Come evitare gli ingorghi dei lavandini

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

In questo articolo vogliamo cercare di farvi capire in che modo poter evitare che si presentano di ingorghi dei lavandini. Può infatti accadere che, sia in cucina sia nel bagno, l' acqua inizi a scendere molto lentamente negli scarichi a causa di qualcosa che ostruisce il tubo. Questo è l segno che qualcosa ostruisce il normale passaggio dell'acqua all'interno del lavandini, impedendo ad essa di scendere tranquillamente come dovrebbe. Ed ecco che subito provvediamo a versare nei tubi del lavandino, dei prodotti chimici molto dannosi sia per l'ambiente ed anche molto corrosivi per le nostre tubazioni, non consapevoli di questi rischi. In realtà c'è un metodo molto più semplice, economico ed anche naturale, che ci può dare una mano nel tenere puliti le tubazioni ed impedire così gli ingorghi nei nostri lavelli. Seguiamo con molta attenzione questa guida semplice e veloce, che ci permette di utilizzare il classico metodo del fai da te, comodo e veloce e ci spiega come evitare gli ingorghi dei lavandini di casa nostra.

26

Occorrente

  • acqua
  • sale grosso
  • bicarbonato di sodio
36

La prima cosa che dobbiamo fare per evitare ingorghi nelle tubazioni è quella di prendere un bel pentolone capiente e riempirlo di acqua. Mettiamo il tutto sul fornello e portiamo l'acqua ad ebollizione. Procurarci un uncinetto da lana, che sia bello grosso e liberiamo la parte alta dello scarico, dai residui di capelli ed altri eventuali residui di sapone, che si sono depositati in alto. Cercate di liberarlo fin dove potete, il più possibile, in modo che successivamente riusciamo con più facilità a pulire le tubature in profondità.

46

Nel frattempo che aspettiamo che l'acqua bolle, versiamo nello scarico del lavandino, in proporzione tre bicchierini da caffè eli sale grosso ed anche due bicchierini di bicarbonato di sodio. A questo punto versiamo lentamente l'acqua bollente, cercando di prestare attenzione ad allontanare il viso, perché l'acqua ed anche il vapore, potrebbe risalire su. Sentiremo subito che lo scarico si sta pulendo per bene e che l'acqua inizia pian piano a defluire, molto più rapidamente, rispetto a prima, e questo vuol dire che lo scarico si sta pulendo.

Continua la lettura
56

Nel caso quest'operazione non dovesse bastare e quindi, se la situazione è particolarmente compromessa, è consigliabile ripetere l'operazione per almeno un paio di volte, in modo che l'acqua bollente possa sciogliere ogni residuo che si è depositato, ostruendo il normale passaggio dell'acqua nel nostro lavandino. Anche se vedete che al primo colpo l' acqua bollente ha liberato i tubi, vi consigliamo per sicurezza di ripetere l' operazione un paio di volte, in modo da pulire le tubature in maniera profonda e da non trovarvi fra una settimana con lo stesso problema.
Essendo il sale ed anche il bicarbonato, dei prodotti assolutamente innocui ed anche naturali, è consigliabile adottare questo metodo sistematicamente, almeno ogni paio di mesi. È bene farlo molto prima ancora che gli scarichi si otturino, in quanto sarà meno difficile pulirli, ed in questo modo avremo la certezza che non vi saranno più problemi del genere.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Ripetete il passaggio ogni paio di mesi anche se i tubi sono puliti

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Casa

Come dipingere vasche e lavandini

Col passare del tempo e con l'usura può accadere che i sanitari si ingialliscano e che si renda necessario rinnovarli. Quello che bisogna sapere è non è sempre necessario sostituirli, in quanto in commercio esistono dei prodotti specifici adatti per...
Casa

Come sgorgare un lavello o un lavabo

L'accumulo di molte impurità (come residui di sapone, capelli, avanzi di cibo, ecc.) sono la causa principale degli ingorghi degli scarichi. I metodi per disintasarli prevedono l'uso di un prodotto chimico oppure l'adoperare metodi meccanici come lo...
Casa

Come disintasare gli scarichi

Gli scarichi dei lavandini di bagni e cucine si possono intasare nonostante vengano adottate tutte le precauzione del caso. Nella maggioranza dei casi le cause sono da imputare alla solidificazione di grassi contenuti sia negli alimenti che all'interno...
Casa

Come realizzare un mobile con lavello

Gestire adeguatamente l'arredamento del bagno e sfruttare al meglio ogni piccolo spazio, è un grande obiettivo da perseguire. Tuttavia, la moda del momento di propone delle soluzioni più o meno adeguate alle nostre esigenze. Il problema generalmente...
Casa

Come sturare il lavandino con metodi naturali

Vi sarà sicuramente capitato, una o più volte, di ritrovarvi con lo scarico del lavandino intasato.Si tratta di un problema molto comune, che si verifica in tutte le case.  Ed ecco che vi sarete ritrovati alle prese con mille metodi per risolvere la...
Casa

Metodi anticalcare naturali

La quantità di calcare (carbonato di calcio) dell'acqua ne determina il grado di durezza. La presenza del calcare si trova dunque su tutte le superfici a contatto con l'acqua. Come in cucina ed in bagno: su piastrelle, rubinetti, lavandini e così via....
Casa

Come sgorgare le tubature in maniera naturale

I tubi di scarico, soprattutto quelli del lavandino del bagno e del lavello della cucina, tendono ad intasarsi a causa dei residui di cibo, capelli e piccoli oggetti che possono cadere accidentalmente nello scarico. Questo intasamento provoca un rallentamento...
Casa

Come sbloccare lo scarico del lavandino

Quando un lavandino è bloccato e proprio non si riesce a liberarlo dall'intasamento nonostante le continue pressioni con la ventosa conviene chiamare un idraulico che venga a ripararlo. Tuttavia, con l'attuale crisi economica, risparmiare un po' di denaro...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.