Come eliminare il vino rosso dai tessuti

Tramite: O2O 18/03/2017
Difficoltà: media
18

Introduzione

L'Italia è di certo la patria del vino, dato che propone tantissime tipologie di vini bianchi e rossi. Dunque a tavola non può mai mancare il vino per accompagnare i pasti. Ma il vino rosso è il peggior nemico dei tessuti. Infatti una macchia di vino non è facile da togliere e occorre molta accortezza per eliminarla senza rovinare il tessuto. Dunque, oltre che consigliarvi di bere il vino con moderazione ed attenzione, questa guida si propone di spiegarvi come eliminare il vino rosso dai tessuti.

28

Occorrente

  • acqua; sapone; carta assorbente; perboato di potassio
38

Il vino rosso è ricco di tannino e nitrato, il quale lo rende molto denso e trasforma il contenuto di uva in una sostanza che ha la qualità di essere assorbito molto bene dall'organismo, ma viene anche assorbito dai tessuti colorandoli molto a fondo. Per questa ragione per poter rimuovere le macchie di vino è necessario seguire alcuni accorgimenti. Se volete evitare i prodotti chimici che si possono acquistare nei negozi, allora dovete procedere nel modo seguente.

48

Una delle cose più importanti da fare è quello di cercare di non far rimanere aloni sui tessuti appena macchiati. La prima operazione è quella di fare assorbire il vino con della carta assorbente o con della stoffa di cotone bianco e, successivamente, lavare con acqua fredda. Se la macchia non dovesse andar via, e ciò capita soprattutto per le stoffe resistenti come il cotone, il lino, la lana ect. Occorre coprire la macchia con del sale e fare agire per circa 10 minuti e poi risciacquare con acqua fredda e sapone.

Continua la lettura
58

Un'altra alternativa è quella di posizionare la stoffa macchiata su una pentola fermando i bordi con delle mollette per tenerla tesa al massimo e fare cadere sulla macchia, da una altezza di circa 30 centimetri, dell'acqua bollente. Subito dopo lavare la stoffa regolarmente. Se il tessuto è molto delicato stendere sempre il punto macchiato su una pentola e aggiungere abbondante alcool fino a farlo assorbire del tutto; poi bagnarlo con abbondante aceto bianco per non rimanere aloni ed infine sciacquare il tessuto con acqua bollente.

68

Per smacchiare i tessuti delicati o quelli di pelle, al posto del sale si può adoperare del latte bollente, il quale è in grado si assorbire la macchia. Per i tessuti di lana o di seta è possibile adoperare del succo di limone, il quale contiene un grado di acidità molto basso. Un'alternativa è quella di utilizzare il perboato di potassio, da sciogliere in un po' di acqua e da applicare con moderazione direttamente sulla macchia.

78

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Casa

Come eliminare le macchie di sudore sui tessuti

La sudorazione eccessiva, specie in estate crea non pochi problemi alla pelle a causa del cattivo odore generato. Lo stesso discorso vale per i tessuti e spesso non basta un normale lavaggio per eliminare le macchie di sudore. Per fortuna ci sono degli...
Casa

Come tingere in casa i tessuti in modo naturale

Colorare i tessuti in modo ecologico è possibile, basta ispirarsi a un’arte antica per ottenere tessuti dai colori sgargianti e vivaci senza dover utilizzare prodotti chimici. Che si tratti di un indumento chiaro che non avete mai indossato, di un...
Casa

Come decorare le bottiglie di vino

Il fai da te è un ottimo metodo per poter risparmiare soldi affidandosi alla propria fantasia e manualità. Le bottiglie in vetro sono l'elemento ideale per poter realizzare dei prodotti belli ed originali da vedere, come per esempio dei vasi per i fiori....
Casa

Come stirare i tessuti misti di poliestere e cotone

Molti degli indumenti che portiamo ogni giorno, dalle camicie ai pantaloni, ai vestiti, o anche i tessuti presenti nelle nostre case, come biancheria, tendaggi e tappezzerie, sono spesso composti da un misto di poliestere cotone; il cotone da' freschezza...
Casa

Come allevare il pesce rosso in acquario

I pesci riescono a ritagliarsi uno spazio, grazie agli acquari, col vantaggio di consumare poco, in termini di cibo, sporcare altrettanto poco e non richiedere eccessive cure. Allietano la giornata, tengono impegnati nei momenti liberi ed ovviamente si...
Casa

Come costruire uno scaffale per il vino da collezione

Per gli amanti del fai da te, realizzare uno scaffale è un lavoro facile e che richiede solo i materiali e gli attrezzi giusti per la costruzione. D'altra parte lo scaffale non è un oggetto molto ingombrante in casa ed è collocabile in un angolo nel...
Casa

Come togliere le macchie di colori ad olio dai tessuti

Tra le varie tecniche di pittura una tra le più suggestive e che dona risultati migliori è sicuramente quella ad olio. Questa tecnica sfrutta la capacità dell'olio di essere un ottimo collante con le polveri colorate con le quali viene mescolato e...
Casa

Come eliminare le bruciature del ferro da stiro

Stirare è tra i lavori di casa più noiosi e complicati. Le camicie, le felpe e la biancheria ricamata richiedono maggiore cura ed attenzione. Un attimo di distrazione o un'impostazione della temperatura errata possono essere fatali per le bruciature...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.