Come curare il mal bianco nei bonsai

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

La microsphaera alphitoides o Oidio, volgarmente conosciuto come "mal bianco" è un fungo parassitario che aggredisce i bonsai. L'aggressione si evidenzia dal periodo primaverile fino a quello autunnale ed è riconoscibile per la classica decolorazione che assumono le foglie del bonsai colpito, fino ad essere ricoperte da una sorta di polverina bianca. Le specie più colpite dal mal bianco sono l'Acero, il Faggio, la Quercia, il Melo e il Prunus. Come combattere allora il male bianco che affligge i nostri bonsai? Andiamo a scoprirlo imparando come curare il mal bianco nei bonsai.

26

Occorrente

  • Funghicida o zolfo
36

Il mal bianco si manifesta dapprima come una sottile polverina bianca depositata sulle foglie, sia nella pagina superiore che nella pagina inferiore. In breve tempo però la malattia può allargarsi deformando vistosamente foglie e germogli, fino a causare un completo defogliamento della pianta. Trattandosi di un fungo, questo disturbo si propaga per mezzo di spore. Quest'ultime possono essere trasportate dal vento o diffondersi per contatto diretto tra una foglia malata e una sana. Le condizioni che determinano la proliferazione del mal bianco, sono il tasso di umidità superiore al 60% abbinata a temperatura superiore ai 25°C.

46

Il primo step fondamentale resta sempre la prevenzione. Andiamo quindi a collocare i nostri bonsai sempre in luoghi ben ventilati e non troppo umidi. Ad esempio, il bagno o la lavanderia sono luoghi sconsigliati per la vita della pianta, poiché presentano le condizioni ideali per il sopraggiungere del fungo. Un altro importante accorgimento è di non nebulizzare mai le foglie ma sempre le radici ed il tronco. In questo modo andremo a ridurre la percentuale di acqua nell'aria che si depositerà sulla chioma.

Continua la lettura
56

Nel caso la giusta esposizione non abbia evitato al nostro bonsai di ammalarsi, dobbiamo procedere somministrando dei prodotti specifici. Esistono sia preparati a base chimica che a base naturale. Nel primo caso possiamo utilizzare un fungicida distribuendolo almeno una volta ogni sette giorni per quattro settimane. Anche lo zolfo combatte il mal bianco ma lascia una patina antiestetica sulle foglie e soprattutto è necessario distribuirlo con grande cura su tutta la chioma. Nel caso preferissimo utilizzare prodotti biocompatibili, possiamo ricorrere a prodotti a base di micorrize, che contrastano lo sviluppo dell'oidio e di altri funghi patogeni. Non dimentichiamo che questo problema può diffondersi a tutte le piante del nostro balcone, non soltanto ai bonsai, perciò alla prima avvisaglia, oltre a curare la pianta in questione, il consiglio è quello di isolarla dalle altre in modo da prevenire il contagio.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Sistemiamo i nostri bonsai in punti della casa sempre ben soleggiati e ventilati

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come curare un bonsai ginseng

Sicuramente la tecnica orientale per coltivare i bonsai, ovvero piante e alberi in miniatura, è basata fondamentalmente su un processo periodico di potature, che gradualmente gli fanno assumere la forma e la dimensione desiderata. Se anche voi non...
Giardinaggio

Come combattere il mal bianco

In questo articolo vogliamo aiutare i nostri lettori a capire come poter combattere il mal bianco nella maniera più semplice e veloce possibile. Grazie al metodo del fai da te, anche noi potremo essere in grado di curare le nostre piante. Il mal bianco,...
Giardinaggio

5 rimedi per il mal bianco

Se avete notato delle macchie bianche come la neve sulle vostre piante ornamentali, probabilmente vi trovate ad affrontare il mal bianco, detto anche oidio. È una malattia delle piante, è provocata da diverse famiglie di funghi appartenenti al genere...
Giardinaggio

10 consigli per curare i bonsai

Per spezzare la routine della nostra giornata pratichiamo diversi hobby. Questo aiuta a rilassarci, farci divertire e comunque dare una svolta diversa ad ogni giornata. C'è chi pratica uno sport, chi fa il cucito. Oggi, però, andremo a parlare del giardinaggio....
Giardinaggio

Come curare il mal della cenere e la fumaggine degli agrumi

Gli agrumi sono un genere di piante che vivono nelle regione a clima mite e che si affacciano sul mare. Il loro fusto è relativamente piccolo e la chioma tondeggiante, mentre la loro corteccia è liscia, di colore marrone tendente al grigio. Le foglie...
Giardinaggio

Come curare il "mal secco" del limone

In questa guida ci occuperemo di una malattia fungina che minaccia le piante volgarmente conosciuta come “mal secco”. Questa fitopatologia si evidenzia soprattutto nel periodo autunnale, quando il clima è particolarmente umido e piovoso e, colpisce...
Giardinaggio

Guida all'arte del bonsai

I bonsai sono degli alberi in miniatura. La loro bellezza e miniatura dipende anche da un particolare tipo di potatura e fioritura che ne permette tale forma minuta. Tramite anche speicali supporti in fil di ferro è possibile far crescere la pianta secondo...
Giardinaggio

Come potare i bonsai

Nell'ultimo decennio è iniziata la mania del giardinaggio. Si sono diffusi in particolare le piante orientali, come ad esempio i bonsai. Piccoli ma davvero molto graziosi, i bonsai hanno bisogno di potatura regolare per mantenere la loro forma e lo stile...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.