Come curare la gerbera

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

La gerbera è una pianta da fiore particolarmente diffusa e utilizzata sia per gli interni che per gli esterni. Esistono in commercio una settantina di specie con caratteristiche differenti ed è coltivata sia per adornare le case e i giardini sia per la produzione di fiori recisi. Questi ultimi, molto abbondanti e colorati, presentano un capolino a forma di margherita, che può essere semplice, semidoppio e doppio. Le foglie, ricoperte da una leggera peluria, sono disposte a rosetta alla base dello stelo. In questa guida, a tal proposito, troverete tutte le indicazioni utili su come curare la gerbera ed avere un'abbondante fioritura.

26

Occorrente

  • vasi
  • terriccio
  • concime
36

Proteggete la pianta con della paglia secca

La gerbera necessita di un terreno ben drenato, leggero e sabbioso e di molta luce. Teme il freddo, per cui si può coltivare all'aperto solamente nelle zone in cui la temperatura non scende mai sotto lo zero. In questo caso la pianta deve essere protetta con della paglia secca, posta alla base dello stelo. È consigliabile concimarla in primavera e innaffiarla con particolare attenzione solo quando il terreno è secco, per evitare che le sue radici marciscano. Solitamente fiorisce da maggio a settembre ma, se si vuole ottenere una fioritura invernale, è necessario interrompere le innaffiature a maggio, favorendo il periodo di riposo estivo.

46

Interrate i semi

A settembre concimate e riprendete ad innaffiare abbondantemente in modo da stimolarne la ripresa vegetativa. La moltiplicazione della gerbera può avvenire in vari modi: per seme, per talea, oppure per divisione dei cespi. I semi vanno interrati appena sotto la superficie del terreno, in posizione verticale, in vasetti piccoli. Nel giro di dieci-quindici giorni appariranno i primi germogli che andranno rinvasati e messi a dimora nell'arco di un mese. La talea si effettua in primavera sui rametti dell'anno precedente che non hanno dato fiori. Infine la divisione dei cespi, da effettuarsi in Marzo, consiste nel piantare i getti laterali prelevati dalla pianta madre, che siano già provvisti di radici.

Continua la lettura
56

Mantenete il colletto della gerbera in superficie

Il rinvaso si effettua in primavera, quando è necessario, scegliendo un vaso di dimensione appropriata alla pianta. L'operazione richiede molta attenzione nella scelta del terriccio che deve essere fertile ma ben drenato; inoltre invasate la pianta mantenendo il colletto in superficie, allo scopo di prevenire la formazione di marciumi. Può essere colpita dagli afidi e dai funghi fogliari da curare con appositi prodotti o da marciumi del colletto provocati da eccessive innaffiature con conseguenti ristagni d'acqua.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Può essere colpita dagli afidi e dai funghi fogliari da curare con appositi prodotti o da marciumi del colletto provocati da eccessive innaffiature con conseguenti ristagni d'acqua.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come coltivare la gerbera in terra e in vaso

Se avete una casa con un giardino o con un balcone grande e vi piacerebbe realizzare una bellissima area verde con tutte le piante preferite, per prima cosa dovrete reperire le informazioni necessarie per riuscire a coltivarle alla perfezione. Su internet...
Giardinaggio

Come coltivare la gerbera da semi

I fiori della gerbera sono molto amati da tantissimi. Essi sono dei fiori molto colorati e luminosi, e regalano al nostro giardino un effetto vibrante molto elegante. La loro coltivazione in casa è molto semplice, sempre che disponiamo di un giardino...
Giardinaggio

Come curare il vostro bonsai

L’arte del bonsai ha origini antichissime; essa si diffonde a partire dalla dinastia Tang (618/906). Il termine è di derivazione giapponese, ma la tecnica è originaria della Cina. Per facilitare la cura dei bonsai i maestri giapponesi hanno stabilito...
Giardinaggio

Come curare i fiori recisi

Curare i fiori recisi non richiede un grande impegno, ma è molto importante farlo con attenzione se desideriamo che durino a lungo e non emanino cattivo odore. Quindi, se ci piace abbellire la nostra casa con dei vasi pieni di fiori colorati e profumati,...
Giardinaggio

Come curare le piante colpite da funghi

Le cattive condizioni di conservazione delle piante, soprattutto durante i diversi periodi vitali delle stesse, rappresentano una delle principali cause della diffusione dei parassiti, che a loro volta possono generare malattie anche gravi. Di queste,...
Giardinaggio

Come piantare e curare le zucche ornamentali

Le zucche ornamentali sono degli ortaggi molto apprezzati per il loro succulento sapore. Sebbene vengono utilizzate per preparare svariate ricette sono famose per la loro particolare forma. A questo proposito si adoperano anche per decorare. Queste, infatti,...
Giardinaggio

Come curare un bonsai ginseng

Sicuramente la tecnica orientale per coltivare i bonsai, ovvero piante e alberi in miniatura, è basata fondamentalmente su un processo periodico di potature, che gradualmente gli fanno assumere la forma e la dimensione desiderata. Se anche voi non...
Giardinaggio

Come curare un cactus

In natura esistono piante dall'aspetto particolare, resistenti e amanti del sole. Tra le tutte le piante con queste caratteristiche troviamo il cactus. Una pianta molto conosciuta e di facile coltivazione. La loro particolarità consiste nell'accumulare...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.