Come essiccare le rose in modo semplice

Tramite: O2O 18/12/2016
Difficoltà: facile
15

Introduzione

Se nella vostra casa avete delle belle rose, magari le avete acquistate oppure qualcuno ve ne ha regalate un bel mazzo, non lasciatele marcire ma essiccatele così da averle disponibili per molto tempo. Per poterle essiccare sarà necessario seguire pochi semplici e chiari passi ma di fondamentale importanza; solo così, infatti, potrete ottenere buoni risultati. In seguito, in questa guida vi verrà spiegato come essiccare le rose in modo semplice.

25

Togliere i petali malconci e le foglie in eccesso

Per iniziare il processo dovrete avere la "materia prima" ossia in questo caso le rose. Dovrete collocare queste ultime sopra un tavolo e prenderle singolarmente, una ad una, per togliere eventuali petali malconci e foglie in eccesso che, solitamente, si trovano nella parte finale dei gambi delle rose, ossia la zona più esposta alle problematiche subite dall'esterno.

35

Formare dei mazzetti legandoli

A questo punto, come secondo passo potrete raggruppare tutte le vostre varie rose in mazzolini di pochi esemplari, avendo l'accortezza e la precisione di definire beni i vari accostamenti cromatici, non sarà complicato, basterà affidarsi al vostro stesso occhio ed istinto. Se lo riterrete opportuno potrete provare a creare mazzi un po' più cospicui ma questo procedimento rischierebbe di aumentare notevolmente le difficoltà di essiccazione delle rose stesse. Successivamente, dovrete prendere un filo di ferro oppure, in alternativa, una cordicina, va bene per esempio uno spago, una volta che l'avrete preso, legate per bene ciascun mazzo formato in precedenza, procedendo dalla parte opposta rispetto a quella della "testa" della rosa, in cui sono presenti i petali.

Continua la lettura
45

Procedere all'essiccazione

Una volta che avrete ottenuto alcuni mazzolini di rose, dovrete proseguire verso il passo forse più importante, ossia il procedimento relativo all'essiccazione vera e propria delle vostre rose. Dovrete prendere quindi i mazzi di rose e posizionarli per esempio su un muro oppure, in alternativa, potrete posizionarli sopra un appendiabiti inutilizzato. A questo punto, dovrete attendere con pazienza e tranquillità un paio di settimane, solo dopo che saranno trascorse queste settimane potrete godervi le vostre bellissime rose secche da esporre con gusto all'interno dei vostri ambienti di casa. Le vostre rose una volta pronte staranno sicuramente molto bene per esempio come centrotavola. Una cosa molto importante è che non vi dimentichiate di loro, prendetevene cura, se volete potrete riabbellirle alcune volte con alcuni spray adatti alle rose essiccate.

55

Consigli

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Altri Hobby

Come cristallizzare le rose

La cultura occidentale ha da sempre riservato un ruolo speciale alla rosa, assegnandole importanti "compiti", come ad esempio le dichiarazioni d'amore. Inoltre, l'arte culinaria ha implementato questo meraviglioso fiore nei propri ricettari, facendone...
Altri Hobby

Come realizzare delle rose con le foglie secche

In questa semplice ma esauriente guida vi spiegheremo come realizzare delle rose con delle normalissime foglie secche. Leggendo i passaggi di questo tutorial, potrete vedere che tutto questo rappresenta un'operazione abbastanza agevole da mettere in atto,...
Altri Hobby

Come realizzare delle rose in pannolenci

In questo tutorial vi spieghiamo come realizzare delle rose in pannolenci. Fin da piccoli va imparata l'arte della manualità, facendo in modo di poter affinare sempre maggiormente le capacità che uno possiede. Oggigiorno, infatti, si sta perdendo tale...
Altri Hobby

Come creare rose con la pasta di sale

Una buona alternativa al das? La pasta di sale! Preparabile in casa e con semplici ingredienti, può essere conservata in sacchetti di plastica, evitando però il contatto con l'aria, altrimenti tende a seccare e a perdere la sua malleabilità. Continuate...
Altri Hobby

Come essicare i fiori

Per tutti gli amanti dei fiori, è generalmente un piacere riguardarli ogni volta che se ne ha la possibilità. Infatti molti sono quelli che decidono di essiccare i fiori per preservarli per tanto tempo. Che sia il bouquet di nozze o i fiori da campo...
Altri Hobby

Come profumare con il pot-pourri

Il pot-pourri è una composizione formata da fiori secchi, posizionati in ciotole, piatti decorati oppure contenitori aperti, la cui fragranza si diffonde gradevolmente negli ambienti della casa. Si può anche inserire in sacchetti di lino da riporre...
Altri Hobby

Come creare orecchini con la pasta di mais

La pasta di mais, è l'ideale per coloro che amano fare sculture o creare oggetti vari, come ad esempio statuine, collane, bracciali oppure orecchini particolarmente rifiniti. A riguardo di questi ultimi, ci sono nei passi successivi, alcuni suggerimenti...
Altri Hobby

Come realizzare decorazioni originali con i fiori secchi

Come vedremo nel corso di questo tutorial, con i fiori secchi si possono realizzare tante decorazioni originali per la casa, senza investire cifre economiche esagerate e ricorrendo spesso al riciclo creativo di oggetti apparentemente inutili e vecchi....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.