Come dare forma ai cappelli

Tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Il cappello, da sempre, non è solo un accessorio d'abbigliamento utile per proteggere il capo dal freddo o dal sole eccessivo, ma è spesso considerato e utilizzato come accessorio estetico, di moda, talvolta raffinato ed elegante. In commercio ne esistono tantissime tipologie, dai più classici cilindri, baschi e bombette ai più moderni berretti fino ai più particolari copricapi come il turbante e la kefiah.
Ogni cappello viene tradizionalmente portato in un certo modo, modificando anche leggermente la disposizione della falda o della visiera. In questa guida vedremo come dare forma ai cappelli.

25

Nel caso in cui dovessimo indossare un cappello classico, elegante e ad hoc per cerimonie importanti, la cosa importante è adeguare e predisporre nella giusta maniera la visiera, e nel caso di un abbigliamento impegnativo, il feltro è quello più indicato. Una visiera circolare e bene equilibrata, in questa tipologia di cappello, è fondamentale, per cui prima di indossarlo va trattata con il ferro da stiro a vapore, che, passato sulla falda del cappello appoggiato in piano su un tavolo, la mantiene perfettamente circolare e senza dossi e curvature non volute.

35

Se ad indossare il cappello è una donna, bisogna "indovinare" la forma giusta per farlo calzare ispirandosi a uno stile ben preciso, come quello della Bell'Epoque, per esempio. In questo caso per ottenere la forma e l'inclinazione corretta della visiera bisogna intervenire con dei nastrini, utili per coprire le pieghe e di nascondere l'eventuale uso di spilli. Questi ultimi infatti, possono ritornare utili per tenere la visiera nella posizione desiderata. La forma della calotta da tonda può diventare leggermente conica e quindi più resistente alla caduta in caso di urti accidentali o forte vento. Sui cappelli classici di stoffa con visiera anteriore e quelli moderni per lo sport ed il tempo libero vengono adottate tecniche diverse per dare la forma più consona e desiderata.

Continua la lettura
45

Il cappello, con la sola visiera anteriore, sia di pelle che di stoffa, può essere sagomato in base alla testa, con particolari accorgimenti di cucitura. Se la forma non ci soddisfa del tutto, magari perché la visiera è troppo alta o bassa, è possibile rimediare attraverso una piccola cucitura con ago e filo, oppure con del nastro adesivo che risulta particolarmente resistente.
I cappelli sportivi e per il tempo libero invece, sono quelli che per la loro semplicità si prestano a più elaborazioni atte a donare la forma desiderata. Ad esempio, se la calotta è particolarmente larga, si potrebbe intervenire cucendo dall'interno i cappelli, riducendo il diametro in base alla misura desiderata; invece, per quanto riguarda la visiera, se la immaginiamo con una forma leggermente ad arco verso il basso, si può intervenire utilizzando il vecchio sistema della nonna: inamidarla e stirala con un ferro da stiro a vapore. Così facendo, la visiera già irrobustita dalla plastica di sostegno che si trova all'interno fungendo da anima di sostegno, manterrà per molto più tempo la sua forma.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cucito

Come fare un fermaporta a forma di fungo

Il fermaporta è un oggetto molto comune nelle abitazioni, molto apprezzato per la sua semplicità ed utilità, viene utilizzato sia per la sua principale funzione, sia per dare un tocco di stile all'abitazione nella quale viene utilizzato.Il classico...
Cucito

Come creare un cuscino a forma di cuore

Realizzare un cuscino non è un lavoro particolarmente difficile per chi ci sa fare un minimo con il cucito, ma, al contrario, molto semplice e gratificante. È possibile arredare la propria casa dando al divano un aspetto personale e artistico, creando...
Cucito

Come fare un fermaporta a forma di pupazzo di neve

Nella stagione invernale, un grazioso fermaporta a forma di pupazzo di neve può sicuramente rappresentare un'idea originale a cui dare forma: può essere utilizzato per tenere ferma la porta della cameretta dei ragazzi, oppure per quella dello studio,...
Cucito

Come fare un cuscino a forma di fiore

Il cuscino è un oggetto, rettangolare, triangolare, circolare o di altre forme, di stoffa ripieno di materiali morbidi che viene posto sul materasso per appoggiarvi la testa durante il sonno. In altre fogge viene anche usato per poggiarlo sulle sedie,...
Cucito

Come fare un fermaporta a forma di orso

Se per le porte della vostra casa ovvero quella d'ingresso e le altre che dividono le varie stanze avete bisogno di un fermaporta, potete costruirne uno a forma di orso, usando alcuni materiali di facile reperibilità ed avendo un minimo di dimestichezza...
Cucito

Come realizzare un cuscino natalizio a forma di stella

Il Natale è una festa che accompagna la tradizione popolare durante il mese di dicembre. Molti sono i soggetti natalizi, tra cui la stella che è l'emblema di questa festività. Arredare la propria casa a tema natalizio rende questa festa più calorosa...
Cucito

Come fare un fermaporta a forma di albero di Natale

Il fermaporta è divenuto oramai un oggetto molto utile quando si tratta di proteggere le porte di casa dall'azione dannosa di giochi di corrente e spifferi provenienti dall'esterno. Ecco perché può diventare davvero utile e simpatico realizzare dei...
Cucito

Come fare un fermaporta a forma di tartaruga

Spesso le porte delle nostre case sbattono continuamente per colpa del vento, o perché i nostri figli le sbattono continuamente. In commercio infatti vendono degli oggetti che servono proprio per minimizzare l'impatto tra l'uscio della porta e la porta...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.