Come e quando potare le conifere

Tramite: O2O 30/07/2016
Difficoltà: facile
19

Introduzione

Pino, araucaria, larice, sequoia e cipresso sono solo alcuni dei più rinomati esponenti della famiglia delle conifere. Alcuni di questi alberi hanno carattere rustico ed ingentiliscono i declivi naturali di colline e montagne; altri esemplari, invece, concorrono a definire l'assetto urbanistico delle nostre città. Cedri del Libano, pecci od abete rossi sono usati comunemente in buona parte dei giardini e dei parchi comunali, mentre all'interno delle nostre abitazioni trovano spazio folte siepi di tuia, cupressus e juniperus. Per garantire una crescita rigogliosa alle piante è bene sapere come e quando potare i nostri esemplari.

29

Occorrente

  • Cesoie o tronchesi da giardinaggio, seghetto, scala (eventuale), prodotto cicatrizzante.
39

Tutte le conifere hanno crescita apicale e presentano fogliame sempreverde. Se poste a dimora in un luogo idoneo e fatte acclimatare per un periodo di tempo congruo, questi alberi od arbusti sono in grado di tollerare i rigori dell'inverno ed il sole torrido estivo senza patire eccessivi danni al fusto ed alla chioma. Nonostante la loro natura di specie rustiche, tuttavia, un intervento di potatura è indispensabile laddove si verifichino particolari condizioni come la presenza di parti malate o la sussistenza di rami rotti. In alternativa a questi casi, è sempre possibile operare uno sfrondamento per mere motivazioni estetiche.

49

Se un albero di conifera presenta rami deboli e spezzati, questi devono essere necessariamente rimossi: un forte vento, delle piogge abbondanti e delle precipitazioni nevose possono infatti determinare la caduta accidentale dei rami già instabili. Anche i tralci malati e le zone di verde soggette a malattia devono essere epurate dalla pianta madre, così da ridurre il rischio di infezione o trasmissione della malattia.

Continua la lettura
59

Purtroppo, molte conifere hanno un'altezza tale da rendere impensabile un intervento privato: se il ramo si trova a diversi metri di altezza da terra e non è raggiungibile con una scala o una tronchese estensibile, l'unica soluzione paventabile consiste nel contattare una ditta di giardinaggio professionale che si accorderà con noi per il successivo intervento. Nel caso invece in cui ci sia un serio rischio per l'incolumità di persone e strutture, è possibile richiedere un provvedimento d'urgenza rivolgendosi alla protezione civile o segnalando la presenza di rami pericolosi presso l'ufficio comunale competente.

69

Rami posti a media distanza da terra (circa 2-3 metri) possono invece essere rimossi con l'ausilio di una semplice scala ed un seghetto da legno. Chiediamo ad un amico od a un familiare di assisterci durante l'operazione, così da avere a disposizione una persona che possa aiutarci in qualsiasi momento. Appoggiamo il basamento della scala in prossimità del tronco dell'albero e sinceriamoci della sua stabilità: se il terreno presenta buche ed avvallamenti spianiamoli per offrire una superficie regolare di appoggio all'utensile. Infine, saliamo sulla scala e collochiamoci all'altezza necessaria.

79

Eliminiamo il ramo malato tagliando il tralcio col seghetto e facciamo molta attenzione a lasciare la ferita "pulita" e con una superficie netta. Per nessun motivo, strappiamo i rami a mano o riduciamo a brandelli la corteccia circostante: questo elemento ligneo costituisce infatti una delle fonti primarie di difesa dell'albero contro le aggressioni esterne ed ha la stessa funzione dell'epidermide umana. Molto probabilmente, non appena poteremo una zona vitale dell'albero, questo inizierà a secernere resina.

89

L'attività di sfrondamento può essere compiuta sia sulle specie dall'andamento a siepe, sia sui grandi alberi che dominano i giardini. In entrambi i casi, possiamo rimuovere i getti laterali di intralcio o decisamente troppo lunghi operando un taglio rispettoso per la pianta. Ciò significa che il ramo non deve essere eliminato del tutto: il taglio deve essere praticato a due terzi/metà della lunghezza complessiva del tralcio, in modo tale che sul fusto figuri un germoglio proporzionato e vitale, ancora ricco di foglie verdi, da cui riprende in seguito l'accrescimento della pianta.

99

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Nettiamo sempre tronchesi, cesoie e seghetto tra un intervento di potatura e l'altro così da ridurre il rischio di trasmettere malattie ed infezioni tra due esemplari diversi.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come potare un abete

Se si ha un giardino arricchito con varie piantagioni, tra i quali anche l'albero di abete, bisogna svolgere periodicamente le opportune opere di giardinaggio. L'abete infatti, per migliorare di anno in anno i suoi rami, e presentarsi ricco di aghi e...
Giardinaggio

Come potare un albero di ginkgo

Il Ginkgo è una delle piante arborie più belle tra le conifere. L'albero appartiene alla famiglia delle Ginkgoaceae e ha origini molte antiche. La sua altezza varia dai 30 ai 40 metri ed è molto longevo. Il suo tronco è eretto e robusto. Quando la...
Giardinaggio

Come potare gli alberi di melo

Il melo è uno degli alberi da frutto più diffusi in Italia, soprattutto nelle regioni settentrionali. Robusto e vigoroso, ha una crescita piuttosto lenta rispetto ad altri alberi da frutto. Una volta raggiunta l'età adulta, il melo offre una produzione...
Giardinaggio

Come Potare Un Vigneto

Se possedete un vigneto da poco tempo, vi sarete già accorti di quanto impegno richiede la sua cura. L'uva e tutti i suoi derivati sono prodotti che se mantenuti in un certo modo avranno un sicuro buon risultato sia di sapore che, nel caso, economico....
Giardinaggio

Come potare le margherite sfiorite

Se siete degli amanti del giardinaggio e amate i fiori vi sarete senza dubbio ritrovati a dover curare delle margherite. In particolare capita spesso di dover potare delle margherite sfiorite. La potatura delle margherite si rende necessario quando queste...
Giardinaggio

Come potare l'albero di susino

I susini sono una bella aggiunta a tutto il paesaggio, ma senza un'adeguata manutenzione possono diventare un peso piuttosto che un vantaggio. Anche se la potatura di un susino non è difficile, è però molto importante soprattutto per quanto riguarda...
Giardinaggio

Come potare i gerani

È buona norma potare una qualsiasi pianta due volte l'anno, ossia in autunno e primavera. In questa guida, vi verrà illustrato come potare correttamente i gerani. In natura, esistono circa 400 specie diverse di gerani, di cui la maggior parte sono originarie...
Giardinaggio

Come Potare Il Prugno

Se avete in giardino un albero da prugno che sta assumendo dimensioni eccessivamente grandi, è arrivato il momento di potare i rami e renderlo più pulito e leggero. La potatura corretta del prugno aiuta a mantenerlo sano, produttivo e soprattutto in...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.