Come dividere la Kentia

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

La kentia è un bellissimo esemplare appartenente alla famiglia delle palme sempreverdi. Viene oggi apprezzata anche per la rusticità e longevità in ambienti estremi; originarie delle zone tropicali boreali. Si consiglia di esporle in un posto molto luminoso ma non al sole diretto. In questa guida ti spiegherò passo dopo passo come dividere un germoglio basale ed ottenere così un'altra pianta.

27

Occorrente

  • terriccio
  • vaso di venti o trenta centimetri
37

Prima di tutto, verifichiamo accuratamente se la nostra pianta di kentia presenta un germoglio basale. È il fattore principale, se questo è presente possiamo procedere a separare. In questo modo otterremo due vasi che contengono questa pianta. Iniziamo la procedura con l'estrarre la pianta dal vaso in cui è contenuta.

47

Facciamo molta attenzione a non danneggiare le sue radici. Con l'aiuto delle nostre mani separiamo accuratamente il germoglio presente vicino alla pianta madre. Infine sistemiamo la nuova piantina in un vaso di circa venti o trenta centimetri di diametro. In questo vaso dove sarà ospitata la nuova pianta aggiungiamo del terriccio.

Continua la lettura
57

Quest'ultimo deve essere un terriccio fertile e prevalentemente poroso. Dopo aver piantato la nuova pianta, non dimentichiamo di irrorare abbondantemente il terreno sottostante. Nel giro di qualche mese, inizieremo a notare dei cambiamenti. E la nostra pianta sarà pronta per abbellire l'angolo della nostra casa.

67

Approfondimenti e curiosità:
Si adattano ad ogni esposizione anche in lieve penombra, preferendo ambienti luminosi ma non luce solare diretta, umidità ambientale media. Durante la stagione estiva, si giovano dell'esposizione all'esterno in zona riparata luminosa ma non soleggiata. Sono sensibili al freddo: richiedono una temperatura minima di 16-18 °C (in inverno possono sopportare brevemente una temperatura minima di 8 °C). Annaffiature regolari, moderate e frequenti, in estate spruzzature sulle foglie, in inverno somministrare raramente acqua a temperatura ambiente, possono sopportare brevi periodi di siccità. Concimare da aprile a settembre una volta al mese con un fertilizzante liquido completo. Di crescita piuttosto lenta, rinvasare in primavera, ogni tre anni, usando vasi molto profondi e terriccio ricco di sostanza organica misto a sabbia, ben drenato, facendo attenzione a non danneggiare le radici; negli esemplari di grandi dimensioni è possibile rinterrare ogni 2-3 anni in primavera. La moltiplicazione avviene per seme o per divisione dei cespi (poco pratica negli appartamenti).

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Adatta a climi caldi non esporla per troppe ore al contatto diretto con il sole
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come dividere i bulbi

Le persone che hanno la passione per il giardinaggio e desiderano dare vitalità al proprio balcone possono realizzare scenari fantastici se hanno buona volontà ed un po' di pazienza. In questo modo vivacizzano il terreno con i fiori che si possono ricavare...
Giardinaggio

10 piante da interno adatte all'ombra

Quando non è disponibile un gran balcone esposto al sole, un davanzale o un po' di terra dove poter coltivare qualche pianta, è difficile riuscire a mantenere i propri fiori preferiti all'interno della casa con la poca luce solare disponibile. Ma conoscendo...
Giardinaggio

Come coltivare la viola

La viola, è una delle bellissime piante con fiori colorati, romantici ed estremamente profumati. Tra le sue varietà, c'è quella molto colorata, cosiddetta"viola del pensiero," perché è un tipo di fiore che ci collega alla nostalgia del passato. Le...
Giardinaggio

Come stimolare la fioritura delle viole

Le viole sono uno dei fiori utilizzati soprattutto per abbellire le finestre, ma forniscono delle belledecorazioni anche per tavoli e mensole. La particolarità di questa pianta sta nel fatto che una singola foglia può produrre più fiori; ma per mantenere...
Giardinaggio

Come seminare le viole del pensiero

Le viole del pensiero sono fiori vellutati e coloratissimi. Appartengono alla famiglia delle Violaceae ed essendo delle piante perenni hanno un'ottima resistenza anche al gelo. Possiedono foglie ovali contornate da una forma dentata. Mentre i fiori vengono...
Giardinaggio

Come realizzare un traliccio per rampicanti

In giardino è usanza coprire i muri con le piante rampicanti, sia per nascondere un brutto intonaco, sia per motivi strettamente decorativi oppure per dividere in maniera piuttosto discreta e naturale il terrazzo o la veranda in due parti distinte. Fra...
Giardinaggio

Come moltiplicare le piante grasse per talea

Le piante grasse, che prendono realmente il nome di Succulente sono piante cheAssorbono acqua nei loro tessuti durante le stagioni piovose per utilizzarla in quelle di siccità, e si possono dividere sostanzialmente in 2 tipi: quelle che accumulano acqua...
Giardinaggio

Come delimitare l'orto

Delimitare un orto rappresenta una necessità per chiunque possegga un pezzetto di terreno che desidera destinare a tale uso (soprattutto quando vicino c'è anche una zona giardino oppure un'entrata al garage).L'utilità di un progetto come questo è...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.