Come curare un cactus

Tramite: O2O 11/03/2016
Difficoltà: media
17

Introduzione

In natura esistono piante dall'aspetto particolare, resistenti e amanti del sole. Tra le tutte le piante con queste caratteristiche troviamo il cactus. Una pianta molto conosciuta e di facile coltivazione. La loro particolarità consiste nell'accumulare e trattenere acqua nei tessuti di cui si compongono. In questo modo, durante i periodi di siccità, ne usufruiscono istintivamente per la sopravvivenza. Se l'idea, è quella di coltivare un cactus, quindi occorre dargli la disposizione giusta. Per poi nutrirlo e curarlo. Nella seguente guida spiego come curare un Cactus.

27

Occorrente

  • Acqua
  • Terriccio: 50% di torba e sabbia
  • Sassolini
37


La caratteristica principale del cactus, è quindi quella di non amare ricevere tanta acqua. A questo proposito è sufficiente annaffiarla almeno tre volte al mese. Ovviamente, dopo che il terreno risulta completamente asciutto. Questo accorgimento va fatto, sopratutto se la coltivazione avviene in zone con un clima piuttosto arido. Tuttavia durante le innaffiature è da tenere presente la stagione invernale o estiva. Rispettando il luogo dove viene coltivato e curato il cactus.

47

Se quindi si trova in pieno sole, va curato diversamente rispetto alla penombra e al periodo invernale. Curare un cactus non significa soltanto somministrargli dell'acqua. Ma è molto importante al momento della posa in terrapieno o in vasi, utilizzare un terriccio adeguato. Le piante appartenenti alla famiglia delle cactacee, hanno infatti un apparato radicale debole, quindi il suolo deve essere leggero e ben drenato. In commercio esistono tantissimi terreni già comprensivi di fertilizzanti specifici, ma talvolta risultano abbastanza costosi, per cui conviene preparalo in casa a basso costo. Questa importante cura del terreno, che poi è basilare per ottenere un cactus sempre eretto, rigoglioso e con dei bellissimi fiorellini, prevede l'utilizzo al 50% di torba e di sabbia.

Continua la lettura
57

Nella scelta di quest'ultima cura del cactus, bisogna tuttavia stare attenti a non utilizzare quella per l'edilizia, che spesso contiene tracce di materiali chimici e nocivi per il cactus. L'ideale è raccoglierla quindi in prossimità di fiumi o vicino al mare. Dove è possibile addirittura trovarla già ben miscelata. Il terreno va mantenuto sempre soffice. In questo modo assimilerà facilmente i liquidi somministrati. Inoltre, per preservarlo in buone condizioni, possiamo adottare un altro piccolo accorgimento, ideale anche per compattarlo. Per quest'ultima cura del cactus, utilizziamo infatti, dei sassolini a protezione del suolo o del terriccio del vaso che anche ai fini del drenaggio, consentono di donare a questa pianta grassa, la sua importante funzione drenante a salvaguardia dell'apparato radicale.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Le annaffiature vanno fatte, soltanto quando il terreno è completamente asciutto
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

10 consigli per coltivare il cactus

I cactus sono piante belle dal punto di vista estetico e versatili per ciò che concerne la coltivazione. Possono adornare giardini, vasi ed aiuole ma anche centrotavola, pareti e collane dal design esotico. In verità, non esiste un solo tipo di cactus...
Giardinaggio

Come coltivare i cactus

I cactus si annoverano fra le piante grasse o succulente. Infatti, essendo tipici delle aree desertiche e semi desertiche, sono in grado di immagazzinare dell'acqua. Questa viene trattenuta e poi rilasciata nei loro tessuti per poter sopravvivere ai lunghi...
Giardinaggio

Come potare un albero di cactus

Se intendete coltivare un albero di cactus è importante sapere che necessita di una potatura, che tuttavia deve essere effettuata solo se necessaria, quindi se le sue dimensioni sono eccessive o perché ha una parte malata. In riferimento a ciò,...
Giardinaggio

Come rinvasare un cactus

I cactus, si sa, sono delle piante davvero molto ricercate e scenografiche. Molto spesso accade che li compriamo ancora piccoli, in vasetti di dimensioni minime e dopo qualche anno, nonostante la crescita non sia quasi mai eccessiva, siamo costretti a...
Giardinaggio

Come moltiplicare i cactus

Il cactus appartiene ad una tipologia di piante non gradita da tutti. La sua forma spinosa e il suo poco bisogno di cure lo fa essere meno apprezzato e meno coltivato. Chi invece avrà modo di conoscere le sue forme e caratteristiche ne apprezzerà l'...
Giardinaggio

Come prendersi cura di un cactus

Il cactus è una pianta tipica del sud America e delle zone molto aride. Questa specie vegetale è divenuta particolarmente famosa grazie ai film ambientati nei paesi sud americani che spesso e volentieri venivano filmati in aree rurali dove i cactus...
Giardinaggio

Come coltivare il cactus

I Cactus sono piante grasse che fanno parte della famiglia delle cosiddette "Cactaceae". Ne esistono moltissime specie, circa tremila tra gruppi di famiglie e sotto gruppi. Si tratta di piante che, con il passare del tempo, hanno dimostrato un’ enorme...
Giardinaggio

Come far fiorire un cactus

Non tutti amano le piante grasse come i cactus, solitamente a causa delle loro numerose e acuminate spine, ma ci sono comunque dei veri e propri appassionati di questo particolare genere di pianta succulenta, caratterizzata dalla capacità di adattarsi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.