Come deformare la plastica

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Per deformare la plastica, si sceglie un procedimento a caldo o a freddo. Molto dipende dall'oggetto originale. In certi casi si opera sfruttando in maniera alternata entrambi i modi. La prima avviene quando, la temperatura è arrivata al di sopra della ricristallizzazione. Richiede forze minori e il materiale deve essere duttile e malleabile. Ma procediamo a gradi per capire come selezionare le apparecchiature.

26

Occorrente

  • Conoscenze sulla deformazione della plastica a caldo e a freddo.
  • Semilavorato da modellare.
  • Accessori adatti per ottenere il risultato.
  • Guanti e occhiali di protezione.
  • Tuta idonea.
36

Lavorazione a caldo

Gli oggetti non si devono rompere ma deformare. Non a caso il procedimento sfrutta le capacità elastiche della materia. Lo scopo è cambiare in modo permanente la forma. Tra le più comuni lavorazioni a caldo, c'è: la laminazione, l'estrusione e lo stampaggio. La prima può avvenire anche a freddo. Se scegliamo l'alta temperatura, ci serviamo della malleabilità contenuta in un semilavorato. Due cilindri ruotano in senso opposto e riducono in lamine il metallo.

46

Lo stampo siderurgico

Nel primo caso, lo stampo siderurgico da modellare, passa attraverso una matrice. Con uno sforzo di compressione, si ha la forma decisa, all'inizio dell'esecuzione. Con lo stampaggio, la deformazione avviene con l'ausilio di due stampi. Per avere un buon margine di duttilità, un professionista sceglie di lavorare la plastica a freddo. Lo scopo è, migliorare le proprietà di un elemento metallico.

Continua la lettura
56

Il grado di deformazione

All'inizio si valuta e bilancia, il grado di deformazione. Si fissano degli stadi intermedi; prima di arrivare alla fine del processo. Solo cosi' otteniamo un risultato uniforme e duttile nei punti giusti. Questo tipo di lavoro, rispetto a quello a caldo, richiede impegno e attenzione. Nei casi peggiori si ha un aumento del carico di snervamento e la diminuzione della qualità descritta poco fa. Le tecniche più conosciute, sono: la rifinitura e la piegatura per ricavare determinate forme. Per i lavori artigianali s'impiega quella a incudine e martello. Nel settore industriale si usa una macchina con alimentazione a scorrimento. Il "maglio" è l'attrezzo industriale impiegato per la fucinatura e la forgiatura a caldo. Ha un sostegno metallico che mantiene l'urto della matrice aperta o chiusa, dipende dalle caratteristiche dello strumento. Inoltre dispone di una mazza battente che può pesare pochi chili o qualche tonnellata. Fanno parte dell'insieme anche, il telaio che può avere un unico montante, oppure due. Senza gli strumenti per manovrare e regolare la macchina, non si ottiene lo stampaggio. È usato da operai specializzati che operano all'interno di un'azienda muniti di Corso sulla Sicurezza e altri tipi di certificazioni.

66

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Altri Hobby

Come realizzare dei bottoni con la plastica delle bottiglie

Il riciclo creativo consente di dare una nuova vita a dei materiali che andrebbero buttati, consentendo così di realizzare degli oggetti nuovi e utilizzabili in modo differente. Questo è il caso, per esempio, delle bottiglie di plastica, che possono...
Altri Hobby

Come realizzare gli stampi per i giocattoli di plastica

La creazione di giocattoli di plastica, sia per scopi commerciali che per progetti di artigianato, può essere effettuata in modo abbastanza efficace anche da casa, avvalendosi dell'utilizzo di una combinazione di materiali artistici di base e di alcuni...
Altri Hobby

Come realizzare un bouquet di fiori di plastica

Il bouquet è una composizione di fiori variopinti che si usa in varie occasioni. Quella più tradizionale è il bouquet della sposa che si reca all'altare il giorno del suo matrimonio. Oppure si regala un bouquet di fiori per una laurea, o anche semplicemente...
Altri Hobby

Come riparare una bambola di plastica

Le bambole di plastica sono molto apprezzate dalle bambine, e quelle antiche soprattutto dai collezionisti per il loro valore. Se quindi in cantina ne abbiamo una che non usiamo più perché malridotta e siamo anche piuttosto abili nel fai da te, possiamo...
Altri Hobby

Come realizzare un presepe con bottiglie di plastica

L'arte del riciclo può dare vita a moltissime idee originali e divertenti. Riciclando infatti oggetti di uso e consumo quotidiano, possiamo sbizzarrirci con la creatività dando origine a nuove possibili rivisitazioni degli oggetti che altrimenti finirebbero...
Altri Hobby

Come realizzare alberelli di Natale dai cucchiai di plastica

Quando si avvicinano le feste natalizie, ogni casa viene addobbata a tema. Spesso si sceglie di adornare soltanto un ambiente. Evitando così, di spendere tanti soldi in addobbi. Ma, volendo si può optare per delle creazioni fai da te. Utilizzando degli...
Altri Hobby

Come fare una ghirlanda con i bicchieri di plastica

La ghirlanda, decorazione natalizia per eccellenza, addobba con gusto e sobrietà le nostre abitazioni. Da appendere alla porta, sul camino o in qualsiasi altro angolo della casa, è simbolo di vittoria. Dalla tipica forma rotonda, viene generalmente...
Altri Hobby

Come fare un portapillole con i tappi di plastica

Al giorno d'oggi utilizzare il riciclo come forma di risparmio è una grande agevolazione sia per quanto riguarda la tutela dell'ambiente e sia per i costi di gestione del materiale di scarto. Sono molte le cose che si utilizzano e si sprecano senza saperle...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.