Come distinguere il legno

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Se intendiamo acquistare del legno per realizzare mobili, parquet, ripiani o mensole, è importante conoscerlo a fondo in modo da poterlo scegliere della giusta durezza, con specifiche venature e di tipo profumato. In riferimento a ciò, ecco una guida dettagliata su come distinguere le varie specie di legno.

24

I legno più duro, compatto e molto resistente è l'ebano nero che viene ricavato da piante diffuse nelle zone tropicali dell'Africa e dell'Asia. Di norma è di colore nero cupo, con dei riflessi lucidi, ma esistono anche delle varietà che presentano delle tonalità brune e rossastre. L'ebano è una delle essenze di maggior pregio e di più alto costo e viene usato soprattutto per la fabbricazione e il rivestimento di mobili pregiati, per realizzare strumenti musicali tra cui flauti, tasti di pianoforte e le parti esterne di questi ultimi.

34

Un altro legno molto duro e resistente, con il tipico colore rosso bruno, è il mogano ricavato da alberi originari dell'America Centrale e delle Indie occidentali. Gli ebanisti francesi e inglesi nei secoli scorsi ne fecero un grande uso per realizzare dei mobili pregiati. Nell'arredamento o inglese subentrò progressivamente, nel corso del XVIII secolo, al posto del noce, che fino ad allora costituiva l'essenza lignea privilegiata. La qualità è davvero eccelsa resistente agli attacchi di tarli e si presta moltissimo per ricavarne una radica, ideale per l'impiallacciatura di mobili. Il legno che ci appare di un colore bianco e giallastro è inconfutabilmente il rovere che nei secoli scorsi (soprattutto in epoca gotica), veniva usato per la fabbricazione di mobili rustici, spesso decorati ad intaglio. Gli artigiani inglesi lo utilizzarono invece per realizzare mobili da rivestire poi con impiallacciature come ad esempio la suddetta piuma di mogano o la radica di tuia. Si tratta dunque di una tipologia di legno molto pregiato e resistente ma tuttavia è importante sottolineare che è molto sensibile all’umidità, per cui tende a variare di dimensioni nel tempo.

Continua la lettura
44

Infine concludendo le informazioni su come distinguere i vari tipi di legno, parliamo del diffusissimo noce. Si tratta infatti, di una specie appartenente alla categoria dei legni semiduri, e si presta molto per diversi tipi di lavorazione pur essendo soggetto a deformarsi in presenza di umidità. Inoltre presenta una buona resistenza, si può far torcere, flettere e comprimere. Il legno noce ha delle venature di svariate colorazioni che vanno dal biondo allo scuro, e in ogni località del mondo se ne trovano diverse specie. In Italia il più comune è il noce nazionale, mentre in Africa si trova quello comunemente detto "sapele" che presenta un colore rossastro-marrone, ed è molto resistente, ideale quindi per costruire dei mobili da esterno.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Materiali e Attrezzi

Legno lamellare: consigli per la scelta

Il legno lamellare è un materiale speciale che si presta a numerosissimi utilizzi creativi e di design nel campo dell'arredamento e della costruzione di mobili, oggetti e forniture fai da te. Il legno lamellare rappresenta una tipologia particolare di...
Materiali e Attrezzi

Pregi e difetti del legno lamellare

Quando si parla di legno lamellare ci si riferisce a un tipo di materiale strutturale abbastanza solido e e resistente. Questo genere di materiale si ottiene incollando tra di loro delle tavole di legno che seguono a loro volta dei criteri di classificazione...
Materiali e Attrezzi

Come eliminare una bruciatura dal legno

Il legno è un materiale che non manca mai nelle nostre case. Tutti noi nelle proprie abitazioni abbiamo almeno un mobile antico, o una porta di legno, o il pavimento in parquet, o un tavolo di legno, o un piano di lavoro in cucina e tantissime altre...
Materiali e Attrezzi

Come costruire un portafiori in legno

In questo articolo vorrei spiegarvi come costruire un portafiori in legno. Con il legno possiamo costruire tantissimi oggetti utili e soprattutto decorativi per le nostre abitazioni. Il legno è un materiale facile da lavorare per la costruzione di oggetti...
Materiali e Attrezzi

I tipi di legno più comuni nell'arredamento

Il legno possiede un fascino che non sembra temere il trascorrere del tempo. Un materiale "vivo", capace di riscaldare l'ambiente domestico rendendolo accogliente e famigliare. Ovviamente non tutti i tipi di legno sono uguali. Ognuno possiede infatti...
Materiali e Attrezzi

Come levigare il legno sugli angoli

State realizzando un oggetto in legno? Se vi trovate in difficoltà su come levigare il legno sugli angoli, siete nel posto giusto. Infatti, in questa guida cercherete di porre maggiore attenzione su questo argomento. In particolare come levigare il legno...
Materiali e Attrezzi

Consigli per allargare un foro nel legno

Spesso, mentre ci dilettiamo nel bricolage, dobbiamo eseguire dei fori nel legno, un'operazione che non sembra molto facile, se non si hanno alcune conoscenze di base. Inizialmente bisogna segnare con una matita, il punto dove è necessario forare, per...
Materiali e Attrezzi

Come pulire il legno grezzo

Il legno continua ad essere, ancora oggi, il grande protagonista dell'arredamento; per quanto le abitazioni possano apparire futuristiche, la maggior parte presenta mobili, tavoli, sedie e librerie realizzate in legno. Nella maggior parte dei casi il...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.