Come curare le piante epifite

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

Nelle nostre abitazioni sono sempre più diffuse guzmanie, achmeae, bromelie e orchidee, ma prendono piede anche bellissime felci australiane o africane appartenenti al genere Platycerium dall'accattivante foglia a corno d'alce. Queste piante prendono il nome e sono conosciute meglio come "Piante Epifite" e sono tutte quelle piante che vivono sopra altre piante ma con fine di supporto e non di nutrimento. La cura di queste piante non è difficile ma è bene avere qualche accortezza per cui seguite e leggete con attenzione la guida per curare le vostre piante epifite e mantenerle sane e rigogliose.

27

Habitat e simbiosi

A differenza delle piante parassite, come il vischio o la rafflesia, le epifite sono autotrofe: non danneggiano l'ospite né lo sfruttano per trarne sostentamento ma ricavano gli elementi nutritivi dalle proprie radici e foglie. L'habitat ideale per questo genere di piante è sicuramente quello pluviale tropicale e subtropicale umido. In particolare queste piante si sviluppano sopra altre piante come gli alberi tropicali per raggiungere un'illuminazione solare adeguata in ambienti ombrosi come quelli della foresta pluviale umida. Ecco perché le epifite sfruttano le altre piante puramente come sostegno.

37

Habitat casalingo

Questa tipologia di pianta ama un'esposizione in mezzombra e tollera la luce filtrata, ma non diretta. Una collocazione in un angolo sufficientemente luminoso della stanza, lontano da forti correnti d'aria e da termosifoni (o altri elettrodomestici che riscaldano) è ideale per favorire una crescita sana e rigogliosa. La loro collocazione ideale è quindi sì lontano da qualsiasi fonte di calore, ma in una stanza luminosa rivolta possibilmente a est o a nord, così da usufruire della luce solare diretta nel momento più fresco della giornata. Mimare quanto più possibile l'ambiente subtropicale darebbe l'ideale, questo dettaglio non è da sottovalutare anche perché è motivo della sofferenza della pianta per cui molti coltivatori per passione spesso non riescono a mantenere viva e vegeta la loro epifita.

Continua la lettura
47

Clima e crescita

Le piante aeree, tropicali o temperate mal sopportano i repentini sbalzi climatici e le temperature inferiori ai 15-12 ° C, motivo per cui vanno rientrate in casa durante l'inverno. Le prime prosperano in condizioni climatiche comprese tra i 27-30° C e i 15-18° C tuttavia occorre farle adattare gradualmente alle nostre latitudini poiché nel loro habitat naturale le stagioni non sono particolarmente differenziate e l'escursione termica annuale si situa all'interno di 2 o 3 gradi. Le piante aeree temperate, invece, crescono in habitat caratterizzati da una fascia climatica più dinamica, contrassegnata da una stagione arida e da una stagione delle piogge;.

57

Cure e innaffiature

Le piante epifite prosperano in condizioni di elevata umidità ambientale per cui le annaffiature devono essere frequenti e costanti nel periodo più caldo. Orchidee, quesnelie e bromelie possono essere bagnate anche ogni 2-3 giorni, mentre per il Platycerium può essere sufficiente un'irrigazione settimanale sotto forma di doccia o immersione in acqua. Una volta trascorso un lasso di tempo sufficiente a favorire l'assorbimento (circa 30-45 minuti), l'acqua in eccesso va eliminata dal sottovaso per evitare pericolosi ristagni idrici che favorirebbero l'insorgenza di agenti patogeni come funghi e muffe. Molto gradita è anche la nebulizzazione su substrato, foglie e radici aeree: in questo caso occorre tuttavia evitare l'esposizione diretta ai raggi del sole, che causerebbe ustioni alla pianta. Le piante epifite con sviluppo delle foglie a rosetta, come alcune appartenenti al genere delle Bromeliaceae, possono essere infine irrigate facendo confluire dell'acqua poco calcarea al centro delle foglie e colmando la cavità che vi si forma. È sufficiente svuotare la cavità dalle sostanze organiche almeno una volta al mese benché siano proprio queste ad assicurare il corretto apporto nutrizionale alla pianta.

67

Vasi e terriccio

Il substrato ideale per le piante epifite deve tenere conto dell'evoluzione riscontrata nell'apparato radicale e favorire il passaggio dell'acqua attraverso una sapiente miscela di terriccio universale mescolato a torba, corteccia, sabbia od argilla espansa sul fondo. Se coltivate in vaso, la scelta del recipiente atto ad accoglierle deve tenere conto della sua grandezza ed eventuale porosità. La scelta ideale ricade pertanto su vasi di plastica, possibilmente sospesi, dal diametro leggermente superiore a quello della pianta.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come curare le piante in primavera

La primavera è una bellissima mezza stagione che porta con sé un anticipo di estate. In questa stagione tutta la natura si sveglia e si respira aria di cambiamento: le giornate si allungano, il sole diventa gradualmente più caldo, le piante fioriscono,...
Giardinaggio

Come curare le piante carnivore

In questo periodo, le piante carnivore hanno raggiunto davvero l'apice della notorietà: infatti sono sempre di più le persone che si contornano di questi vegetali provenienti da Paesi davvero lontani ma poi, una volta a casa, sanno come comportarsi...
Giardinaggio

5 regole essenziali per curare le piante grasse

Le piante grasse sono le piante d'appartamento più diffuse. Non solo per le loro forme un po' particolari, ma anche per i colori vivaci e, soprattutto, riescono a sopravvivere anche in ambienti molto caldi. Inoltre, per curare le piante grasse non è...
Giardinaggio

Come curare le piante carnivore in inverno

Le piante carnivore sono piante erbacee che si nutrono di insetti e piccoli artropodi. Il motivo di questo comportamento è dovuto all'adattamento agli ambienti ostili in cui si sviluppano quali paludi o rocce. Questi risultano poveri di azoto ed altri...
Giardinaggio

Come utilizzare il tabacco delle sigarette per curare le piante

Sappiamo tutti che le sigarette fanno male e nuocciono gravemente alla salute dell'uomo ma non tutti sanno che la nicotina in esse contenute combatte insetti ed afidi delle nostre piante fungendo da ottimo insetticida.In questa breve guida vedremo come...
Giardinaggio

Come curare le piante affette da galle

Le galle delle piante sono escrescenze anomale provocate da insetti o da altri organismi come batteri, funghi e acari. Si tratta di formazioni tumorali che colpiscono le piante a vari livelli, radici, fusto, rami, foglie e fiori; in definitiva, tutte...
Giardinaggio

Come piantare le piante in un acquario

Avere un acquario in casa è una grande responsabilità. Poche persone ci pensano eppure l'hobby per eccellenza è, prima di tutto, un oggetto di arredamento le cui piante interne devono avere un "senso" logico, in relazione anche ai pesci che vi spaziano....
Giardinaggio

Le 5 varietà di orchidee più facili da curare

Le orchidee sono piante dall'aspetto affascinante. L'orchidea proviene dai paesi asiatici, ma possiamo trovarla anche nel continente americano nelle aree tropicali. Anche in Italia è presente l'orchidea, ma in questo caso è molto diffusa sulle montagne....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.