Come curare una pianta di Anthurium

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

L'Anthurium è una pianta tropicale originaria delle zone sub tropicali del Sud America e tropicali. Esistono diversi tipi di specie di tale pianta e quelle principali sono l'Anthurium Scherzerianum, che ha le foglie lucide e lunghe; l'Anthurium Crystallinum, con foglie molto grandi con venature color argento; l'Anthurium Andreanum, che presenta foglie cuoriformi di un colore verde molto particolare; l'Anthurium Veitchii, che ha invece grandi foglie di colore verde.
La riproduzione dell'Anthurium avviene per divisione oppure per seme. Quest'ultima riproduzione non è cosa facile per le persone che non sono esperte, specialmente se non avete l'ambiente idoneo. Nella seguente guida vedremo come curare una pianta di Anthurium.

26

Occorrente

  • Anthurium
36

Innaffiatura

Trattandosi di una pianta esotica, è consigliabile spruzzare in modo regolare dell'acqua piovana sul suo terreno. Come collocazione la potrete anche mettere in bagno. La durata nel fiore è la sua particolarità. Durante la stagione estiva, potrà arrivare anche ad otto settimane di fioritura. Esso ha una forma affascinante e particolare, chiamata a spadice, con spate cerose. Il fiore è talmente grande che, a volte, il gambo è troppo peso. In tal caso, sarà meglio legarlo ad un bastoncino.

46

Temperatura e luce

Tra le necessità principali dell'Anthurium vi sono una temperatura costante che dovrà avere durante tutte le stagioni. Inoltre dovrà avere molta luce, ma non la dovrete esporre direttamente ai raggi del sole. Ogni due settimane dovrete fare la sua concimazione, nelle stagioni di primavera ed estate, e potrete utilizzare un concime comune in forma liquida. Ogni due anni, in primavera, l'Anthurium andrebbe rinvasata; tuttavia, se vedete che le radici fuoriescono dal suo terriccio non nella stagione giusta, vi conviene ricoprire le foglie semplicemente con del muschio, attendendo la stagione primaverile per metterla in un vaso leggermente più grande.

Continua la lettura
56

Malattie frequenti

L'Anthurium potrebbe venire colpita da problemi. Tra questi c'è la cocciniglia, che è caratterizzata da chiazze brune che si collocano sotto le foglie. Il rimedio maggiormente comune è l'insetticida. Se notate invece, che si ingialliscono nelle punte delle foglie, il problema potrebbe essere la troppa acqua presente nel vaso, oppure la troppa umidità. Se vedete che le foglie cadono, la motivazione è il freddo eccessivo. Vi consigliamo quindi di collocarla in un ambiente più protetto, ed anche caldo. Se le foglie sono scolorite e secche, significa invece che soffrono per la luce diretta del sole oppure per la poca umidità.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come curare la pianta di limone

Il limone è una pianta molto semplice da coltivare, estremamente resistente e forte. Ma a volte può essere minacciata da agenti esterni che la possono danneggiare e, se in maniera grave, può anche farla morire. In questo articolo focalizzeremo l'attenzione...
Giardinaggio

Come curare la pianta del chinotto

La pianta del chinotto è molto apprezzata non soltanto per le sue proprietà benefiche, ma anche per i suoi frutti molto saporiti. Per curarla bisogna rispettare determinate regole, per ottenerla quindi rigogliosa e ricca di frutti. In riferimento a...
Giardinaggio

Come Curare Un Fusto Danneggiato Di Una Pianta

Può capitare spesso di “ferire” una pianta, magari durante le operazioni di potatura graffiando in modo profondo la corteccia, oppure possono capitare rotture accidentali di rami. Dopo questi eventi traumatici il sistema di difesa della pianta agisce...
Giardinaggio

Come curare una pianta che sta morendo

Capita, a volte, che il cambio di locazione, il cambio di temperatura o gli agenti atmosferici, influiscano sulla salute delle nostre piante. Per curarle al meglio bisogna innanzitutto capire la natura del loro deperimento, che può essere derivante da:...
Giardinaggio

Come curare una pianta di geranio

Il geranio, per la semplicità della sua coltivazione e per la bellezza dei suoi fiori, è da sempre il re di ogni balcone. Esistono molte varietà, ma che siano zonali, parigini o imperiali, cresceranno rigogliosi sui vostri terrazzi creando delle incredibili...
Giardinaggio

Come coltivare una pianta di ligustro

Il ligustro è una piccola pianta, che è stata coltivata principalmente nelle isole britanniche per secoli, dove si è adattata bene alla crescita in quasi tutti i tipi di terreno, sia all'ombra che al sole. Questa pianta, è una pianta densa e sempreverde....
Giardinaggio

Come coltivare la pianta della lenticchia

Le lenticchie sono una buona fonte di proteine e di carboidrati e, poiché prive di glutine, sono adatte a chi ha problemi di celiachia. Poterle coltivare nel proprio orto, rappresenta una grande soddisfazione poiché si accontenta di terreni non troppo...
Giardinaggio

Come Potare La Pianta Di Melanzane

La Solanum melongena, più comunemente conosciuta con il nome di melanzana, è una pianta erbacea originaria dell'India, che si può trovare di diverse varietà, dalla Violetta lunga palermitana, che dà frutti di colore viola scuro ed allungati, alla...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.