Come curare una stella di Natale

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

Il pollice verde è un'attitudine verso il mondo del giardinaggio e delle piante in generale. Ovviamente per prendersi cura delle proprie piante non serve solo la passione. Infatti è fondamentale avere le giuste conoscenze per curare al meglio le piante. In questa guida vedremo più nello specifico come prendersi cura di una pianta in particolare.
La Stella di Natale è una pianta ornamentale molto bella, che va per la maggiore nel periodo natalizio. Essa fa parte della famiglia delle Euforbiacee, ed è originaria del lontano Messico. È davvero particolare; di fatto, a renderla così bella e colorata non sono i fiori, bensì le cosiddette "false foglie", generalmente di colore rosso. I fiori sono invece piccoli e centrali, e le foglie vere più basse e verdi. Vediamo come curare questa pianta, che dà il meglio di sé nel periodo natalizio, e necessita però di qualche attenzione negli altri mesi dell'anno.

25

Se hai acquistato una Stella di Natale e, dopo il periodo di fioritura, la vedi divenire sempre più spoglia, non buttarla, perché probabilmente non sta morendo; curandola correttamente avrai, il Natale successivo, una pianta ancora bella e rigogliosa.
L'ambiente in cui dovrai tenere la pianta deve avere sempre una temperatura compresa tra i 14 ed i 22 gradi centigradi. Durante la stagione autunnale ed invernale, quindi, tienila in una camera ben illuminata e con un buon ricambio d'aria, senza comunque porla sotto la diretta luce del sole. In estate, può tranquillamente stare su un balcone, ma sempre al riparo dal sole diretto, affinché non si "bruci".

35

Quando tutte le "false foglie" cadono, taglia gli steli corrispondenti fino a circa 12-13 cm dalla base. Nel momento in cui effettuerai il taglio, uscirà il cosiddetto "latte", sostanza molto velenosa per l'uomo. Per evitare che esso continui a fuoriuscire, un buon rimedio è utilizzare la cenere di sigaretta, da strofinare in corrispondenza del taglio, in modo da fermare "l'emorragia". Se non hai la cenere, puoi usare anche la cera di una candela.

Continua la lettura
45

Attorno al mese di maggio, prepara un vaso (un po' più grande di quello in cui la Stella è stata acquistata), riempilo di torba acida, e rinvasa la pianta all'interno di esso. Ponila sempre in una stanza ben illuminata, e provvedi ad annaffiare, non troppo frequentemente, ma quel tanto che basta a non far seccare la torba.

55

Tra ottobre e novembre, utilizza una busta in plastica nera per coprire quotidianamente la pianta; l'orario che va dalle 18 di un giorno alle 9 di quello successivo è in questo caso perfetto. Bada che quest'operazione deve essere effettuata puntualmente, senza dimenticarsi mai.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come curare una stella di Natale

Il pollice verde è un'attitudine verso il mondo del giardinaggio e delle piante in generale. Ovviamente per prendersi cura delle proprie piante non serve solo la passione. Infatti è fondamentale avere le giuste conoscenze per curare al meglio le piante....
Giardinaggio

10 consigli per scegliere una stella di Natale

Dicembre è il mese della più importante festa dell'anno: il Natale. E come tante altre occasioni, anche il Natale ha i suoi "simboli", non solo religiosi. Tra le piante ne esiste una inconfondibile: la stella di Natale. Le sue foglie rosse trasmettono...
Giardinaggio

Come mantenere viva la stella di natale

La stella di natale è una bellissima pianta che troviamo nel periodo festivo invernale. Come tutte le piante necessita di particolari cure ed accorgimenti specifici. Molti, non avendo una buona conoscenza di questa pianta messicana, preferiscono rinunciano...
Giardinaggio

Come moltiplicare e far rifiorire la stella di Natale

La famosissima “Stella di Natale”, conosciuta anche come Poinsettia, è uno dei regali preferiti per il Natale. Purtroppo però, una volta trascorse le festività, la maggior parte delle Stelle di Natale cade nel dimenticatoio, diventando quasi un...
Giardinaggio

Come coltivare una Stella di Natale

L’Euphorbia Pulcherrima, o Stella di Natale è un arbusto sempreverde originario del Messico che appartiene alla famiglia delle laticifere. Per il suo colore rosso e grazie alle sue infiorescenze è considerata la pianta tipica del periodo natalizio....
Giardinaggio

Come far fiorire la stella di Natale

Le stelle di Natale provengono generalmente dal Messico e dal Centro America in generale. Sono ottimi centrotavola nel corso del periodo natalizio. I suoi fiori sono di colore rosso sgargianti e conferiscono un'iniezione di allegria e tranquillità. Purtroppo...
Giardinaggio

Come far rifiorire la stella di natale per il periodo natalizio

Dopo che è trascorso il periodo natalizio la stella di Natale, che ci ha deliziato con il suo colore rosso intenso ed i suoi morbidi petali durante le festività, finisce quasi sempre irrimediabilmente nella pattumiera. Invece di buttarla si può anche...
Giardinaggio

Come prendersi cura della Stella di Natale

La Stella di Natale che in botanica ha il nome di Euphorbia pulcherrima, è originaria del Centro America e precisamente del Messico. Si tratta di un'esemplare che come si evince dal nome stesso, viene molto utilizzata nel periodo di Natale per addobbare...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.