Come cuocere le paste polimeriche senza forno

tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

Le paste polimeriche sono di natura malleabile grazie al calore trasmesso dalle proprie mani. Queste paste devono essere ben lavorate e da qui è possibile realizzare oggetti di piccoli, medie e grandi dimensioni a seconda di ciò che si vuole creare. È possibile acquistarle in tanti colori diversi, ideali quindi da abbinare in base all'oggetto ideato. Inoltre i prodotti possono divenire degli ottimi elementi di design oppure dei regali in base alle ricorrenze che si presentano. Quando la lavorazione viene ultimata è necessario cuocere la pasta in modo tale che si indurisca, così da ottenere un prodotto finito che non si modifichi nel tempo. In questa guida vedremo come fare senza utilizzare il forno.

27

Occorrente

  • Fimo
  • Contenitore in vetro
  • Pentola
37

Conoscere il fimo

È giusto prima conoscere la pasta polimerica, comunemente chiamato fimo, per capirne le caratteristiche. Il fimo è una pasta sintetica facilmente modellabile, utilizzabile per la creazione di piccoli oggetti. La sua consistenza lo rende adatto ad essere trasformato in prodotti rotondi, in fogli sottili o tagliato a strisce con un coltello. Non diventa asciutto se rimane all'aria aperta ma può essere indurito cuocendolo in un comune forno. La fase di cottura è delicata in quanto se affrontata in modo superficiale può provocare un'asciugatura irregolare della pasta. Dato che il prodotto è composto da derivati del petrolio, se la temperatura è troppo elevata (superiore ai 150°) o se si prolunga in modo irregolare, può sprigionare delle sostanze tossiche e cancerogene per l'uomo, che si depositano nel forno e rischiando di finire negli alimenti. Conoscendo un po le caratteristiche del prodotto si può passare alla sua lavorazione.

47

Riscaldare l'acqua

Bisogna procurarsi dei contenitori di vetro di una grandezza tale che possano contenere gli oggetti realizzati. Questi devono essere anche richiudibili in modo tale che non penetri il vapore. Quindi prendere una pentola riempirla di acqua e portarla ad ebollizione, disporre i vasetti contenenti la propria creazione e lasciare cuocere per circa venti minuti.

Continua la lettura
57

Raffreddare gli oggetti

Trascorso il tempo necessario per la cottura degli oggettini spegnere la fiamma e tirare fuori il vasetto. Una volta recuperate le creazioni uscirle dal vasetto e lasciarle raffreddare il tempo occorrente. Passarle quindi sotto l'acqua così da essere ben pulite, tamponarle con un panno per asciugarle e metterle da parte per far evaporare l'umidità presente. Per renderle più lucide si può passare un apposito spray per lucidatura, oppure prodotti muniti di apposito pennello.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Prestare attenzione all'evaporazione dell'acqua che può sciogliere il materiale
  • Lasciare raffreddare prima di passarlo sotto l'acqua per evitare che lo sbalzo possa creare delle crepe

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Bricolage

Come realizzare un forno per cuocere la ceramica

Gli appassionati di ceramica se hanno un po' di spazio esterno a disposizione possono decidere di realizzare un forno in cui si può cuocere questo materiale. Esso può essere costruito con il metodo fai da te senza troppa difficoltà, con un buon risparmio...
Bricolage

Come realizzare delle candele con le paste sintetiche

Illuminare di magia e colore la propria casa è possibile, basta solo un po' di fantasia per realizzare delle suggestive ed eleganti candele dai colori e dai temi che più si preferiscono. In questa guida verrà spiegato come creare delle candele molto...
Bricolage

Come crerare delle figure con le paste autoindurenti

L'arte del fai da te, è un'arte molto bella ed appassionante che ci può coinvolgere pienamente nella realizzazione di oggetti utili e soprattutto economici. In molti infatti sono gli oggetti che possiamo realizzare grazie a quest'arte, che vanno per...
Bricolage

Come cuocere l'argilla con la polvere di legno

L'argilla dopo essere stata lavorata, cioè dopo aver creato il pezzo. Deve seguire alcuni passaggi fondamentali per dirsi finita, tali passaggi sono diversi a seconda che si voglia realizzare una terracotta grezza, o un pezzo decorato e smaltato. Il...
Bricolage

Come cuocere correttamente gli oggetti realizzati in fimo

Nel mondo del fai-da-te c'è grande spazio per la creatività e l'inventiva. I piccoli oggetti decorativi sono tra i primi lavori che un principiante impara a creare. Piccoli ciondoli, charms, orecchini e bracciali sono tra i lavori più frequenti. E...
Bricolage

Come cuocere a bagnomaria il fimo

Il fimo è una pasta modellabile sintetica derivata dal petrolio che non secca all'aria ma necessita della cottura per indurirsi. Normalmente si cuoce in forno (a 110° per 30 minuti), ma non può essere utilizzato un forno che si usa anche per il cibo...
Bricolage

Come Costruire Un Forno A Segatura Per L'Argilla

In questa guida verrà spiegato come costruire un forno a segatura per l'argilla.Il forno a segatura è la forma più semplice e primitiva di cottura. Si deve utilizzare un bidone di ferro da 200 litri.Questo tipo di forno è adatto per cuocere pezzi...
Bricolage

Come costruire una fornace per cuocere l'argilla

Nella lavorazione della ceramica, la cottura rappresenta una fase fondamentale; infatti, l'argilla, che ne è la base, richiede delle alte temperature il che significa intorno ai 600°C. Per arrivare a questa condizione di calore, occorre necessariamente...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.