Come eliminare i tarli dai mobili

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Hai un mobile antico, o semplicemente una vecchia macchina da cucire attaccata dai tarli e non sai come eliminarli? Fai come ho fatto io: un trattamento antitarlo ha evitato che la mia macchina da cucire si trasformasse in un colabrodo. Il tarlo è un insetto, che abita in uno di quei forellini che puntellano il tuo mobile. Se ti è capitato di vederne uscire uno dal tuo mobile, non gioire: prima di abbandonarlo, attraverso il buco che lui stesso ha formato, ha infatti depositato le sue uova. Così, mentre lui si trasforma in un insetto, i suoi "eredi" restano al calduccio. Quindi, per essere certo di eliminare ogni traccia di tarli, devi eliminare tutte le larve e le uova nel tuo mobile.

26

Occorrente

  • Antitarlo
  • Petrolio bianco
  • Guanti
  • Mascherina
  • Sacchetti di cellophane o pellicola trasparente
36

Innanzitutto, non utilizzare una siringa per iniettare l'antitarlo nei buchi, perché sarebbe un'operazione inutile: i tarli scavano delle gallerie lunghe e profonde, quindi non riusciresti a debellarli tutti. Il primo passo che devi fare è quello di individuare un posto dove lavorare e in cui mettere il mobiletto alla fine del trattamento. L'ideale sarebbe un posto all'aperto, magari un terrazzo o un balcone riparato dalla pioggia e dall'umidità. Importante è che il posto scelto sia all'aperto, perché le esalazioni dell'antitarlo sono velenose.

46

Indossa ora un paio di guanti di lattice usa e getta e la mascherina. Prendi il petrolio bianco e versalo con attenzione su tutte le superfici da trattare, senza dimenticare l'angolino più remoto e i fondi. Poi prendi il pennello e spennella con l'antitarlo tutta la superficie, gli angolini e i fondi.

Continua la lettura
56

Prendi il sacchetto di cellophane e ricopri subito il mobiletto, in modo che non possa entrare neanche un filo d'aria. Terrai il mobile nel sacchetto di cellophane per almeno una settimana, in modo che l'antitarlo possa penetrare nel più remoto forellino e soffocare tutte le larve. Alla fine del trattamento, lascia il mobile in quel luogo all'aperto almeno per trenta giorni, in modo che i residui gassosi dell'antitarlo imprigionati nel sacchetto possano volare via, senza inquinare l'aria della tua casa rendendola irrespirabile. A questo punto, puoi riportare il tuo mobiletto al suo posto, certo di non vedere più mucchietti di "segatura" formarsi nei pressi del tuo mobile. Di sicuro, non sentirai più nemmeno alcun scricchiolio sospetto.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Per accelerare i tempi, esponi al sole il tuo mobile imbustato.
  • Per otturare i fori, usa una cera del colore del mobile.
  • Puoi usare anche una pellicola trasparente al posto dei sacchetti di cellophane.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Casa

Come eliminare i tarli dalle travi dei soffitti alti

I tarli sono degli insetti parassiti che si nutrono del legno, difficili da eliminare, che rovinano qualunque oggetto ligneo, come le travi dei soffitti alti. Questi piccoli parassiti creano tantissimi e quasi microscopici fori nelle travi di legno del...
Casa

Tarli: come trattare il mobile

I mobili in legno sono molto eleganti ed hanno un fascino che non passa mai di moda, ma allo stesso tempo sono estremamente delicati. Infatti questi richiedono manutenzione e cura, altrimenti si rischia di rovinarli in modo irreparabile. Uno dei nemici...
Casa

Come Eseguire L'Otturazione Dei Fori Provocati Dai Tarli

Purtroppo il legno dei nostri mobili spesso viene attaccato dai tarli. I tarli possono bucare il legno provocando numerosi fori. Ciò accade quando il legno è piuttosto vecchio. I fori dei tarli rovinano la consistenza, la resistenza e l'estetica del...
Casa

Come fare il trattamento antitarlo ai mobili

Se in casa avete dei mobili antichi e molto pregiati è opportuno curarli con degli appositi prodotti per la loro pulizia, inoltre di tanto in tanto non dimenticate di verificare se stanno per essere invasi dai tarli. Se quindi dopo un'accurata ispezione...
Casa

Come fare la manutenzione dei mobili antichi

Se siete degli amanti dell'antiquariato, soprattutto dei mobili antichi, sapete bene che nel tempo questi preziosi e cari oggetti possono andare incontro a usura e danneggiamento, pregiudicandone la bellezza. Tuttavia, con un po' d'attenzione e di pazienza,...
Casa

Come personalizzare i mobili in legno

I mobili che vengono acquistati maggiormente sono quelli in legno. Questi hanno sempre un fascino particolare e poi si adattano a qualsiasi stile. Ovviamente, ogni mobile deve anche abbinarsi bene al resto dei complementi scelti per la casa. Ma, spesso...
Casa

Come riutilizzare i mobili cromati

I mobili con strutture tubolari cromate furono inventati negli anni venti, prendendo spunto dal modello dei telai delle biciclette. Da quel momento in poi hanno vissuto momenti di fama e di oblio fino a diffondersi in maniera preponderante negli anni...
Casa

Come riparare i mobili rovinati dalle tarme

I mobili, soprattutto se non sono troppo nuovi, sono spesso soggetti alle tanto temute infestazioni delle tarme. Questi insetti sono particolarmente attratti da diverse tipologie di legno tra cui quelli di: conifera, faggio, betulla, ciliegio ed abete...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.