Come disporre e tagliare i pezzi di un cartamodello

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Dopo aver imparato a cucire, è un passaggio naturale confezionare un capo usando un cartamodello. Essere in grado di cucire sulla base di un cartamodello ti darà la possibilità di confezionare biancheria, costumi, decorazioni per la casa, giocattoli e altri oggetti che possono essere cuciti. Una cosa fondamentale quando si taglia la stoffa è l'appoggiare il cartamodello nel modo esatto. Segui questa guida per capire come disporre e tagliare i pezzi di un cartamodello.

26

Occorrente

  • un cartamodello
  • stoffa
  • forbici bene affilate
  • carta velina
  • spilli
  • sacchetti trasparenti con chiusura a zip
  • nastro adesivo
36

Il cartamodello può essere appoggiato o sulla stoffa piegata (quindi avremo 2 strati di stoffa) o su un solo strato. Di solito nel cartamodello viene indicato se tagliare la stoffa in doppio o singolo strato. Se vuoi tagliare la stoffa in doppio, che è il caso più comune, devi piegarla facendo combaciare le cimose. Cosa sono le cimose? È il bordo rifinito della stoffa, di solito di tessuto più fitto e resistente e facilmente riconoscibile perché presenta dei buchini. Sul cartamodello di solito viene indicato un drittofilo. Cos'è il drittofilo? Il drittofilo è la linea parallela alla cimosa. Se hai uno scampolo di tessuto senza cimosa, le cose si complicano.

46

Devi capire in che senso è stato ordito il tessuto. Inoltre il tessuto (a meno che non sia un tessuto stretch) di solito è meno elastico nel senso del drittofilo. Di solito viene disposto in drittofilo il centro dietro e il centro davanti del cartamodello. Mettere il cartamodello seguendo il drittofilo ti permette di avere abiti che cadono bene e hanno una buona vestibilità. Solo alcuni modelli particolari vengono tagliati sullo sbieco del tessuto. A questo punto, passa a disporre e ad appuntare il cartamodello sulla stoffa. Ora disponi la carta velina sulla stoffa. Una volta che l'avrai fatto, dovrai passare a tagliare la stoffa, seguendo la linea di taglio stampata sulla velina. Per questo lavoro cerca di usare delle forbici affilate, poiché queste produrranno un taglio preciso, quindi accertati che le tue siano in questo modo prima di cominciare a tagliare.

Continua la lettura
56

A questo punto, ricordati di non sollevare la stoffa dal tavolo mentre tagli. Più resta piatta, più il taglio sarà preciso. Quando rimuovi la velina dalla stoffa, piegala in modo che il nome e il numero del pezzo restino in vista e riponila in un sacchetto trasparente con chiusura a zip, come quelli per congelare, che attaccherai con del nastro adesivo vicino alla macchina da cucire. In questo modo, quando per una ragione o per l'altra dovrai verificare un pezzo, riuscirai a recuperarlo in fretta.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cucito

Come Ingrandire E Posizionare Il Cartamodello

Quella di cucire è una passione comune a tantissime persone, soprattutto donne, ma anche molti uomini sono affascinati da ago e filo. Riuscire a realizzare un abito, però, non è una cosa facile, essendo necessaria una certa pratica oltre che l'utilizzo...
Cucito

Come disegnare un cartamodello di una gonna

Punto di partenza per una gonna su misura è il cartamodello, che non è altro che un foglio grande di carta, da una parte semi-lucido e dall'altra opaco; viene utilizzato per creare il modello di un capo d'abbigliamento da cucire, prima di realizzarlo...
Cucito

Come creare un cartamodello per il kilt

Il kilt è un tipo di vestiario conosciuto in tutto il mondo. Nato come indumento maschile, era costituito essenzialmente da un lunghissimo pezzo di stoffa, che cingeva la vita similmente ad una gonna da donna ed il cui pezzo rimanente veniva appoggiato...
Cucito

Come disegnare le pinces sul cartamodello di una gonna

Per chi volesse avvicinarsi al modo della sartoria, la gonna è un elemento essenziale da imparare a cucire. Non è solo un capo di abbigliamento, ma attrice protagonista in molti armadi femminili nonchè della nostra personalità. Partendo da una gonna...
Cucito

Come modificare il cartamodello della camicetta per realizzarla con un collo a barchetta

L’arte di modificare i nostri cartamodelli è fondamentale per variare i capi di un guardaroba e renderlo più ricco, attraverso le stagioni. Inoltre, l’aver già sperimentato la confezione di un modello, ci agevola nel ripetere gli stessi passaggi...
Cucito

Come realizzare un abito senza cartamodello

Se si è interessati a conoscere alcuni metodi di sartoria questa guida è l'ideale. Nello specifico in questo tutorial vengono dati alcuni utili consigli e delle corrette indicazioni su come è possibile realizzare un abito senza cartamodello. Generalmente...
Cucito

Come fare un vestito con pezzi di stoffa

Utilizzare dei pezzi di stoffa che altrimenti finirebbero per essere buttati via, è un ottimo modo per realizzare dei capi d'abbigliamento in maniera economica ed ecologica. Ovviamente, per la buona riuscita di un lavoro del genere, è necessario avere...
Cucito

come realizzare una gonna a ruota senza cartamodello

La gonna a ruota è il capo di abbigliamento maggiormente di tendenza della nuova stagione primavera/estate. Ciascun stilista, l'ha già messa nella collezione nuova in varie versioni. È un capo di abbigliamento che non potrà mai mancare assolutamente...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.