Come curare una pianta che sta morendo

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Capita, a volte, che il cambio di locazione, il cambio di temperatura o gli agenti atmosferici, influiscano sulla salute delle nostre piante. Per curarle al meglio bisogna innanzitutto capire la natura del loro deperimento, che può essere derivante da: parassiti, temperatura esterna troppo alta o troppo bassa, scarsa illuminazione, terreno povero di sostanze nutritive. In questa guida, vedremo allora alcuni consigli su come curare una pianta che sta morendo.

26

Occorrente

  • Sacco di terricio
  • antiparassitari
  • fertilizzante
36

I consigli

Un consiglio prima di tutto terminate le cure, di qualsiasi natura siano, arriva sempre il momento di dare una bella annaffiata con dell'acqua e del fertilizzante. Provvediamo ora ad un'abbondante annaffiatura fino a quando non vediamo che l'acqua fuoriesce dalla parte inferiore del vaso. Attendiamo che smetta di fluire, vuotiamo il sottovaso, riposizioniamolo sotto la pianta e provvediamo a sistemarla in un punto dove ci sia luce abbondante possibilmente però non direttamente esposta al sole, almeno per i primi giorni.

46

Tronco, foglie e parassiti

Prima di controllare le radici, creando altri potenziali traumi alla pianta ove non ne necessita, dovete controllare ogni parte visibile della pianta (tronco e foglie, sia sopra che sotto). In questa operazione controlleremo se sono presenti, o meno, dei parassiti. Eliminiamo le eventuali foglie gialle con l'ausilio di una forbice tagliente sterilizzata con dell'alcool. Osserviamo bene la pianta e se troviamo presenze indiscrete, rechiamoci da un fioraio o da un consorzio agrario, per spiegare quale tipo di parassita è presente sulla nostra pianta e farci consigliare il giusto rimedio (se è possibile, portiamo la pianta con noi e facciamola visionare al professionista).

Continua la lettura
56

Le radici

Sicuramente svasare la pianta, è l'azione più semplice da fare indifferentemente dalla natura del loro deperimento. Nel farlo, cerchiamo di essere delicati e di rimuovere con calma la terra fino a liberare la pianta. Solo quando questa sarà completamente scoperta, potremmo estrarla completamente dal vaso ed appoggiarla a terra, per controllare lo stato di salute delle radici. Ora che le radici sono nude, possiamo controllarle al meglio ed eliminare quelle che possono sembrare morte. Recidetele con una forbice adatta per non rovinare l'apparato radicale principale. Riposizioniamo la pianta nel terriccio, prendendo un sacchetto di terra completamente nuova e riempiamo il vaso per metà. Sistemiamo la pianta al centro del vaso in modo adeguato, e ricopriamola poi con la parte restante di terra fino ad arrivare a due dita sotto il bordo del vaso. Con le mani, pressiamo ora il terriccio in modo da comprimerlo in maniera perfetta nelle vicinanze delle radici, nel caso occorresse altra terra aggiungiamone un pochino.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Non appena ci accorgiamo che la nostra pianta sta morendo possiamo provare ad intervenire in modo da poterla salvare.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come Curare La Pianta Calibanus Hookeri

La pianta Calibanus Hookeri è una bellissima pianta grassa originaria del nord del Messico. La pianta Calibanus Hookeri non si trova facilmente, se non in un vivaio ben fornito e, forse proprio per questo può essere considerata una pianta unica nel...
Giardinaggio

Come curare la pianta del chinotto

La pianta del chinotto è molto apprezzata non soltanto per le sue proprietà benefiche, ma anche per i suoi frutti molto saporiti. Per curarla bisogna rispettare determinate regole, per ottenerla quindi rigogliosa e ricca di frutti. In riferimento a...
Giardinaggio

Come curare una pianta di Anthurium

L'Anthurium è una pianta tropicale originaria delle zone sub tropicali del Sud America e tropicali. Esistono diversi tipi di specie di tale pianta e quelle principali sono l'Anthurium Scherzerianum, che ha le foglie lucide e lunghe; l'Anthurium Crystallinum,...
Giardinaggio

Come Curare Un Fusto Danneggiato Di Una Pianta

Può capitare spesso di “ferire” una pianta, magari durante le operazioni di potatura graffiando in modo profondo la corteccia, oppure possono capitare rotture accidentali di rami. Dopo questi eventi traumatici il sistema di difesa della pianta agisce...
Giardinaggio

Come curare una pianta di geranio

Il geranio, per la semplicità della sua coltivazione e per la bellezza dei suoi fiori, è da sempre il re di ogni balcone. Esistono molte varietà, ma che siano zonali, parigini o imperiali, cresceranno rigogliosi sui vostri terrazzi creando delle incredibili...
Giardinaggio

Come curare una stella di Natale

Il pollice verde è un'attitudine verso il mondo del giardinaggio e delle piante in generale. Ovviamente per prendersi cura delle proprie piante non serve solo la passione. Infatti è fondamentale avere le giuste conoscenze per curare al meglio le piante....
Giardinaggio

5 consigli per curare la stella di natale

La Stella di Natale è una splendida pianta verde il cui nome preciso è quello di Euphorbia pulcherrima. La Stella di Natale è una pianta di tipo tropicale e, pur essendo una classica pianta da acquistare durante la stagione invernale ed, in particolare,...
Giardinaggio

Come coltivare una pianta di ligustro

Il ligustro è una piccola pianta, che è stata coltivata principalmente nelle isole britanniche per secoli, dove si è adattata bene alla crescita in quasi tutti i tipi di terreno, sia all'ombra che al sole. Questa pianta, è una pianta densa e sempreverde....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.