Come E Quando Essicare L'Origano

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

L'origano, come l'erba cipollina è una pianta aromatica largamente usata in cucina, sopratutto in quella mediterranea, sia per il suo sapore molto forte che per i suoi effetti benefici. Tuttavia è un buon coadiuvante della digestione, un buon antisettico ed ha anche un potere analgesico. Per mantenere più a lungo il suo aroma e le sue proprietà benefiche il processo di essiccazione diventa necessario. Come e quando essicare l'origano ce lo spiegheranno in maniera chiara e semplice gli esaurienti passi di questa guida.

27

Occorrente

  • Piante di origano
  • Cortello o forbici ben affilati
  • Filo
  • Buste di carta tipo quelle per il pane
  • Vasetti
37

Naturalmente per potere procedere all'essiccazione l'origano deve essere raccolto in un certo periodo dell'anno. I mesi indicati per farlo sono quelli della massima fioritura, nel momento in cui è più profumato (generalmente da giugno a settembre). Per recidere la pianta preferite le giornate umide e piovose e formate dei piccoli mazzetti tagliandoli via dalla pianta con delle forbici o un coltello ben affilato. Questo è il modo corretto di limitare la sofferenza della pianta dando un taglio netto e possibilmente trasversale.

47

Procedete legando ogni mazzetto di origano con del filo (va bene anche il semplice filo da sarta o dello spago) e poi riporlo in una busta di carta (che non dovrà essere troppo stretta). Detto mazzetto andrà posizionato nel sacchetto sottosopra, con la parte fiorita verso il basso, e in seguito chiudete la busta sempre con dello spago, facendo attenzione a non stringere troppo. Le buste con i mazzetti di origano dovranno essere appese in una terrazza o un giardino, o comunque in un posto asciutto, dove potranno essere esposte al sole per diverse ore al giorno (usate una semplice molletta per appenderle, sempre dalla parte del gambo). La sera le buste non dovranno rimanere fuori ma, tenute in casa, per poi essere ristese al sole il giorno seguente, fino alla completa essiccazione.

Continua la lettura
57

Generalmente può essere sufficiente una settimana di esposizione giornaliera, per avere il risultato corretto. Lo vedrete della facilità con cui foglie e fiori si sbricioleranno fra le vostre dita.
Quando l'origano sarà completamente essiccato, sarà sufficiente scuotere la busta di carta in maniera un po' energica, per far staccare tutto dagli steli. A questo punto dovrete setacciare e gettare i gambi e mantenendo il resto, che verrà poi posto in vasetti di vetro per la corretta conservazione. C'è un altro metodo molto più veloce anche se meno economico, per essiccare l'origano. Una volta tagliato il mazzetto di origano, si divide in rametti e si pone sulla teglia del forno. Quindi si imposterà una temperatura molto bassa e si porrà tutto dentro controllando ogni 5/8 minuti il grado di essiccazione. Una volta raggiunto, si procederà come nel precedente caso al setaccio e alla chiusura in vasetti.

67

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come conservare i fiori secchi

In questa guida consiglieremo come conservare i fiori secchi nel miglior modo possibile, per avere i fiori sempre belli tutto l'anno come se fosse sempre primavera. Il miglior modo è quello dell'essicazione, come ad esempio formare bouquet del matrimonio,...
Giardinaggio

Come coltivare la viola

La viola, è una delle bellissime piante con fiori colorati, romantici ed estremamente profumati. Tra le sue varietà, c'è quella molto colorata, cosiddetta"viola del pensiero," perché è un tipo di fiore che ci collega alla nostalgia del passato. Le...
Giardinaggio

Come stimolare la fioritura delle viole

Le viole sono uno dei fiori utilizzati soprattutto per abbellire le finestre, ma forniscono delle belledecorazioni anche per tavoli e mensole. La particolarità di questa pianta sta nel fatto che una singola foglia può produrre più fiori; ma per mantenere...
Giardinaggio

Come conservare i semi

In questo articolo, abbiamo deciso di affrontare un problema afforntato da tutti coloro che amano coltivare in casa diverse tipologie di piante e fiori. Stiamo parlando dei semi e del come riuscire a meterli da parte, in modo tale da poterli avere sempre...
Giardinaggio

Come piantare e curare il falso pepe

Nelle dispense delle cucine degli italiani non possono mancare determinate spezie di base, alcune delle quali molto comuni come ad esempio il pepe nero e il pepe bianco, la noce moscata, il rosmarino, l'origano eccetera. Se ci soffermiamo ai tipi di pepe...
Giardinaggio

Come realizzare un'aiuola di erbe aromatiche

Le aiuole hanno un notevole impatto sulla bellezza di un giardino, soprattutto se ben trattate, e risulta essere un bel passatempo per chiunque sia appassionato di giardinaggio. Utilizzare delle erbe aromatiche può risultare un'idea originale, e che...
Giardinaggio

Come combattere la cocciniglia

La cocciniglia è un parassita particolarmente dannoso che si presenta con il corpo molle, solitamente mascherato da cera farinosa. Si insedia vistosamente sotto la rosetta ed il peduncolo di frutti o piante. Alcune specie ne infestano addirittura le...
Giardinaggio

Come seminare le viole del pensiero

Le viole del pensiero sono fiori vellutati e coloratissimi. Appartengono alla famiglia delle Violaceae ed essendo delle piante perenni hanno un'ottima resistenza anche al gelo. Possiedono foglie ovali contornate da una forma dentata. Mentre i fiori vengono...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.