Come essiccare i funghi

tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

Il fungo viene considerato un perfetto alimento che, qualora venisse cucinato in maniera corretta, arricchirebbe le ricette fornendogli un tocco di originalità e sapore in più: esistono vari generi di funghi in natura e, secondo la propria variante, essi possono risultare commestibili o altamente pericolosi e velenosi.
Per riuscire a distinguerli correttamente, pertanto, sarà necessario possedere una grande esperienza: per coloro che non hanno tale capacità, presso i supermercati/ipermercati, sarà possibile trovare i funghi essiccati già pronti all'utilizzo.
Se siete appassionati o qualcuno vi regala dei funghi "essiccabili", però, potrete eseguire l'essiccazione tranquillamente a casa vostra: nel seguente pratico e completo articolo di cucina esplicato successivamente, quindi, vi indicherò un modo facile e assolutamente non dispendioso su come bisogna fare essiccare i funghi.

27

Occorrente

  • Funghi
  • Tavola larga
  • Coltello
  • Scolapasta
  • Acqua
  • Sole o forno
  • Leccarda
  • Carta da forno
37

La fase iniziale dell'essiccazione è abbastanza semplice e le operazioni che sarà necessario effettuare consistono nel procurarsi uno scolapasta (tenendolo sempre a portata di mano), pulire con estrema attenzione i funghi sotto l'acqua corrente, ritagliare sia il "cappello" che il gambo (esclusivamente dal basso verso l'alto o viceversa e non orizzontalmente da destra a sinistra o viceversa) di ciascuno di essi e collocare ogni fungo tagliato bene all'interno dello scolapasta.

47


Nel maneggiare i funghi, bisognerà assolutamente essere molto delicati, allo scopo di evitare di romperli troppo e alterare il loro sapore: qualora fosse possibile, vi consiglio di approfittare di una giornata di Sole.
Successivamente, occorrerà preparare una tavola di legno pulita e abbastanza larga, disporre i pezzetti di fungo in fila (senza mai sovrapporli tra loro) e lasciarli essiccare sotto i raggi solari (ricordandovi di girarli periodicamente): quando nel sollevarli vi accorgerete che si sono formate le classiche macchie di umidità sulla tavola di legno in cui sono appoggiati, il processo di essiccazione sarà completato definitivamente.

Continua la lettura
57

Se non c'è il Sole o desiderate utilizzare un metodo diverso, potrete ricorrere al forno e ottenere comunque i medesimi risultati soddisfacenti.
Le operazioni da compiere sono disporre i pezzetti dei funghi sulla leccarda ricoperta dalla carta da forno (senza mai sovrapporli fra loro), impostare la temperatura del forno a 150°C, infornare quando esso sarà caldo al punto giusto, spegnere l'elettrodomestico quando i funghi saranno abbastanza secchi e lasciarli all'interno con lo sportello aperto (affinché l'umidità possa fuoriuscire lentamente e si concluda definitivamente il processo di essiccazione).

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Potrete utilizzare il forno anche se non siete completamente soddisfatto dell'essiccazione al Sole.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giardinaggio

Come far essiccare le fragole

Eccoci qui, pronti per proporre una nuova guida, veramente molto utile ed anche interessante. Nello specifico vogliamo imparare come e cosa occorre far, per essiccare al meglio la frutta, che siamo soliti consumare in casa. In particolare, siamo veramente...
Giardinaggio

Come essiccare le ortensie

Le ortensie sono tra i fiori più amati e presenti nei nostri giardini e balconi. Se desideriamo essiccarle per creare un grazioso elemento d'arredo per la nostra casa il procedimento non è difficile. Una volta essiccate, le ortensie potranno essere...
Giardinaggio

Come essiccare e conservare le cipolle

Le cipolle sono piante biennali. Inizialmente concentrano la loro forza nel far crescere le foglie, poi in tarda primavera, quando si raggiunge una certa lunghezza del giorno, danno inizio al processo di formazione del bulbo, che è la porzione della...
Giardinaggio

Come essiccare la menta

Quando arrivano le stagioni fredde le erbe aromatiche, come la menta, deperiscono e si rovinano per cui ogni estate bisogna comprarle e piantarle in un posto assolato. Queste erbe sono utilizzate per rendere i piatti colorati, freschi e saporiti. La menta...
Giardinaggio

Come essiccare i fiori già recisi

Quante volte passeggiando immersi nella natura ci si ritrova interdetti a causa di quel desiderio tanto spontaneo quanto egoistico, di portarsi a casa un fiore della cui vista non intendiamo privarci? Avviene spesso starete pensando e qualcuno tra voi,...
Giardinaggio

5 consigli per essiccare le ortensie

È insolita l'idea di essiccare fiori a scopo decorativo. Spesso si conservano i petali di una rosa all'interno di un libro, per ricordare il dolce momento in cui è stata donata. Oppure qualcuno secca fiori profumati per farne dei potpourri, aggiungendo...
Giardinaggio

Come essiccare gli aghi di pino

La natura ci regala tantissimi prodotti e soprattutto semi e foglie da poter essiccare, per poi utilizzarli per preparare gustose e benefiche bevande e tisane, oltre che per alcune decorazioni per la casa come ad esempio cestini e corone ornamentali....
Giardinaggio

Come essiccare l’habanero

I peperoncini in natura si possono trovare di diverse specie e con denominazioni specifiche, come ad esempio il tipo chiamato habanero molto popolare in sud America e appartenente alla famiglia delle Solanaceae. Il consumo alimentare avviene a secco,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.