte antica. Si tratta...
Cucito

Come realizzare un tappeto patchwork

Il patchwork è un metodo di lavorazione del tessuto tipicamente americano. Tramite questa tecnica si producono capi di abbigliamento, lenzuola, coperte, tappeti e tanto altro ancora. La materia prima può essere la stoffa, la lana o altri materiali che...
Cucito

Come Eseguire Un Semplice Lavoro Patchwork

All'interno della nostra guida andremo a parlare di Patchwork. Nello specifico, come avrete già potuto notare attraverso la lettura del titolo stesso che accompagna la guida, ora andremo a spiegarvi Come Eseguire Un Semplice Lavoro Patchwork.Il lavoro...
Cucito

Come Realizzare Una Coperta Di Lana

Specialmente sul web, il "riciclo creativo" negli ultimi tempi sta prendendo piede. Questo riciclo è l'attitudine alla trasformazione di un ordinario oggetto in uno di tendenza, come ad esempio si vuole decidere di ricavare una borsa da un vecchio paio...
Cucito

Come realizzare presine con il patchwork

Il patchwork, ovvero il lavoro con le pezze, consiste nell'unione realizzata a mano di più tessuti uniti tra loro tramite la cucitura. Un'idea davvero originale può essere quella di realizzare tanti oggetti utili e funzionali per la casa avvalendosi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.