Come eseguire la gettata del calcestruzzo per la costruzione di una scala

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Per la costruzione di una scala in calcestruzzo, sia che si tratti una scala interna o esterna, è necessario prima prendere visione di alcuni elementi base per il calcolo della dimensione e della quantità degli scalini. È un passaggio importante poiché se le alzate degli scalini non raggiungono il piano superiore o sono troppo elevate, si fa sicuramente fatica a raggiungere la meta. Quindi vediamo come eseguire la gettata di calcestruzzo per la costruzione di una scala.

27

Occorrente

  • cazzuola
  • frattazzo
  • calcestruzzo
  • macerie di laterizi
  • cassaforma a scala
  • Metro
37

Prima operazione da eseguire è il calcolo degli scalini che occorrono per raggiungere un piano x rispetto ad un'altezza z. Per far questo occorre conoscere una formula adeguata che è: 2A+P=62-64. Con la lettera A si intende l'alzata dello scalino, quindi l'altezza, mentre P è la pedata, cioè la lunghezza dello scalino per appoggiare il piede. La media di questo rapporto deve dare il valore che si aggira tra 62 e 64 per essere una buona scala. Per fare un esempio: se da terra a tetto (compreso il piano di calpestio) ci sono 3 metri il rapporto ideale è quello di 17 alzate che moltiplicate per 2 fa 34 più 30 di pedata (che è la grandezza ottimale) si ottiene il valore di 64, rientrando quindi nel valore corretto. In media l'alzata perfetta è di 16 centimetri con una pedata di 28-30 centimetri, quindi se i parametri sono corretti si può procedere al calcolo degli scalini occorrenti. Fatto questo bisogna procedere alla realizzazione delle casseformi dove eseguire la gettata di calcestruzzo.

47

A questo punto, se lo spazio da riempire è elevato, si può anche decidere di ridurre la quantità di calcestruzzo da impiegare, cercando di riempire per bene la parte centrale di ogni gradino, con l'aiuto di macerie di laterizi ben compattati, che poi si possono rivestire anche con uno strato di calcestruzzo dello spessore di una decina di centimetri. Dopo si può procedere versando un po' di impasto nella cassaforma inferiore e sollevare la rete posta sul fondo, in modo che sia appoggiata sul calcestruzzo e non sulla cassaforma.

Continua la lettura
57

Man mano che viene gettato il calcestruzzo, si deve cercare di riempire per bene tutti gli angoli della cassaforma, magari aiutandosi con una cazzuola. Una volta che riempito ogni gradino, rendere la superficie liscia con un frattazzo. Dopo qualche ora, quando il calcestruzzo si sarà un po' rassodato, si può anche dare un'ulteriore finitura. Quindi lasciare asciugare per bene, poi svitiamo le assi di supporto frontali e laterali delle varie alzate e togliamo, con estrema cura ed attenzione, la sezione che formava la scanalatura di sgocciolamento.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Non appoggiare i piedi sul calcestruzzo fino a quando questo non sarà completamente asciutto.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Materiali e Attrezzi

Come gettare il calcestruzzo premiscelato in modo corretto

Quando si parla di calcestruzzo, la memoria si ricollega immediatamente al calcestruzzo romano. Questa tecnica costruttiva antica utilizzava malta e pietre per realizzare delle strutture murarie molto resistenti alla compressione. Al giorno d'oggi il...
Materiali e Attrezzi

Come fare il calcestruzzo

Il calcestruzzo è uno dei materiali da costruzione più utilizzato sia per parti strutturali che per elementi decorativi. La sua particolare composizione, che analizzeremo successivamente, conferisce al calcestruzzo una elevata resistenza a compressione...
Materiali e Attrezzi

Come Spianare Il Calcestruzzo Dopo Averlo Gettato

Il calcestruzzo è un materiale indurente che serve per varie costruzioni in muratura ed è costituito da varie componenti ovvero cemento, sabbia, ghiaia e acqua. Se quindi avete appena effettuato un lavoro fai da te con questo materiale, nei passi successivi...
Materiali e Attrezzi

Come impastare il calcestruzzo

Il calcestruzzo è un aggregato di sabbia, ciottoli, ghiaia uniti al cemento reso morbido dall'aggiunta di acqua. Si presta a diversi tipi di lavorazione, dalle rifiniture edili alle fondazioni. Come impastare il calcestruzzo? Per impastare il calcestruzzo...
Materiali e Attrezzi

Come applicare le piastrelle di ceramica sul calcestruzzo

Il calcestruzzo offre un sottofondo resistente per le applicazioni delle piastrelle di ceramica. Se il pavimento di cemento è adeguatamente preparato, il materiale che lega le piastrelle ad un sottofondo è in grado di fornire un'ottima adesione. È...
Materiali e Attrezzi

Come costruire una parete divisoria in calcestruzzo

Se si desidera realizzare una parete divisoria, il calcestruzzo è davvero il prodotto ideale. Affidabile, compatto, sicuro, questo materiale è in grado di svolgere anche una corretta funzione di isolante termico. Le pareti divisorie sono ormai divenute...
Materiali e Attrezzi

Come migliorare la resa del calcestruzzo

In edilizia, il calcestruzzo è un materiale di cui si fa largo uso. Si tratta di una miscela di più materiali che, in base alle proporzioni, può essere più o meno robusto. Ciò lo rende certamente un prodotto versatile, adatto a diversi contesti e...
Materiali e Attrezzi

Consigli d'uso del calcestruzzo

Il calcestruzzo è uno dei materiali più utilizzati nella moderna edilizia. Tecnicamente esso è un cosiddetto "conglomerato", composto da acqua, legante (di solito il cemento), ghiaia, sabbia e ulteriori, eventuali, aggiunte, che ne modificano le caratteristiche...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.