Come e quando riprodurre le rose

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Per chi ha la passione del giardinaggio e si possiede la possibilità di avere un giardino, o comunque una parte della propria abitazione da destinare ad esso, sicuramente non si riesce a fare a meno di avere delle rose. Le rose sono un fiore molto apprezzato, grazie alla presenza dei suoi petali che germogliano a vortice, divenendo uno dei fiori più famosi. Tra l'altro ve ne sono di tanti colori diversi, e viene dato ad ognuno un significato sentimentale specifico a seconda a chi si regala. Si possono tranquillamente piantare, ed anche riprodurre, prestando attenzione alle necessità che richiede il tipo di pianta. Vediamo, quindi, come e quando riprodurre le rose.

27

Occorrente

  • Attrezzature da giardinaggio
  • Vasi
  • Sabbia
  • Terreno
37

Il terreno

Per la riproduzione con il sistema della talea, bisogna utilizzare dei vasi robusti o grosse fioriere. Queste servono per piantarvi le rose insieme al terriccio adatto a questo tipo di coltivazione. Infatti in questo caso bisogna mescolare sabbia vulcanica, in modo da renderlo non compatto ed in grado di avere un ottimo drenaggio. È tuttavia consigliabile aggiungere della torba sminuzzata al terriccio per renderlo ulteriormente permeabile.

47

La riproduzione

A questo punto, scelta una rosa da tagliare, assicurarsi della presenza di un fiore con almeno due o tre foglioline sul gambo. Il taglio avviene utilizzando forbici affilate, referibilmente sterilizzate con alcool che consentono di tagliare almeno un pezzo da venti centimetri. Adesso, in corrispondenza del taglio, bisogna utilizzare un coltello ben affilato. Questo per far fuoriuscire la parte biancastra dello stelo facendola diventare di forma acuminata. Ciò favorisce un buon risultato e soprattutto riesce a farle radicare nel terreno. Subito dopo l’innesto delle talee di rose è opportuno somministrare del concime liquido in modo da ammorbidire il terriccio, rendendo facile l’inserimento del gambo ad una profondità di almeno trenta centimetri. Questa operazione di riproduzione va effettuata nel periodo primaverile in modo che le rose nel mese di maggio raggiungono il massimo del loro splendore. Importante è anche annaffiarle tutti i giorni e preferibilmente dopo il tramonto quando il sole è leggero. Evitando comunque di bagnare le parti con i fiori perché potrebbero marcire.

Continua la lettura
57

La copertura

Durante il periodo più caldo il fiore tende ad asciugarsi ed appassire: si tratta di una pianta piuttosto delicata quindi è necessario coprirla. In corrispondenza quindi del perimetro della pianta, inserire dei bastoncini e coprire il fiore con della plastica, lasciando comunque una buona areazione. L'innaffiatura in questo periodo è fondamentale, quindi farla la mattina presto o la sera sul tardi.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Farsi consigliare da un professinista del settore
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come riprodurre le piante grasse

Le succulente, o piante grasse come sono comunemente conosciute, sono note per avere la possibilità di conservare l'acqua che assorbono per usarla nei periodi di siccità. Per questo motivo sono molto amate da chi non ha molto tempo da dedicare alle...
Giardinaggio

Come moltiplicare le piante grasse

Le succulente (denominate impropriamente piante grasse), sono quelle piante dotate di particolari tessuti "succulenti" capaci di assorbire liquidi durante le stagioni piovose e usare l'acqua nei periodi di siccità. Molteplici e interessanti sono i sistemi...
Giardinaggio

Come Riprodurre Una Pianta Di Felce

La felce è una delle piante più belle e particolari che esistono in natura; la si può distinguere facilmente dalle altre piante grazie alle sue caratteristiche foglie "a strisce" di colore verde chiaro. La felce non produce né fiori, né frutti, per...
Giardinaggio

Come fare le talee per le piante grasse

La riproduzione vegetativa è un tipo di riproduzione che permette di ottenere da una pianta originaria, detta pianta madre, altre piante "figlie", in tutto e per tutto uguali a quella di partenza: ciò presenta un indubbio vantaggio quando, per esempio,...
Giardinaggio

Come coltivare i nuovi noccioli

L'albero di nocciolo è un arbusto sempreverde presente in diverse zone del mondo, può crescere fino ad un'altezza di 12 metri e può essere facilmente coltivato. La fioritura avviene tra novembre e gennaio nel terzo anno dopo la piantagione e la semina,...
Giardinaggio

Come coltivare l'ardisia

L'Ardisia crispa, per chi non la conoscesse, è un arbusto originario della Cina e dell'India, caratterizzato da bacche di un rosso intenso e da foglie coriacee, appuntite e di colore verde scuro. I fiori, leggermente profumati e a forma di stella, si...
Giardinaggio

Come moltiplicare il ficus benjamina per talea

Il Ficus Benjamin è una pianta tipica dei paesi con clima tropicale; esso ha assunto carattere ornamentale negli appartamenti attraverso la coltivazione in vaso. È una pianta sempreverde che non ama la luce diretta; sviluppa una folta chioma che ha...
Giardinaggio

Come fare una margotta

La riproduzione delle piante tra le tante tecniche può avvenire anche per margotta. Si tratta infatti di un metodo che richiede l'emissione di radici sul fusto o su un ramo di una pianta in pieno stato di vegetazione. Tra l'altro si tratta di un metodo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.