Come dipingere il metallo goffrato

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Se in casa avete dei mobili o degli infissi realizzati con il metallo goffrato ed intendete cambiarne l'aspetto, potete dipingerlo attenendovi però a delle regole ben precise. Il metallo in oggetto infatti si presenta non liscio e con una sorta di buccia d'arancia, quindi per applicare la vernice è necessario adottare delle particolari tecniche. In riferimento a ciò, ecco una guida con alcuni consigli su come dipingere il metallo goffrato.

26

Occorrente

  • Detersivo
  • Spazzola di setola
  • Primer
  • Pennelli
  • Vernice di lattice acrilica
  • Tela di smeriglio a grana doppia e sottile
36

Pulire accuratamente la superficie

Per dipingere correttamente il metallo goffrato, è necessario innanzitutto pulire accuratamente la sua superficie a rilievo utilizzando del detersivo per piatti o per bucato. Dopo l'applicazione, è opportuno usare una spazzola di setola in modo da rimuovere lo sporco anche nelle parti più ostinate. Al termine bisogna provvedere ad un abbondante risciacquo, e ad un'accurata asciugatura con un panno pulito.

46

Applicare il primer

Una volta completata la suddetta fase preliminare il metallo goffrato è pronto per la verniciatura, ma tuttavia occorre cospargere sulla superficie interessata un primer specifico per questo tipo di metallo a rilievo, usando un pennello abbastanza largo e preventivamente imbevuto in un solvente per vernici. L'applicazione del suddetto primer va fatta in modo uniforme, e lasciato asciugare per almeno 3 ore prima di ripetere l'operazione una seconda volta, attendendo anche in questo caso il suddetto lasso di tempo. A questo punto si può usare la vernice prescelta, e procedere alla tinteggiatura della superficie in metallo goffrato in modo uniforme. Se il metallo fa parte di oggetti come mobili o infissi, è sufficiente usare della vernice di lattice acrilica che è facilmente reperibile nei migliori colorifici e disponibile di svariate tonalità.

Continua la lettura
56

Utilizzare la vernice di lattice acrilica

Se tuttavia il metallo goffrato è stato utilizzato ad esempio per rivestire i ripiani di una scala di ferro oppure come copertura di una botola nel giardino, allora è importante specificare ciò al colorificio di fiducia, in modo che possa fornirvi la vernice di lattice di tipo piano, quindi particolarmente indicata per il calpestio. In tutti i casi bisogna sottolineare che il metallo goffrato per risultare ottimizzato dopo la verniciatura, deve essere particolarmente lucido e senza ulteriori solchi, oltre alla sua naturale buccia d'arancia. Per questo motivo è importante utilizzare prima della tela smeriglio a grana grossa, e dopo quella più sottile in modo da ottenere il suddetto effetto lucido.

66

Consigli

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Materiali e Attrezzi

Come usare il fissante per vernice metallo

Può capitare a tutti di avere oggetti che necessitano di un piccolo restauro. L'usura del tempo o delle intemperie rovinano la superficie e spesso la struttura stessa di un oggetto. Questo accade, in particolare, sulle coperture in vernice. Nel caso...
Materiali e Attrezzi

Come ossidare il metallo galvanizzato

Il metallo galvanizzato è un materiale costituito da acciaio o ferro rivestito con un sottile strato di zinco che protegge la superficie sottostante dalla ruggine. Se si dispone di un elemento realizzato in metallo galvanizzato e si desidera ossidarlo,...
Materiali e Attrezzi

Come trattare oggetti di metallo

Gli oggetti di metallo sono tra gli oggetti più belli e delicati che esistano. La loro bellezza è sempre in grado di impreziosire una casa, grazie al loro aspetto grazioso ed elegante. Tali oggetti possono anche essere molto funzionali, soprattutto...
Materiali e Attrezzi

Come rimuovere l'ossidazione dal metallo antico

Rimuovere la ruggine dal metallo antico è una procedura semplice ed immediata. Il processo di ossidazione, infatti, deriva dalla reazione del metallo in presenza di ossigeno ed umidità. L’ossidazione provoca una lenta corrosione, usurando lentamente...
Materiali e Attrezzi

Come rimuovere la gomma vulcanizzata dal metallo

La vulcanizzazione è un processo al quale vengono sottoposte sia le gomme naturali che quelle artificiali, al fine di migliorarne le prestazioni. Questa pratica industriale mira infatti ad incrementare gli indici di elasticità e di termostabilità dei...
Materiali e Attrezzi

Come lavorare i bordi di rifinitura del metallo

Se in casa amiamo eseguire dei lavoretti, e quindi senza affidarci a dei professionisti, per ottenere un lavoro perfetto, è necessario seguire però alcune linee guida specifiche atte a massimizzare il risultato. Se dunque abbiamo praticato dei tagli...
Materiali e Attrezzi

Come applicare la resina epossidica sul metallo

La resina epossidica è una colla molto particolare che si ricava dall'utilizzo di due componenti, appunto una resina che fa da collante e di un indurente. Il rapporto può che si utilizza per la miscelazione può variare da marca a marca, ma di solito...
Materiali e Attrezzi

Come tagliare un condotto flessibile in metallo

Se per hobby o per necessità a seguito di una perdita d'acqua, dobbiamo sostituire un condotto flessibile in metallo, lo possiamo fare utilizzando gli attrezzi giusti e prestando molta attenzione a non farci male. In merito a questo argomento nei passi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.